Condizionamento operante: che cos'è e come funziona?

Il condizionamento operante viene utilizzato per modificare il comportamento umano. È spesso utile nel trattamento di fobie e dipendenze.
Condizionamento operante: che cos'è e come funziona?

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 09 agosto, 2022

Il condizionamento operante è una teoria dell’apprendimento e, allo stesso tempo, una tecnica per la modificazione del comportamento. Ha molteplici applicazioni che vanno dalla persuasione pubblicitaria al trattamento di fobie e dipendenze.

È anche noto come condizionamento strumentale o di Skinner. In termini generali, serve ad aumentare o diminuire specifici comportamenti introducendo conseguenze positive o negative.

È nato nell’ambito del  comportamentismo e si chiama così per differenziarlo dal condizionamento classico, che era precedente.

Che cos’è il condizionamento operante?

Il condizionamento operante è un metodo di apprendimento. Si basa sull’associazione tra un determinato comportamento e l’introduzione di conseguenze positive o negative. Se la conseguenza è positiva, il comportamento viene rafforzato; se è negativo, viene ridotto o eliminato.

L’obiettivo di questo approccio è aumentare o diminuire la probabilità che un comportamento si ripeta. Se c’è una ricompensa per quel comportamento, il soggetto tenderà a eseguirlo di nuovo. Se c’è una punizione, smetterà di seguirlo.

Da questo punto di vista, nel condizionamento operante esistono diversi tipi di risposta, a seconda dell’obiettivo perseguito. Include non solo la ricompensa e la punizione, ma anche la rimozione della punizione o della ricompensa.

Come funziona?

Il condizionamento operante ha lo scopo di modificare il comportamento.

Introdurre un elemento di rinforzo, come una ricompensa, mantiene o stimola un comportamento.

Introdurre una punizione o rimuovere una ricompensa, lo elimina.

In questo modo si rafforzano i comportamenti seguiti da una ricompensa e non vengono stimolati quelli seguiti da una punizione.

Terapia psicologica con condizionamento operante.
Alcune terapie psicologiche utilizzano questo metodo, in particolare per affrontare le dipendenze.

Gli elementi del condizionamento operante

Nel condizionamento operante entrano in gioco fattori o elementi positivi e negativi:

  • Rinforzo positivo: inserire una ricompensa dopo un comportamento, aumenta la frequenza di quel comportamento. Ad esempio, congratularsi, assegnare un premio, dare un compito.
  • Rinforzo negativo: rimuovere uno stimolo negativo dopo il comportamento, promuove il  comportamento. Ad esempio, smettere di rimproverare il soggetto o lasciarlo uscire prima del solito orario.
  • Punizione positiva: inserire una punizione dopo un comportamento scoraggia tale comportamento. Ad esempio, rimproverare o dare lavoro extra.
  • Punizione negativa: eliminare una ricompensa dopo il comportamento, lo scoraggia. Ad esempio, non parlare, non rispondere o non interagire.

Programmi di condizionamento

I programmi di condizionamento variano a seconda della frequenza o l’intensità con cui vengono introdotte le ricompense e le punizioni. Dipende dall’effetto che si desidera ottenere.

Esistono 5 possibili programmi:

  1. Continuo. Ogni volta che si verifica il comportamento, si verifica la conseguenza.
  2. Motivo fisso. il rinforzo viene introdotto solo dopo un certo numero di volte che il comportamento si è verificato.
  3. Intervalli fissi. Il rinforzo viene introdotto se il comportamento si verifica in un determinato periodo di tempo.
  4. Rapporto variabile. Il rinforzo è casuale, dopo un numero indeterminato di comportamenti ripetuti.
  5. Intervallo variabile. Il rinforzo è casuale, dopo un intervallo di tempo indeterminato.

Tecniche di condizionamento operante

Nel condizionamento operante esistono molteplici tecniche utili per modificare il comportamento. Le più importanti sono le seguenti.

