Cosa si sa dei semi di albicocca?

I semi di albicocca sono diventati popolari per la loro composizione nutrizionale. Inoltre, fino a poco tempo fa si parlava di un possibile effetto antitumorale. Cosa dicono gli studi?
Cosa si sa dei semi di albicocca?
Anna Vilarrasa

Scritto e verificato da la nutrizionista Anna Vilarrasa.

Ultimo aggiornamento: 24 dicembre, 2022

In generale, quando si mangia un frutto, la maggior parte delle persone finisce per scartare il nocciolo. Tuttavia, è possibile che al suo interno siano concentrati nutrienti con proprietà antitumorali? Sembra che questo sia il caso dei semi di albicocca.

Negli ultimi anni diverse indagini hanno parlato degli effetti di questi semi. Anche così, gli enti regolatori avvertono dei rischi di consumarli in quantità eccessive, poiché possono causare avvelenamento da cianuro. Che ne dici di saperne di più?

I semi di albicocca

La composizione nutrizionale e le proprietà dei semi di albicocca sono diverse da quelle fornite dalla frutta fresca. In particolare si distinguono per il loro contenuto di grassi, che corrisponde alla metà del loro peso totale. Per essere più precisi, contiene omega 3 e 6, il 25% di proteine e l’8% di carboidrati.

A causa di ciò, sono stati discussi i suoi possibili benefici nella stabilizzazione del colesterolo nel sangue e nel miglioramento delle malattie infiammatorie come la colite ulcerosa. Viene inoltre evidenziata la sua capacità di proteggere e idratare la pelle. Inoltre, negli ultimi anni è stato studiato per i suoi componenti con potenziale anti tumorale.

I primi riferimenti risalgono al 1920, quando il dottor Ernst T. Krebs lo utilizzava già sotto forma di olio per curare le persone affette da questa malattia. Tuttavia, in quei test si è rivelato troppo tossico. Di conseguenza, ci sono ancora dubbi sulla sua sicurezza.

semi di albicocca
I semi di albicocca sono stati studiati per i loro possibili effetti contro malattie come il cancro.

Potrebbe interessarti: I benefici della frutta secondo la scienza

Proprietà antitumorali

Nei semi di albicocca sono state riconosciute delle componenti che sembrano avere delle proprietà antitumorali. Oltre alla presenza di grassi, proteine e carboidrati, contengono anche vitamina B17.

A questo proposito, il Dr. Krebs ha messo in relazione una carenza di questa vitamina con la comparsa del cancro. In questo modo, ha sostenuto che fornirlo sotto forma di integratore potrebbe aiutare a fermare la crescita delle cellule tumorali.

Questo nutriente è anche conosciuto con il nome di “amigdalina” o “laetrile” (nome commerciale di un derivato). Si dice, quindi, che quando si masticano semi di albicocca, detto elemento chimico si degrada e compare acido cianidrico. In questo modo viene data l’attività antineoplastica che sembra essere un coadiuvante quando si tratta di fermare la crescita dei tumori.

Ma cosa dicono gli studi attuali? È davvero efficace? Ebbene, oggi non è considerato un trattamento di prima scelta. Sebbene venga applicato in alcune occasioni, il National Cancer Institute degli Stati Uniti non lo ritiene appropriato.

Questo perché gli studi sono stati condotti sugli animali e non hanno dato risultati positivi nell’uomo. Al contrario, ci sono molti dubbi sui possibili rischi che comporta. Anche il suo utilizzo è proibito dal governo degli Stati Uniti.

Casi di avvelenamento da cianuro

Il principale rischio per la salute dei noccioli di albicocca è la possibilità di avvelenamento da cianuro. Secondo l’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza alimentare (EFSA), le ossa del frutto contengono amigdalina. Questa sostanza rilascia cianuro e viene assorbita dall’organismo.

L’obiettivo principale di questo elemento chimico è il sistema nervoso centrale, insieme al rene e alla tiroide. A dosi elevate, può causare una serie di sintomi di intossicazione, come i seguenti:

  • Nausea.
  • Febbre.
  • Mal di testa.
  • Sete.
  • Letargia.
  • Nervosismo.
  • Dolori articolari.
  • Dolore muscolare.
  • Ipotensione.
  • Morte (in alcuni casi).

Gli studi con cui lavora l’EFSA indicano che una quantità variabile, compresa tra 0,5 e 3,5 milligrammi di cianuro per chilo di peso corporeo, può essere fatale. La quantità considerata sicura e accettabile è fissata a 20 microgrammi per chilogrammo di peso corporeo, che equivale a un seme grande o tre piccoli.

Studi relativi ai semi di albicocca

Numerose analisi scientifiche e cliniche sono state effettuate sull’effetto dell’amigdalina. La maggior parte della ricerca trovata ha respinto le affermazioni secondo cui i noccioli di albicocca o il laetrile hanno effetti positivi nel trattamento del cancro.

