Conseguenze della carenza di ferro

· 26 giugno 2017
Sono svariate le conseguenze della carenza di ferro ed è possibile che non vengano messe in relazione tra loro: dalla caduta dei capelli al malumore, fino alla stanchezza cronica.

Anche se il sintomo più importante è l’anemia, una carenza di ferro comporta altre conseguenze che è sempre bene conoscere.

Se pensate che la vostra dieta sia povera di ferro, vi consigliamo di prestare attenzione ai seguenti sintomi.

La carenza di ferro è un problema diffuso

Milioni di persone presentano una carenza di ferro, soprattutto nei paesi in via di sviluppo e nell’Europa occidentale; la causa è spesso un’alimentazione poco equilibrata.

Si tratta di una condizione da non sottovalutare perché può avere serie conseguenze sulla salute.

Il ferro, tra le sue molteplici funzioni, rientra nella composizione dell’emoglobina, sostanza che ha il compito di trasportare l’ossigeno alle cellule.

È un elemento fondamentale per la salute e trovandosi in esigue quantità nel nostro organismo, è necessario ricavarlo dagli alimenti, attraverso una dieta equilibrata e varia.

Esistono due tipi di ferro:

  • Il ferro eminico, di origine animale e di facile assorbimento.
  • Il ferro non eminico, di origine vegetale e soggetto a minore assorbimento. Per questo motivo può capitare che chi segue una dieta vegetariana o vegana soffra di anemia.

Leggete anche: L’anemia influisce sulle nostre emozioni?

Il ferro, inoltre:

  • Rientra nella composizione di varie sostanze presenti nel sangue.
  • Partecipa alla sintesi del DNA.
  • Ha un ruolo importante nel processo di respirazione cellulare.
  • È coinvolto nel funzionamento del sistema immunitario.
  • Entra in gioco in numerose reazioni chimiche ed è necessario alla produzione e all’utilizzo dell’energia.

È possibile scoprire un’eventuale carenza di ferro attraverso le analisi del sangue.

I valori normali sono:

  • Uomini adulti: da 80 a 180 mcg/dl
  • Donne adulte: da 60 a 160 mcg/dl
  • Bambini: da 50 a 120 mcg/dl

Anche livelli di ferro superiori alla media possono causare malattie, ad esempio:

I valori possono abbassarsi in determinate circostanze:

  • Gravidanza
  • Malnutrizione
  • Cancro
  • Perdita cronica di sangue
  • Ipermenorrea cronica

Conseguenze della mancanza di ferro

Occorre prestare attenzione ai segnali che il nostro corpo ci trasmette in presenza di una carenza di ferro.

Se soffrite di uno o più di questi sintomi, sarebbe opportuno chiedere al vostro medico di prescrivervi le analisi del sangue.

1. Debolezza e stanchezza

Non importa se avete dormito otto ore o in quale momento della giornata vi trovate: se avete la sideremia bassa, è probabile che siate costantemente svogliati e senza forze. Alzarvi dal letto la mattina vi è più difficile del dovuto e sareste capaci di addormentarvi ovunque.

Il ferro rende possibile il trasporto di ossigeno alle cellule. Senza di esso i tessuti non ricevono “comburente” e il metabolismo non funziona in modo ottimale.

In caso di carenza di ferro, una scarsa vitalità e una stanchezza estrema possono essere avvertite anche durante lo svolgimento di attività leggere.

2. Malumore e scarso rendimento

La mancanza di questo elemento si ripercuote in modo diretto sul nostro stato emotivo. È comune, in questo caso, sentirsi eccessivamente irritabili, depressi o di cattivo umore.

Se a questo sommiamo la stanchezza fisica, le conseguenze sono prevedibili: scarso rendimento al lavoro, nello studio o nello svolgimento delle attività quotidiane.

Ultimamente vi va “tutto storto” e non riuscite a concentrarvi a lungo su quello che fate? Provate a controllare il livello di ferro.

Un’eventuale carenza influisce negativamente sulla memoria e sull’attenzione. Ogni attività richiede il doppio dello sforzo e si perde rapidamente la motivazione, persino nelle attività che più ci piacciono.

3. Pallore

Chi soffre di anemia probabilmente avrà la pelle pallida o più chiara del normale come conseguenza del fatto che i tessuti del derma e delle mucose non ricevono abbastanza ossigeno.

In alcuni casi è possibile notare un colore biancastro sotto gli occhi (alla radice delle ciglia).

4. Vertigini e nausea

Una delle conseguenze della carenza di ferro e del deficit di ossigeno ricevuto dalle cellule è una costante sensazione di nausea.

È anche possibile avvertire un senso di mancanza d’aria o che il respiro diventi più veloce e frequente (polipnea).

Nei casi più gravi di carenza di ferro si può andare incontro a svenimenti improvvisi, vuoti di memoria o ronzio alle orecchie.

5. Palpitazioni

Pulsazioni rapide, anche in assenza di sforzo o attività fisica possono essere causate da una carenza di ferro.

  • Quando la circolazione del sangue non è ottimale, il cuore deve fare uno sforzo maggiore per pompare sangue agli organi.
  • Le conseguenze sono: tachicardia, aritmia e perfino infarto acuto del miocardio.

Vi consigliamo di leggere anche: 9 nutrienti per arrivare a 90 anni con un cuore forte e sano

6. Fragilità delle unghie e caduta dei capelli

Unghie che si rompono facilmente, assottigliate o con macchie bianche vicino alla cuticola possono essere un sintomo di mancanza di ferro.

Lo è anche un’eccessiva perdita di capelli, dovuta alla scarsa ossigenazione e scarso nutrimento dei follicoli piliferi da parte del sangue.

Guarda anche