Cosa fare per trattare il pus alla gola?

Le infezioni batteriche e virali possono causare la presenza di pus nella gola. Questo viene spesso accompagnato da altre manifestazioni cliniche.
Cosa fare per trattare il pus alla gola?
Mariel Mendoza

Scritto e verificato da la dottoressa Mariel Mendoza.

Ultimo aggiornamento: 24 agosto, 2022

Il pus alla gola è il prodotto del processo infiammatorio secondario all’infezione delle tonsille o della faringe. Questo, a sua volta, può essere causato da virus o batteri che riescono a proliferare nell’area. È spesso accompagnato da altri sintomi come mal di gola, difficoltà a deglutire e febbre.

Se è di origine batterica, il trattamento di questa condizione si basa sugli antibiotici. Inoltre, si possono includere dei farmaci antinfiammatori non steroidei per alleviare il dolore e la febbre. Se la causa non sono i batteri, il medico o l’otorinolaringoiatra possono prendere in considerazione altri trattamenti. Scopriamo di più in questo articolo.

Le infezioni che provocano il pus alla gola

Sebbene la presenza di pus alla gola possa essere causata da infezioni virali, è più comune nelle infezioni batteriche. Tuttavia, l’infiammazione delle tonsille o della faringe è più frequente in condizioni virali. Questo potrebbe spiegare la rarità di questo sintomo.

Tuttavia, queste infezioni tendono ad essere più comuni nei bambini in età prescolare (da 2 a 6 anni), nelle donne in gravidanza e negli anziani. Sono comuni anche tra coloro che hanno malattie che compromettono il sistema immunitario, come i malati di cancro o i portatori del virus dell’HIV.

Infezioni associate a pus in gola
La presenza di pus in gola può essere un’indicazione di infezioni batteriche o virali.

Leggete anche: Cosa mangiare quando la gola è infiammata

Infezioni da virus

L’infezione virale che più spesso causa il pus alla gola è la mononucleosi infettiva, derivata dal virus di Epstein-Barr. In questo caso, il pus appare come piccole placche biancastre sulle tonsille che non hanno un cattivo odore. Inoltre, ci sono altre manifestazioni cliniche, come le seguenti:

  • Disagio generale.
  • Fatica.
  • Rinorrea.
  • Tosse.
  • Arrossamento degli occhi.
  • Febbre bassa.

Tuttavia, questa infezione a volte può essere causata da comuni virus del raffreddore come rinovirus, adenovirus, virus dell’influenza e virus respiratorio sinciziale. Meno frequentemente, possono causarlo sia il virus del morbillo che il virus dell’immunodeficienza umana.

Infezioni batteriche

Le infezioni batteriche che spesso causano pus in gola sono solitamente causate da Streptococcus pyogenes o streptococco di gruppo A. Questo è noto come tonsillite o mal di gola.

La presenza di detto sintomo è associata alle seguenti manifestazioni cliniche:

  • Dolore che aumenta durante la deglutizione.
  • Febbre.
  • Mal di testa.
  • Dolore addominale, nausea e vomito (soprattutto nei bambini).

Le tonsille e la faringe appaiono rosse e gonfie, con una placca biancastra o giallastra che ha un cattivo odore.

Come differenziare un’infezione virale da un’infezione batterica?

Sebbene non sia determinante, osservare le caratteristiche del pus alla gola permette di stabilire una differenza. Nel caso delle infezioni batteriche, il pus solitamente è più denso, grumoso, può aderire al palato o alla faringe e fa un pessimo odore.

Se è di origine batterica, i sintomi saranno la presenza di ghiandole gonfie nel collo o sotto la mascella.

In ogni caso, l’unico modo per confermarlo è attraverso uno studio sierologico degli anticorpi specifici contro i virus, o l’identificazione dei batteri dopo aver prelevato un campione dalla gola con un tampone.

Sono sempre di origine infettiva?

Quando il pus alla gola non è accompagnato dai sintomi di un’infezione, come febbre, malessere e dolore durante la deglutizione, potrebbe trattarsi dell’accumulo di detriti alimentari e secrezioni dalla bocca sulle tonsille.

Si tratta di piccole palline gialle o bianche, che sono chiamate caseum o tonsilloliti. In questo caso si manifesta anche con l’alitosi. Fortunatamente, possono essere eliminate con un’adeguata igiene dentale, collutori e gargarismi con acqua salata tiepida.

Il pus alla gola può avere complicazioni?

Quando non esiste un trattamento adeguato dell’infezione, il pus può accumularsi accanto e dietro le tonsille, generando un ” ascesso peritonsillare “.

In questo caso, la terapia antibiotica dovrebbe essere più aggressiva e dovrebbe essere effettuato il drenaggio del pus accumulato che potrebbe richiedere la rimozione delle tonsille. È possibile anche il suo accumulo nello spazio retrofaringeo o nello spazio parafaringeo.

Il pus in gola può essere complicato?
L’accumulo di pus nella gola può portare alla formazione di ascessi.

Per saperne di più: Faringotonsillite: sintomi, cause e trattamento

Trattamento per il pus alla gola

Come abbiamo accennato, il trattamento dipende dalla causa dell’infezione, che è determinata da un medico generico o da un otorinolaringoiatra. Spesso il trattamento iniziale ha lo scopo di alleviare i sintomi.

Pertanto, sono indicati i farmaci antinfiammatori non steroidei per ridurre il mal di gola, i linfonodi ingrossati e la febbre. Questi comprendono le seguenti opzioni:

  • Ibuprofene.
  • Diclofenac.
  • Ketoprofene.
  • Nimesulide.
  • Naprossene.

Inoltre, per il mal di gola possono essere prescritti spray o collutori contenenti diclonina, fenolo o clorexidina. Alleviando il mal di gola, si ottiene anche un miglioramento della difficoltà di deglutizione.

Per le infezioni virali, il trattamento consiste nel rimanere idratati, riposare e adottare misure per ridurre i sintomi. Se il pus alla gola è causato da mal di gola, sono indicate la penicillina, l’amoxicillina con acido clavulanico o l’azitromicina.

Se non vi è alcun miglioramento del gonfiore della gola, possono essere prescritti corticosteroidi orali, come il prednisone. In ogni caso, tutti i trattamenti farmacologici devono essere assunti dietro prescrizione medica.

Infine, ricordate di non cercare di rimuovere il pus dalla gola con il dito, un batuffolo di cotone o uno spazzolino da denti. Questo peggiora sia l’infiammazione che il dolore. A volte porta anche alla comparsa di infezioni più gravi.

Potrebbe interessarti ...
Bolo isterico o nodo alla gola: cos’è e come viene trattato?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Bolo isterico o nodo alla gola: cos’è e come viene trattato?

Il bolo isterico è una sensazione persistente o intermittente di corpo estraneo in gola. Le cause sono numerose, sebbene non del tutto note.