A favore

Nonostante le affermazioni sulla salute che sono state fatte su questo composto, le prove a favore sono scarse. In questo studio sulla rivista Life Sciences si osserva un effetto positivo contro le cellule tumorali del pancreas, ma gli stessi ricercatori sottolineano la necessità di ulteriori ricerche.

Sebbene il laetrile sia stato inizialmente approvato dalla Food and Drug Administration come possibile trattamento per il cancro, la comparsa di numerosi effetti negativi, il rischio di avvelenamento e la mancanza di prove scientifiche hanno posto fine alla preesistente autorizzazione al suo utilizzo. 

Studi relativi ai semi di albicocca
Non ci sono prove sufficienti per dire che i semi di albicocca aiutano contro il cancro. Al contrario, gli studi avvertono di alcuni rischi.

Contro

Più numerose sono invece le analisi e la posizione scientifica contro la vitamina B17. O almeno questa è la decisione che hanno preso un buon numero di organismi ufficiali. All’unanimità, non ne consigliano l’uso, avvertono del pericolo di intossicazione e addirittura lo proibiscono.

Nel documento sull’amigdalina, pubblicato dal National Cancer Institute, vengono citati i propri studi effettuati con la componente laetrile. Sia negli animali che nelle indagini di laboratorio non si osservano effetti positivi. Né il trattamento dell’amigdalina insieme ad altri principi attivi.

Il New England Medical Journal pubblica un articolo nel 1982 che riassume i risultati di una sperimentazione medica con malati di cancro. Secondo quanto osservato, i pazienti non hanno subito un miglioramento per quanto riguarda la cura della malattia o dei suoi sintomi. Né è stata allungata l’aspettativa di vita. In effetti, la sua conclusione è chiara: l’amigdalina è una droga tossica. 

Nel 2006, un articolo su Cochrane ha concluso che non ci sono prove significative degli effetti dell’amigdalina come trattamento per i malati di cancro. 

I semi di albicocca devono essere usati con cautela

Le avvertenze sulla tossicità del cianuro in seguito al consumo di noccioli di albicocca cruda sono serie e stringenti. Ciononostante, come indicato dall’EFSA, non c’è pericolo di mangiare frutta fresca. È sicuro anche l’uso di olio, bevande alcoliche, aromi, succhi di frutta, marzapane, biscotti o dolci. 

Inoltre, l’olio che si può estrarre è ricco di acidi grassi polinsaturi e vitamina E. Questi gli conferiscono un interessante effetto idratante che aiuta a curare la barriera cutanea, soprattutto nella pelle secca e danneggiata.

Il farmaco laetrile non è approvato come trattamento valido per il cancro. Ma, come dichiarato in questo documento, può essere trovato sul mercato. È importante prestare attenzione al momento dell’acquisto, poiché potrebbe essere contaminato e non esente da possibili effetti tossici. 

Potrebbe interessarti ...
Albicocche: tutti i benefici per la salute
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Albicocche: tutti i benefici per la salute

Le albicocche non sono solo deliziose ma anche molto utili al nostro organismo. Scopriamo insieme i loro benefici e proprietà.



  • EFSA Panel on Contaminants in the Food Chain (CONTAM). Acute health risks related to the presence of cyanogenicglycosides in raw apricot kernels and products derived from raw apricot kernels. Marzo 2016.
  • Kopcekova J. et al. Influence of long-term consumption of bitter apricot seeds on risk factors for cardiovascular diseases. Journal of Environmental Science and Health. Mayo 2018. 4;53(5):298-303.
  • Laetrilo (amigdalina) (PDQ®). Instituto Nacional del Cáncer de Estados Unidos. Última actualización mayo 2019.
  • Milazzo  S, Horneber  M, Ernst  E. Laetrile treatment for cancer. Cochrane Database of Systematic Reviews. Abril 2015. Issue 4. Art. No.: CD005476
  • Minaiyan M, et al. Anti-inflammatory effect of Prunus armeniaca L. (Apricot) extracts ameliorates TNBS-induced ulcerative colitis in rats. Research in Pharmaceutical Science. Julio 2014.9(4):225-231.
  • Moertel C.G, et al. A clinical trial of amygdalin (Laetrile) in the treatment of human cancer. New England Journal of Medicine. Enero 1982. 28;306(4):201-6.
  • Moustafa K, Cross J. Production, pomological and nutraceutical properties of apricot. Journal of Food Science and Technology.Enero  2019. 56(1):12-23.
  • Ramírez A.V. Toxicidad por cianuro. Investigación bibliográfica de sus efectos en animales y en el hombre. Anales de la Facultad de Medicina. Marzo 2010. 71(1).
  • Sharma PC, Tilakratne BM, Gupta A. Utilization of wild apricot kernel press cake for extraction of protein isolate. Journal of Food Science and  Technology. Diciembre 2010. 47(6): 682–685.
  • Shils ME, Hermann MG. Unproved dietary claims in the treatment of patients with cancer. Bulletin of New York Academy of Medicine. Abril 1982. 58(3):323-340.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.