Consumare aglio a digiuno: tutti i benefici

29 Novembre 2019
L'aglio contiene importanti nutrienti che aiutano a migliorare la nostra salute. Conoscete i benefici di consumare aglio a digiuno? Ne parliamo in questo articolo.

Avete mai provato a consumare aglio a digiuno? Scopritene i benefici in questo articolo!

Anche se per molte persone il suo odore è sgradevole, i benefici dell’aglio sull’organismo sono numerosi. Inoltre, è un prodotto utilizzato in tutti i tipi di cucina, per insaporire le pietanze.

In questo articolo ci concentriamo sulle sue interessanti proprietà medicinali. A causa della sua concentrazione di sostanze nutritive, tra cui spiccano vitamine, minerali e antiossidanti, l’aglio si rivela un buon alleato per promuovere il benessere. Scoprite i benefici di consumare aglio a digiuno!

Consumare aglio a digiuno: da quando sono noti i benefici dell’aglio?

Le origini dell’aglio sono da ricercare nell’Asia Centrale e il suo utilizzo nella medicina alternativa iniziò nel terzo millennio avanti Cristo, in India e nell’Antico Egitto. 

Pertanto i benefici dell’aglio sono conosciuti da tempo e, sebbene facciano parte di credenze popolari trasmesse da generazione in generazione, molti studi scientifici hanno potuto provare che sono reali ed efficaci.

Ad esempio, una pubblicazione sul Avicenna Journal of Phytomedicine evidenzia che, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, l’aglio ha effetti terapeutici che potrebbero contribuire alla prevenzione e al trattamento di alcune malattie, da soli o come terapia complementare

Testa d'aglio

Leggete anche: Diabete di tipo 2: ecco come ridurlo in una settimana

Quali sono i benefici dell’aglio?

Come riportato in una revisione di studi pubblicati sulla rivista Nutrition Research Review, l’aglio e il suo principale composto attivo, l’allicina, forniscono significativi benefici all’organismo. Secondo le conclusioni di questo articolo, sono state dimostrate le azioni antiossidanti, antilipemiche, epatoprotettive, ematologiche, antimicrobiche e antineoplastiche dell’aglio.

Naturalmente, sebbene l’aglio possa essere usato come coadiuvante nel trattamento di alcune malattie, non ne è raccomandato l’uso come agente terapeutico primario. Prima di usarlo nella sua forma naturale o come integratore, è meglio consultare un nutrizionista, specialmente se si assumono farmaci.

Detto questo, e per ampliare ciò che è stato rivelato dalla ricerca di Nutrition Research Review, di seguito evidenziamo i principali vantaggi dell’aglio:

  • Può influire nella diminuzione del rischio di malattie cardiache.
  • Contribuisce a combattere la fatica.
  • Aiuta nel trattamento delle infezioni parassitarie.
  • È un supporto nel trattamento di problemi digestivi come stipsi e diarrea.
  • Dà sollievo nelle malattie respiratorie e negli episodi di febbre.
  • Promuove la salute del fegato.

Aglio a fette

Scoprite: 22 alimenti contro il cancro per la nostra dieta

Perché consumare aglio a digiuno?

Esistono diversi modi per includere l’aglio nell’alimentazione. Dopotutto, il suo delizioso aroma insaporisce svariati piatti. Tuttavia, al fine di sfruttare al massimo le sue proprietà, un’ottima alternativa è quella di consumarlo a digiuno.

Prendere uno o due spicchi d’aglio crudo a inizio giornata è un ottimo modo per godere dei suoi nutrienti. Naturalmente, dobbiamo tenere presente che i suoi effetti non sono miracolosi o qualcosa di simile. Il suo consumo è solo un modo per integrare la dieta.

Consigli

      • Provate a strofinarlo sul pane. Inoltre, potete abbinarlo con l’olio d’oliva. Il gusto è delizioso e la sua digestione diventa più semplice.
      • Preparate dei centrifugati di verdura fresca e aggiungete dell’aglio. Il suo sapore passerà quasi inosservato. Inoltre, il succo sarà molto più gustoso.

Per concludere

Ricordate che per evitare il fastidio del sapore e dell’odore che rimane dopo aver mangiato l’aglio, potete sempre optare per degli integratori. Potete trovarli sotto forma di estratto o capsule in erboristeria e in farmacia. Tuttavia, è essenziale consultare prima  un professionista della nutrizione, perché in molti casi sono controindicati.

Tuttavia, se preferite, potete anche contrastarne il gusto bevendo succo di limone o masticando una foglia di menta. Inoltre, assicuratevi di aggiungerlo alle vostre ricette. Godetevi le sue proprietà!

  • Ankri, S., & Mirelman, D. (1999). Antimicrobial properties of allicin from garlic. Microbes and Infection. https://doi.org/10.1016/S1286-4579(99)80003-3
  • Banerjee, S. K., & Maulik, S. K. (2002). Effect of garlic on cardiovascular disorders: A review. Nutrition Journal. https://doi.org/10.1186/1475-2891-1-1
  • Bayan, L., Koulivand, P. H., & Gorji, A. (2014). Garlic: a review of potential therapeutic effects. Avicenna Journal of Phytomedicine4(1), 1–14. Retrieved from http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25050296 http://www.pubmedcentral.nih.gov/articlerender.fcgi?artid=PMC4103721
  • Banerjee, S. K., & Maulik, S. K. (2002, November 19). Effect of garlic on cardiovascular disorders: A review. Nutrition Journal. https://doi.org/10.1186/1475-2891-1-1
  • Benkeblia, N. (2004). Antimicrobial activity of essential oil extracts of various onions (Allium cepa) and garlic (Allium sativum). LWT – Food Science and Technology37(2), 263–268. https://doi.org/10.1016/j.lwt.2003.09.001
  • Santhosha, S. G., Jamuna, P., & Prabhavathi, S. N. (2013). Bioactive components of garlic and their physiological role in health maintenance: A review. Food Bioscience. Elsevier Ltd. https://doi.org/10.1016/j.fbio.2013.07.001