Consigli per una casa a prova di allergia

· 3 novembre 2015
La cucina è la stanza in cui può svilupparsi il maggior numero di batteri, ecco perché è molto importante disinfettarne ogni giorno tutte le superfici.

Senza accorgercene, ogni giorno, alimentiamo milioni di acari che vivono nascosti in diverse zone della nostra casa e che sono responsabili di molte reazioni allergiche.

Questo spiega perché può capitare che intere famiglie soffrano regolarmente di dermatite, rinite o asma allergica, per citarne alcune.

L’abitudine di mangiare nel letto, sul divano o davanti al computer, lasciare depositare la polvere sui mobili o non fare correttamente le pulizie, sono il modo più comune per allevare questi microscopici esseri che si spostano facilmente da un ambiente all’altro.

Per questo motivo, è importante prestare più attenzione quando puliamo la casa e cercare di renderla antiallergica. Sapete come farlo?

Pulizia in camera da letto

camera-da-letto-500x327

Il letto è uno dei luoghi preferiti dagli acari: il sudore, il calore e le piccole squame di pelle che si staccano dal corpo creano l’ambiente ideale per farli sopravvivere e propagarsi facilmente. Dal letto partono molte delle allergie più comuni.

Per ridurre il rischio, innanzitutto, utilizziamo lenzuola e federe di puro cotone, che devono essere lavate ogni settimana con un ciclo di lavaggio a temperatura calda (60 °C).

La coperta, il copriletto pesante o i cuscini si possono lavare anche ogni sei mesi, ma occorre sbatterli spesso e lasciarli in un luogo dove possano prendere aria e sole.

Evitate di fare entrare in camera da letto gli animali domestici; sono trasportatori di acari e peli che possono scatenare reazioni in chi ne è allergico.

Leggete anche: Come rendere la camera da letto un ambiente sano

Pulizia in cucina

pulizie-in-cucina-500x337

Richiede qualche attenzione in più perché, oltre agli acari, esiste il rischio che si sviluppino altri germi patogeni. La combinazione di calore, umidità e resti di cibo ne favoriscono infatti la proliferazione.

Per ridurre la presenza di umidità e di calore, ricordatevi, quando cucinate, di mettere i coperchi sulle pentole: in questo modo gran  parte del vapore viene abbattuto.

Nei limiti del possibile, ventilate la zona cottura per ridurre la condensazione delle diverse sostanze e per cambiare l’aria.

Dopo aver lavato i piatti, asciugateli prima di riporli. Conservate gli alimenti avanzati in recipienti ermetici, possibilmente di vetro.

Il pavimento, il piano cottura e il resto delle superfici lavabili vanno disinfettate tutti i giorni per distruggere i batteri ed evitare l’invasione di ospiti indesiderati come le formiche o gli scarafaggi.

Il bagno

Il-bagno-500x357

La doccia e i sanitari accumulano molta umidità che, con il passare dei giorni, assorbe sporco e crea l’ambiente perfetto per i germi.

Per evitare che l’umido si estenda ad altri spazi della casa, tenete sempre la porta chiusa e utilizzate i tappetini. Questi vanno lavati regolarmente dal momento che, assorbendo acqua, diventano in breve poco igienici.

Dopo aver lavato i sanitari, la cosa migliore è asciugarli, per prevenire la comparsa di muffa. Per una scelta più ecologica, al posto dei detersivi, potete optare per prodotti naturali come l’aceto o il limone.

Volete saperne di più? Leggete: Come pulire il bagno in modo ecologico

Il salotto

Il-salotto-500x331

In questa stanza, se non pulita e spolverata in modo regolare, si possono concentrare molti acari e microrganismi.

Nel prendersi cura del salotto bisogna considerare:

  • Il tipo di pavimento
  • Il rivestimento del divano e delle poltrone
  • Le tende e i tappeti
  • I soprammobili
  • La presenza di animali domestici in casa

Il pavimento richiede una pulizia quotidiana perché qui si accumula una grande quantità di polvere e sporco.

Le poltrone e i divani possono essere rivestiti con un copripoltrona o un copridivano di cotone, che si possano lavare regolarmente oppure si può utilizzare un prodotto detergente speciale per i tessuti.

Se soffrite di allergia, una buona opzione potrebbe essere la scelta di un divano o una poltrona rivestiti di materiali lavabili come la pelle o l’ecopelle.

Tutti i soprammobili devono essere spolverati tre volte alla settimana, per eliminare la polvere e, in primavera, i pollini.

Infine, gli animali domestici non dovrebbero salire sul divano, sulle poltrone o sulle sedie.

Guarda anche