Per favorire il comportamento

Le tecniche più utilizzate per promuovere i comportamenti attraverso l’uso di rinforzi positivi, sono:

  • Istigazione: include istruzioni, guida fisica e modellazione. Fornisce i parametri utili per capire come eseguire un’azione. Ad esempio, premiare lo studente migliore della classe affinché gli altri lo imitino.
  • Modellamento: un comportamento viene modificato in modo graduale, fino al raggiungimento del comportamento atteso. Si premiano solo i progressi.
  • Dissolvenza: si ritirano in modo graduale gli aiuti o le motivazioni. L’obiettivo è imparare il comportamento da solo. Si premia il progresso in autonomia.
  • Concatenamento: il comportamento è suddiviso in diverse parti. La persona deve imparare queste parti una per una, finché non raggiunge il comportamento completo. Ogni collegamento deve rafforzare il precedente.
  • Schemi di rinforzo: possono essere continui, a motivo fisso o a intervalli.

Per rimuovere o eliminare comportamenti

Le tecniche più utilizzate per ridurre o eliminare i comportamenti di solito introducono elementi spiacevoli. La strategia più indiata è che, ove possibile, vengano utilizzate procedure meno negative.

Le tecniche principali sono le seguenti:

  • Estinzione: un comportamento che era stato precedentemente rafforzato non viene più premiato. Ad esempio, un bambino che fa i capricci viene ignorato.
  • Allenamento per omissioni: consiste nel privare qualcosa che piace, in risposta a un comportamento inappropriato. Ad esempio, impedire al bambino di guardare la televisione se si è comportato male.
  • Programmi di rinforzo differenziale: consiste nel ridurre alcuni comportamenti, aumentando la ricompensa in altri. Ad esempio, premiare il bambino per aver mangiato cibo sano.
  • Costo della risposta: significa privare di una ricompensa. Ad esempio, portare via al bambino un giocattolo che gli era stato concesso.
  • Time out: isolare qualcuno in un ambiente che non offre stimoli.
  • Sazietà: se il comportamento viene ripetuto molte volte, lo stimolo viene fornito molte volte, fino a quando non è più desiderabile.
  • Ipercorrezione: è la punizione positiva. Ad esempio, chiedere al bambino di raccogliere i giocattoli che sono stati lanciati e di pulire anche la stanza.
Punire i bambini.
La punizione dei bambini oscilla tra diverse teorie. Sullo stesso condizionamento operante esistono visioni dissimili che ne discutono l’applicazione nell’infanzia.

A cosa serve?

Il condizionamento operante trova applicazione in molti campi. Negli esempi che abbiamo utilizzato, è chiaro che si applica all’educazione del bambino. Ma esiste un’utilità nel mondo dell’educazione e del lavoro. Nella pubblicità, offerte e sconti ne sono un esempio.

All’interno del piano terapeutico, è utile per superare fobie e dipendenze, eliminare la paura irrazionale o il comportamento compulsivo.

Tuttavia, l’approccio ha anche delle  critiche. Alcuni pensano che modellare il comportamento dell’essere umano con interventi esterni sia un modo per limitare la libertà. Allo stesso modo, può indurre comportamenti che avvantaggiano solo pochi.

Potrebbe interessarti ...
Il bambino viziato: quali segnali per riconoscerlo?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Il bambino viziato: quali segnali per riconoscerlo?

Bisogna analizzare la situazione e apportare alcune modifiche allo stile genitoriale per correggere il bambino viziato. Scoprite di più.



  • Gondra, J. M. (2006). El refuerzo en los Principios de conducta de Clark L. Hull. Revista de Historia de la Psicología.
  • Becerra, S. (2016). Descripción de las conductas de salud en un grupo de estudiantes universitarios de Lima. Revista de Psicología (PUCP), 34(2), 239-260.
  • Ribes-Iñesta, E., & Montes, E. (2009). Interacción de la privación de agua y los estímulos correlacionados con la entrega de agua en programas de reforzamiento continuo y de intervalo. Revista mexicana de análisis de la conducta, 35(SPE), 61-85.