Cistite maschile: quali sono i sintomi?

8 Agosto 2020
La cistite maschile, oltre a provocare dolore, si manifesta con alcuni disturbi legati alla minzione. Come si riconosce? Quali sono i sintomi? Ne parliamo in questo articolo.

Il termine cistite indica l’infiammazione della vescica. Sebbene si tratti di un disturbo frequente nelle donne, colpisce anche gli uomini. Come si può riconoscere? I sintomi della cistite maschile e di quella femminile non differiscono troppo. In entrambi i casi è importante prestare molta attenzione al decorso dell’infiammazione.

La cistite maschile colpisce in genere gli uomini di età compresa tra i 15 e i 50 anni. Sebbene non si tratti di un grave problema di salute, è molto fastidioso e in alcuni casi può essere il sintomo di altre patologie. Nelle prossime righe vi diremo tutto quello che c’è da sapere al riguardo.

Infezioni urinarie e cistite maschile

Le infezioni delle vie urinarie negli uomini possono colpire sia le vie urinarie inferiori, in particolare la vescica, si quelle superiori, ovvero i reni. Il termine “cistite” fa riferimento all’infezione della vescica e del tratto urinario inferiore.

Con cistite acuta semplice si intende l’infezione che colpisce la sola vescica, senza coinvolgere il resto dell’apparato urinario o i reni. La corretta diagnosi in questo caso è estremamente importante, in quanto la localizzazione influisce sul trattamento e la prognosi.

Sintomi della cistite maschile

La cistite è meno frequente negli uomini per via della diversa morfologia dell’uretra, che essendo più lunga ostacola il passaggio degli agenti patogeni nella vescica. Al tempo stesso, come riportato in una pubblicazione del National Center for Biotechnology Information, anche le difese antibatteriche del liquido prostatico riducono le probabilità di cistite negli uomini.

Nella maggior parte dei casi la cistite maschile non è soggetta a complicanze e i sintomi sono simili a quelli femminile. In generale, si osserva quanto segue:

  • Disuria: ovvero minzione dolorosa. Tale dolore o fastidio può essere percepito come una sensazione pungente o di bruciore.
  • Aumento della frequenza di minzione: nota anche come pollachiuria, caratterizzata dall’aumento della produzione di urina.
  • Urgenza di urinare: ovvero il bisogno impellente di urinare, impossibile da trattenere.

Tra gli altri sintomi meno frequenti abbiamo:

  • Dolore sovrapubico.
  • Nicturia, ovvero minzione durante la notte.
  • Difficoltà nell’emissione del getto di urina.
  • Ematuria, ovvero sangue nelle urine.
Uomo con cistite e dolore.
I sintomi della cistite maschile sono simili a quelli delle donne. Bruciore durante la minzione, bisogno urgente di urinare e aumento della frequenza urinaria.

Possibili complicazioni

Se i sintomi della cistite maschile si ripresentano con frequenza o sono accompagnati da dolore pelvico o perineale e febbre, potrebbe trattarsi di prostatite. È dunque consigliabile sottoporsi a una visita urologica.

Analogamente, la presenza di febbre, brividi, affaticamento e sensibilità nell’area del fianco o dell’angolo costovertebrale esclude la diagnosi di cistite acuta semplice. Tali manifestazioni cliniche indicano un quadro di pielonefrite.

Una corretta diagnosi della cistite è fondamentale per prescrivere il trattamento antimicrobico necessario e, dunque, prevenire eventuali complicazioni. Naturalmente, sarà il medico a determinare se i sintomi sono ascrivibili a tale infezione o a un’altra patologia.

Può interessarvi anche: Cistite dopo i rapporti: perché e come prevenirla?

