Commozione cerebrale nei bambini

La commozione cerebrale è una lieve lesione traumatica che comporta l'alterazione temporanea delle normali funzioni cerebrali.
Commozione cerebrale nei bambini

Ultimo aggiornamento: 18 novembre, 2020

La commozione cerebrale è causata da un trauma o da un colpo alla testa, tale da provocare un rapido e violento movimento in avanti e indietro del cervello all’interno della scatola cranica.

Nell’articolo di oggi, parleremo più nel dettaglio delle caratteristiche, dei sintomi e del trattamento della commozione cerebrale nei bambini.

Sintomi della commozione cerebrale

I sintomi di una commozione cerebrale possono essere lievi e non manifestarsi fino a 24 o 48 ore dopo l’infortunio. Riconoscerli è piuttosto complicato nel caso di neonati e bambini molto piccoli, in quanto non sono in grado di descrivere cosa sentono.

Tra i segni che possono indicare una commozione cerebrale, troviamo:

  • Difficoltà nell’equilibrio e nella coordinazione: andatura instabile o difficoltà nell’eseguire semplici compiti come giocare con una palla.
  • Leggero stato confusionale o di stordimento.
  • Perdita di memoria (amnesia).
  • Stanchezza.
  • Apparire triste o più sensibile del solito.
  • Presentare segni di ansia o irritazione senza una causa apparente.
  • Difficoltà ad addormentarsi.
  • Alterazioni del sonno (il bambino dorme troppo o troppo poco).
  • Inappetenza.
  • Pianto eccessivo.
  • Perdita d’interesse per le attività preferite.
Bambino che piange

Peggioramento dei sintomi

Se il bambino ha battuto la testa e sospettate che possa essersi verificata una commozione cerebrale, ma non ci sono sintomi, è possibile che si tratti solo di una lesione lieve e che non necessiti di trattamento o di valutazione medica.

Se, però, con il passare delle ore osservate uno dei sintomi sopra elencati, rivolgetevi tempestivamente al medico di base o al pronto soccorso, così che possano effettuare una corretta diagnosi e stabilire gli esami e le cure necessarie.

Sarà invece imperativo contattare il medico o chiamare il servizio di emergenza nei seguenti casi:

  • Vomito ricorrente.
  • Convulsioni
  • Vertigini ed evidente perdita di equilibrio.
  • Forti mal di testa.
  • Il bambino non si sveglia.
  • Perdita di coscienza.
  • Stato confusionale (il piccolo non riconosce le persone a lui  familiari).
  • Balbettio e difficoltà di linguaggio (nei bambini che di solito parlano fluentemente).
  • Disturbi alla vista: pupille dilatate, vista annebbiata (non riconoscere gli oggetti).
  • Ematomi e spesse protuberanze sulla testa, presenza di gonfiore e bruciore (specialmente nei neonati).

Diagnosi della commozione cerebrale

Di fronte a qualsiasi dubbio, è estremamente importante consultare tempestivamente il medico. Una commozione cerebrale diagnosticata in tempo e trattata correttamente non causerà alcun danno alla salute del bambino.

Al contrario, se non si presta attenzione ai sintomi e non si interviene in tempo, la commozione può provocare danni al cervello, con conseguenze nefaste sia per le funzioni motorie che lo sviluppo cognitivo e sensoriale.

Per la diagnosi di tale lesione, il medico procederà con una valutazione approfondita delle funzioni del sistema nervoso: test di equilibrio, coordinazione e riflessi.

Potrebbe anche richiedere degli esami di diagnostica per immagini (TAC, risonanza magnetica) al fine di determinare il grado di coinvolgimento del cervello e delle strutture adiacenti.

Medico con bambino

Trattamento

Il trattamento dipenderà dalla gravità della lesione e dalle caratteristiche del bambino. Se il medico non richiede il ricovero in ospedale, è probabile che prescriva una serie di raccomandazione da seguire a casa:

  • Riposo. Interrompere qualsiasi attività che implichi lo sforzo fisico per tutta la durata del tempo indicato dal medico e nei casi in cui il bambino manifesti ancora dei sintomi; così da evitare un ulteriore trauma e non prolungare il periodo di guarigione.
  • Evitare qualsiasi tipo di attività cognitiva: si consiglia di non mandare il bambino a scuola o all’asilo nido per il periodo in cui si manifestano i sintomi, in modo che non peggiorino.
  • Introduzione graduale delle attività quotidiane.
  • Assumere grandi quantità di liquidi ed evitare cibi troppo grassi o poco sani.

È di fondamentale importanza prestare la massima attenzione ad eventuali cambiamenti che il bambino presenti entro le 48 ore dalla lesione. Se peggiora o manifesta qualcuno dei sintomi, consultate nuovamente il medico.

Sindrome post-commozione cerebrale

Gran parte dei bambini sottoposti a un trattamento adeguato, guariscono completamente dalla commozione cerebrale. Tuttavia, esistono casi in cui possono andare in contro alla sindrome di post-commozione cerebrale.

Questa sindrome è caratterizzata dalla manifestazione dei sintomi tipici di questa lesione anche dopo il tempo di recupero previsto.

Il motivo per cui in alcuni soggetti i sintomi perdurano nel tempo non è del tutto chiaro. Ma in generale, non dipende dalla gravità del trauma. L’incidenza dei sintomi potrebbe essere relazionata all’aver subito di recente o ripetutamente altri episodi di commozione cerebrale.

Potrebbe interessarti ...
Anche gli urti leggeri danneggiano il cervello
Vivere più saniLeggilo in Vivere più sani
Anche gli urti leggeri danneggiano il cervello

Alcuni studi hanno dimostrato che anche urti leggeri danneggiano il cervello. In questo articolo vi spieghiamo il perché secondo alcuni studi.