Come lavare le coperte di lana

Le coperte di lana sono realizzate con fibre naturali che sono molto delicate e richiedono cure particolari. In questo articolo ti diciamo come lavarle.
Come lavare le coperte di lana

Ultimo aggiornamento: 28 settembre, 2022

Le coperte realizzate con tessuti naturali, come la lana, sono molto delicate. Passano attraverso pochissimi processi industriali per ottenere il prodotto finale. In generale sono di ottima qualità e molto fragili a causa della pulizia regolare. In questa occasione esamineremo come lavare una coperta di lana e mantenerla intatta.

Si lavano a mano o in lavatrice? Richiedono il lavaggio a secco? Qual è il modo migliore per lavarle senza intaccare le sue fibre naturali? Risponderemo a tutte queste domande, così puoi assicurarti che siano pulite e come nuove.

Le coperte di lana devono essere lavate ogni anno?

La risposta è no. Ecco perché.

La lana, di suo, mantiene un processo di auto-pulizia. Ciò significa che respinge lo sporco in modo naturale, senza l’ausilio di alcun tipo di detergente. In questo contesto, si consiglia di ventilarlo frequentemente.

A volte capita di avere un piumino imbottito di lana; e il tessuto che ricopre questa lana si sporca e va lavato, perché non c’è altra alternativa. In tal caso, quando il lavaggio è imminente, vediamo come si può fare.

Coperta nordica.
Le coperte possono sporcarsi, anche se sono solo decorative. Pertanto, di tanto in tanto bisogna lavarle.

Leggi anche: 12 regole della decorazione da conoscere

Come lavare a mano le coperte di lana?

Prima di tutto, leggi attentamente l’etichetta della coperta, perché lì troverai informazioni su quale tipo di lavaggio è il più appropriato, la temperatura dell’acqua e il tipo di sapone consigliato.

Quindi, sarai in grado di lavarlo, seguendo questi passaggi:

  1. Dovrai usare la vasca da bagno o un grande contenitore in modo che si adatti senza intoppi e non sia troppo stretto. Riempi la vasca con acqua tiepida e aggiungi sapone neutro o un detergente delicato. Successivamente, devi immergere completamente la coperta. Non contiene ammorbidente; solo il sapone.
  2. Lasciar riposare per due ore, più o meno. Non cercare di strofinare o spazzolare o spugnare per rimuovere qualsiasi macchia particolare.
  3. Per risciacquare, la vasca deve essere svuotata e riempita di acqua pulita. Non è necessario strizzare la coperta, perché potresti danneggiarne la struttura. Se è rimasto del prodotto, la lana stessa si staccherà attraverso un processo naturale.
  4. Svuotare la vasca e lasciarla riposare senza scolare. Ancora una volta, la lana da sola scioglierà l’acqua dalle sue fibre. Potrebbero essere necessarie circa 2-3 ore prima che la coperta smetta di gocciolare ed è appena umida.
  5. Infine, devi lasciare asciugare la coperta all’aria aperta, ma non alla luce diretta del sole, perché i colori originali potrebbero risentirne.

Questo metodo può essere applicato anche per gli altri capi di lana.

Leggi anche: Disinfettare naturalmente la camera da letto

Come lavare le coperte di lana in lavatrice?

Non è la prima o la seconda scelta per lavare la coperta in pile. Tuttavia, se decidi di continuare, prova ad utilizzare un programma per capi in lana, acqua fredda ed elimina la centrifuga.

I vestiti di lana tendono a restringersi se viene utilizzata una centrifuga, quindi ricordati di rimuoverla. Se la macchina non dispone di un programma per la lana, sceglierne uno per i capi delicati.

Un altro suggerimento è di conservarlo su una superficie piana durante la notte, per evitare che si deteriori alla luce diretta del sole. Evitare di appenderlo, poiché potrebbe deformarsi.

Lavaggio a secco

Questa è, senza dubbio, una delle alternative più sicure per lavare le coperte di lana e mantenerle intatte. Dovrebbero essere professionisti e sapere cosa stanno facendo, quindi puoi lasciarla con fiducia.

Altre alternative per lavare le coperte di lana

Come abbiamo già accennato all’inizio, il lavaggio di una coperta di lana dovrebbe essere evitato il più possibile. Per fare ciò, condivideremo con te alcuni suggerimenti per mantenerlo pulito:

  • Aerato: aerare o ventilare la coperta in lana è fondamentale per mantenerla in condizioni ottimali. Idealmente, agitalo ogni giorno e appendilo in un luogo in cui riceve aria per alcune ore.
  • Rimuove le macchie: in caso di macchie, non è necessario lavare l’intera coperta, ma possiamo pulire solo l’area interessata. La fibra di lana respinge l’acqua; è idrofoba. Le componenti naturali di questa fibra agiscono per sciogliere le particelle di sporco. Se è macchiato, prova a spruzzare un po’ d’acqua saponata per vedere se si toglie. Non devi mai strofinare.
  • Pulizia a vapore: questa opzione è ottima, soprattutto se la coperta ha accumulato un forte odore, come cibo o umidità. Se hai il vaporetto, puoi aggiungere degli oli essenziali per profumarla.
Vaporiera per pulire una coperta di lana.
Il vaporetto è ideale per pulire le coperte di lana, proprio come fai per il resto dei tuoi vestiti.

Agire con cautela

Ci auguriamo queste informazioni ti aiutino a garantire che i capi di lana rimangano sempre come nuovi. Ricorda che la coperta di lana ha due nemici che possono essere fatali: strizzarla e appenderla verticalmente.

Se noti che è rimasta dell’acqua in eccesso, puoi utilizzare degli asciugamani per assorbirla. D’altra parte, non appenderla mai verticalmente perché si deformerebbe.

Potrebbe interessarti ...
5 trucchi per lavare e sbiancare i vestiti
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
5 trucchi per lavare e sbiancare i vestiti

È bene conoscere alcuni trucchi che aiutano a preservare i vestiti bianchi senza dover usare sostanze chimiche aggressive e dannose per l'ambiente.



  • Gómez, Ó. T. (2009). Cadena productiva de lana de oveja en el sector textil y de confecciones. Industrial data12(2), 73-80.
  • Urgilés Ortíz, J. T. (2020). Experimentación con las técnicas de tinturado natural y afieltrado de lana de oveja y fibra de alpaca(Bachelor’s thesis, Universidad del Azuay).
  • Sánchez Llanos, M. L. (2020). La experimentación en el tinturado natural de lana de oveja y fibra de alpaca(Bachelor’s thesis, Universidad del Azuay).
  • Otegui, P. (2015). Lana: fibra natural, renovable y autosustentable. Del campo a la tienda. XLIII Jornadas Uruguayas de Buiatría.
  • Vílchez Maldonado, S. (2005). Nuevos tratamientos de lana con enzimas.
  • Wadel, G. (2009). Aislamientos térmicos renovables y reciclados de lana de oveja y algodón: Un aporte a la construcción sostenible. Revista de Arquitectura15(20), ág-27.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.