Esami diagnostici

Il medico inizierà la visita con un colloquio incentrato sui sintomi. Potrà così stabilire il bisogno o meno di eventuali esami complementari. Tra questi:

  • Coltura delle urine: detta anche urinocoltura, fornisce dati di suscettibilità agli antibiotici. La colorazione di Gram può essere utile per orientare la scelta della terapia antibiotica in attesa dei risultati della coltura. Verrà pertanto rilevata la presenza di batteriuria. In caso di sospetta cistite, viene sempre eseguito questo esame. Non verrà prescritto alcun trattamento antibiotico senza aver prima raccolto un campione d’urina per il test di coltura.
  • Altri esami: in caso di sospetta prostatite acuta, si eseguirà un esame rettale digitale. In presenza di prostata edematosa e sensibile, si potrà confermare la diagnosi.

Per gli uomini affetti da cistite, in particolare con episodi ricorrenti causati dallo stesso ceppo di batteri, si effettuerà l’esame per la prostatite.

Visita medica per la diagnosi di cistite maschile.
Per confermare la diagnosi di cistite ed escludere altre possibili cause, il medico prescrive alcuni esami complementari come l’analisi delle urine.

Fattori di rischio di infezione acuta

Alcune particolari caratteristiche possono favorire lo sviluppo di un’infezione delle vie urinarie in forma acuta e incline a complicazioni. Il medico adotterà pertanto particolari cautele qualora i pazienti mostrino:

  • Alterazioni delle vie urinarie: nefrolitiasi, stenosi, stent o diversioni urinarie.
  • Sistema immunitario compromesso: neutropenia o infezione da HIV in fase avanzata.
  • Diabete mellito non adeguatamente tenuto sotto controllo.

Leggete anche: Disfunzioni sessuali legate al diabete

Come calmare i sintomi?

Come anticipato, il tasso di sviluppo della cistite maschile in soggetti sotto i 50 anni in buona salute e che non soffrono di altri disturbi è piuttosto basso. Superata tale età, tuttavia, il rischio aumenta anche in ragione dell’ipertrofia prostatica di cui molti uomini soffrono.

In presenza dei sintomi della cistite, è consigliabile sottoporsi quanto prima a una visita medica per stabilire la corretta diagnosi e valutare il trattamento del caso. Si consiglia anche di monitorare il decorso del disturbo, unitamente ai risultati della coltura delle urine.

In alcuni casi il nefrologo o l’urologo dovranno esaminare l’intero apparato urinario e la prostata. Infine, vale la pena di ricordare che adottare uno stile di vita sano, che prevede l’abitudine di bere abbondante acqua durante la giornata, rappresenta la migliore prevenzione di recidiva.

  • Zanella MC, Schoofs F, Huttner B, Huttner A. Infections urinaires basses non associées aux sondes urinaires chez l’homme. Urétrite, cystite et prostatite [Lower urinary tract infections in men. Urethritis, cystitis and prostatitis]. Rev Med Suisse. 2017;13(558):808‐814.
  • Hooton Thomas, Acute simple cystitis in men, retrieved on 10 June 2020, Evidence-based Clinical Decision Support- UpToDate. https://www.uptodate.com/contents/acute-simple-cystitis-in-men?search=cistitis%20men&source=search_result&selectedTitle=1~150&usage_type=default&display_rank=1
  • Kasper y col., Principios de medicina interna de Harrison, edición número 19, Editorial McGrawHill.
  • Li R, Leslie SW. Cystitis. [Updated 2020 May 29]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK482435/
  • Roberts, R. G., & Hartlaub, P. P. (1999, September 1). Evaluation of dysuria in men. American Family Physician.
  • Lee G, Romih R, Zupančič D. Cystitis: from urothelial cell biology to clinical applications. Biomed Res Int. 2014;2014:473536. doi:10.1155/2014/473536
  • Lipsky BA. Prostatitis and urinary tract infection in men: what’s new; what’s true?. Am J Med. 1999;106(3):327‐334. doi:10.1016/s0002-9343(99)00017-0
  • Price TK, Dune T, Hilt EE, et al. The Clinical Urine Culture: Enhanced Techniques Improve Detection of Clinically Relevant Microorganisms. J Clin Microbiol. 2016;54(5):1216‐1222. doi:10.1128/JCM.00044-16