Consigli per ridurre il punto vita

· 4 agosto 2014
Per ridurre il giro vita dovrete seguire un'alimentazione sana ed evitare il consumo di bevande gasate, perché le calorie di queste ci gonfiano.

Molte persone vedono il grasso accumularsi sul punto vita e, nonostante perdano peso, questa resta una delle zone in cui dimagrire richiede maggiore sforzo. L’accumulo di grasso in questa zona si deve a diversi motivi, non solo alimentari: mancanza di proteine, problemi intestinali, tensioni  muscolari, etc. 

In questo articolo spieghiamo i segreti per ridurre il nostro punto vita senza grandi sacrifici, individuando la causa e risolvendola in modo semplice e naturale.

Quando l’intestino è infiammato

Molta gente soffre di stitichezza o di altri disturbi intestinali e non si rendono conto che un punto vita gonfio, soprattutto nelle persone magre, possa dipendere dal fatto che gli organi sotto siano infiammati. La stitichezza è molto comune al giorno d’oggi tra uomini e donne di ogni età. Molti ignorano che dovremmo evacuare tante volte quanti sono i pasti che consumiamo ogni giorno. 

Per questo motivo il primo rimedio a cui dovreste ricorrere per ridurre il punto vita è regolare l’intestino. Se soffrite di stipsi, è bene che seguiate in seguenti consigli:

  • Mangiare alimenti ricchi di fibra (frutta, verdura, legumi, cereali integrali, etc.)
  • Bere a digiuno un bicchiere d’acqua tiepida con il succo di mezzo limone
  • Bere acqua lontano dai pasti
  • Includere i semi di lino nella propria alimentazione
  • Prendere un integratore di magnesio

Acqua-limone-DorteF

Se al contrario soffrite di frequente diarrea:

  • Bere tè verde
  • Mangiare gelatine con agar-agar
  • Fare degli esami per verificare eventuali intolleranze al lattosio, al glutine o ad altri alimenti
  • Trattare anche possibili preoccupazioni emotive

Carboidrati o proteine?

Panini a colazione, pasta a pranzo, pane per accompagnare, brioche come merenda, pizza a cena… Oggigiorno si abusa dei carboidrati, i quali hanno il vantaggio di darci energia per tutto il giorno. Al contrario, però, se abusiamo e non sfruttiamo questa energia, questa si trasforma in riserva, ovvero ci fa ingrassare. Inoltre, se si tratta di carboidrati raffinati, non integrali, possono contribuire alla stitichezza e al gonfiore. Per questo motivo consigliamo di includere una buona quantità di proteine nella propria dieta, ma anche in questo caso senza abusare. In ogni pasto ci devono essere delle proteine; non solo brucerete più calorie, ma vedrete il vostro punto vita assottigliarsi. In quali alimenti trovate le proteine?

  • Carne
  • Pesce
  • Uova (soprattutto nell’albume)
  • Latte e latticini
  • Legumi
  • Frutta secca
  • Funghi

lenticchie

Meglio non mangiare in eccesso

Lo stomaco si adatta alle quantità di cibo che gli diamo e spesso mangiamo più del necessario. Dovete abituarvi a restare sempre con un po’ di fame prima di alzarvi da tavola, facendo a meno di quella cucchiaiata in più che prendereste, non tanto perché avete ancora fame, ma più per finire il piatto o per gola. Questa sensazione di fame passerà presto, poiché è dimostrato che il senso di fame dura circa 15 o 20 minuti. È molto importante anche imparare a masticare bene gli alimenti, cosa che ci aiuterà a mangiare di meno, saziarci prima e avere meno indigestioni.

Un altro modo per abituarvi a mangiare di meno è bere un infuso digestivo. In questo modo eviterete che il vostro punto vita si gonfi e il vostro corpo si abituerà alle quantità di cibo che gli date senza che per questo soffriate la fame.

Evitare le bevande gassate

Le bevande gassate sono molto nocive per il nostro organismo e, oltre a causare gonfiore, a lungo andare possono anche provocare malattie cardiovascolari, come dimostrato da alcuni studi. Per questo motivo consigliamo di ridurne o evitarne il consumo.

In molti casi, inoltre, si tratta di bevande zuccherate che fanno ingrassare e sono nocive per la nostra salute.

bevande

I problemi alla schiena

Non possiamo dimenticare di ricordare che alcune persone hanno il giro vita molto gonfio rispetto alla taglia che portano, anche se dimagriscono, in seguito a problemi posturali. Per esempio, chi soffre di lordosi o scoliosi (deviazioni della colonna vertebrale verso avanti o di lato) possono presentare più massa muscolare o di grasso nell’addome o sui fianchi poiché il corpo sente la necessità di creare un supporto o sostegno naturale per equilibrare il peso che altrimenti sarebbe squilibrato e destabilizzerebbe. Queste persone dovrebbero realizzare qualche esercizio di rieducazione posturale o di stiramento, come yoga e tai-chi. Gli sport bruschi in cui il corpo “rimbalza” sono i meno raccomandati, come il jogging o l’aerobica.

Immagini per gentile concessione di DorteF, joannova e Acedip

Guarda anche