Come eseguire una pulizia intestinale

Questo tipo di pulizia durerà una settimana, anche se potete prolungarla fino a quindici giorni, se pensate di averne bisogno.
Come eseguire una pulizia intestinale

Ultimo aggiornamento: 28 gennaio, 2021

Realizzare una pulizia intestinale è davvero importante. Abbiamo già parlato dell’importanza di depurare e disintossicare, almeno una volta l’anno, il fegato e i reni.

Non possiamo però dimenticarci del colon o intestino crasso, che ha la funzione di assorbire una piccola parte delle sostanze nutritive non assimilate in precedenza, oltre che accumulare le feci che saranno infine espulse.

Ecco come realizzare a casa una pulizia intestinale semplice, ma efficace, e totalmente naturale.

Una settimana di pulizia intestinale

Questo tipo di pulizia durerà una settimana, anche se potete prolungarla fino a quindici giorni, se pensate di averne bisogno.

Tuttavia, per poter trarne il massimo dei benefici, è importante che al termine della pulizia si cerchi di mantenere buone abitudini alimentari, per non vanificare il lavoro realizzato.

Alimenti proibiti e alimenti consentiti

Nel corso di questa settimana dovrete essere molto rigidi in fatto di alimentazione, se volete ottenere buoni risultati in così poco tempo.

Dovrete eliminare dalla dieta i seguenti alimenti:

  • Cereali e farine raffinate con i loro derivati (prodotti da forno e di pasticceria): li sostituiremo con cereali e farine integrali ricchi di fibre naturali.
  • Zucchero bianco e bibite zuccherate: useremo miele, melassa di canna e zucchero di canna integrale. Sono consentiti succhi naturali non zuccherati.
  • Oli raffinati e fritti: verranno sostituiti da olio extravergine di oliva oppure olio di cocco extra vergine, di prima spremitura a freddo. Li consumeremo crudi, senza friggerli.
  • Carne rossa ed insaccati: è concessa la carne bianca, il pesce, le uova, i legumi, come fonte principale di proteine.
  • Latte e latticini: l’unica eccezione è costituita dalla ricotta oppure il formaggio fresco, meglio se di capra o di pecora. Il latte può essere sostituito da bevande vegetali a base di avena, riso, miglio, grano saraceno, etc.
  • Sono da escludere il caffè e il tabacco.

Leggete anche: 8 falsi miti sul fumo

Riso bianco ed integrale

Migliorare il transito intestinale

Durante il trattamento, è importante facilitare il transito intestinale. Per questo motivo occorrerà assumere, tutti i giorni, questi alimenti.

  • Semi di lino: mettete un cucchiaino di semi di lino (circa 10 grammi) a bagno in un bicchiere d’acqua, per tutta la notte. La mattina, a digiuno, bevete tutto insieme, l’acqua e i semi.
  • Prugne secche: mangiate 3 o 4 prugne secche a digiuno, dopo aver preso i semi di lino.
  • 2 infusi di tarassaco: uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio.
  • Semi di zucca: durante la giornata mangiate 30 semi di zucca crudi, per eliminare eventuali parassiti intestinali.
  • Carciofo: la sera, prima di andare a dormire, prendete dell’estratto di carciofo, che potete acquistare in farmacia o in erboristeria, liquido, in capsule o in compresse.
Carciofo bollito

Clisteri a base di camomilla per pulizia intestinale

Il clistere è un rimedio tradizionale che consiste nell’introdurre acqua o altre soluzioni curative direttamente nell’intestino, attraverso l’ano.

Aiuta ad eliminare le feci che si accumulano nell’intestino.

Durante la settimana, dovrete praticare 3 clisteri, alternati ad un giorno di riposo.

Per praticare il clistere, dovete procurarvi un irrigatore o una pera di gomma, che si compra in farmacia. Avrete bisogno dei seguenti ingredienti:

  • Un litro di infuso di camomilla. Cercate preferibilmente la camomilla biologica.
  • Succo di un limone.
  • Un cucchiaio scarso di sale marino.
  • Un litro di acqua.
Clistere

Come si fa?

Per preparare la soluzione per il clistere, sarà sufficiente mescolare tutti gli ingredienti.

Introducete i due litri di liquido nell’intestino, con l’aiuto della cannula dell’irrigatore o della peretta di gomma, previamente lubrificata con un po’di olio.

L’operazione va eseguita lentamente, fermandosi tutte le volte che si rende necessario.

Bisogna trattenere il liquido più a lungo possibile, nonostante si avverta l’esigenza di evacuare. Evacuate se la sensazione diventa troppo forte o dolorosa, cercando però di trattenere il liquido almeno dieci minuti. Ripetete l’operazione fino a quando non avrete esaurito tutto il liquido.

Il clistere va fatto sempre a stomaco vuoto, devono essere trascorse almeno due ore dall’ultimo pasto.

Al termine della settimana di pulizia, è consigliabile assumere un integratore, per ripopolare la flora batterica e per potenziare e prolungare gli effetti del trattamento.

Potete acquistarlo in farmacia e assumerlo lontano dai pasti, preferibilmente la mattina, a digiuno.

Immagini per gentile concessione di gullpress, foodiesathome e Pavel Fiskovich

It might interest you...
Le tre regole d’oro per un intestino sano
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Le tre regole d’oro per un intestino sano

Scoprite come applicare le tre regole d'oro per avere un intestino sano: alimentazione a base di cibo integrale, pulizia periodica e consumo di pro...