Come evitare i crampi muscolari

26 Marzo 2014
Per evitare i dolorosi spasmi, vi raccomandiamo di consumare alimenti ricchi di magnesio e potassio e di realizzare stretching e massaggi nella zona interessata.

I crampi muscolari sono degli spasmi che si verificano quando il muscolo si contrae involontariamente. Sono frequenti i crampi notturni oppure dopo l’attività fisica, e possono diventare molto dolorosi.

In quest’articolo vedremo insieme quali sono gli alimenti, i nutrienti e gli integratori che possono aiutare a evitare i crampi muscolari e quindi a migliorare le condizioni dei nostri muscoli.

Magnesio

Ogni volta che parliamo di salute dei muscoli, pensiamo al magnesio. Il magnesio è un minerale che, sfortunatamente, è spesso poco presente nella nostra alimentazione, a causa sia delle cattive abitudini alimentari sia della cattiva qualità degli ortaggi che si coltivano al giorno d’oggi.

Potete assumere magnesio attraverso degli integratori, nelle forme di cloruro di magnesio o magnesio citrato, ma anche tramite gli alimenti che lo contengono, quali:

  • Ortaggi a foglia verde
  • Cacao
  • Frutta secca
  • Piselli
  • Avocado
  • Riso integrale
  • Banana

Potrebbe interessarvi leggere anche: 3 motivi per includere il magnesio nella vostra dieta

riso integrale

Potassio

Il potassio è un altro dei minerali di cui i vostri muscoli hanno bisogno. La vostra dieta dovrebbe contenere quantità analoghe di potassio e di sodio, cioè un equilibrio tra questi due minerali.

Tuttavia, poiché il sodio abbonda troppo nei nostri piatti, è normale che ci sia uno scompenso di potassio. Quali alimenti sono ricchi di potassio?

  • Pomodoro
  • Banana
  • Germe di grano
  • Frutta secca
  • Patata
  • Rabarbaro
  • Melone

Un buon modo per assicurare al vostro organismo l’apporto quotidiano sufficiente di magnesio, potassio e degli altri minerali consiste nel preparare ogni giorno un’insalata con ortaggi a foglia verde, frutta secca, semi di girasole, semi di sesamo e germogli. Inoltre, potete utilizzare l’aglio crudo per condire i vostri piatti.

il rabarbaro è una buona fonte di potassio, utile a prevenire i crampi muscolari

Integratori naturali

  • Tintura di viburno: la tintura di questo arbusto è una soluzione naturale per combattere i crampi muscolari. Assumere un cucchiaino di tintura disciolto in acqua fino a tre volte al giorno.
  • Pungitopo o rusco: il rusco è una pianta che aiuta a migliorare la circolazione e per questo motivo contribuisce ad evitare i crampi muscolari. Assumere da 7 a 11 mg di estratto di rusco al giorno.
  • Rosmarino: per le sue proprietà e i suoi eccellenti benefici in caso di disturbi circolatori, il rosmarino non può mancare tra i rimedi naturali.

Leggete anche: 7 integratori ideali per godere di una salute di ferro

Docce fredde alle gambe

L’idroterapia, o terapia con acqua a varie temperature, può essere molto utile per migliorare la circolazione. In questo caso potete ricorrere all’acqua fredda; il percorso da fare con il getto della doccetta è il seguente:

  1. Risalire lungo il lato esterno della gamba destra.
  2. Scendere lungo il lato interno della gamba destra.
  3. Risalire lungo il lato esterno della gamba sinistra.
  4. Quando arrivate all’altezza del ginocchio, ritornate un momento al ginocchio destro, tornate a quello sinistro per poi scendere verso il basso.
  5. Se possibile, ripetete lo stesso percorso per la parte posteriore delle gambe, senza, però, dover passare da un ginocchio all’altro.
  6. Quando vi asciugate le gambe, userete un asciugamano ruvido, strofinando un po’ la pelle, dal basso verso l’alto.

Esercizi, stretching e massaggi

Se una buona alimentazione è importante, lo è anche l’attività fisica quotidiana, ma non troppo aggressiva, come camminare, nuotare o andare in bicicletta, a cui si aggiungono gli esercizi di stretching muscolare prima e dopo l’attività.

Infine, è utile anche ricevere dei massaggi alle zone dove solitamente avvertite i crampi, possibilmente da un fisioterapista o da un osteopata, ma potete farli anche da soli, se la zona interessata lo permette.

Potete utilizzare olio di sesamo come base a cui aggiungerete alcune gocce di olio essenziale di alcune di queste piante: amamelide (Hamamelis virginiana), rosmarino, rusco o vite.

Una volta terminato il massaggio, coprirete la zona trattata con degli asciugamani, lasciando riposare il muscolo per almeno 15 minuti per preservare il calore nella zona.

Immagini per gentile concessione di silvermann68 e sweetbeetandgreenbean.