Cos'è l'accudimento invertito e quali conseguenze può avere?

L'accudimento invertito può avere gravi conseguenze per la crescita dei bambini. È il momento di intervenire.
Cos'è l'accudimento invertito e quali conseguenze può avere?
Maria Fatima Seppi Vinuales

Scritto e verificato da la psicologa Maria Fatima Seppi Vinuales.

Ultimo aggiornamento: 16 novembre, 2022

“È come un padre per i suoi fratelli.” Questa frase, intesa come complimento, durante l’infanzia di un bambino può essere un vero peso, dal momento che implica che stia svolgendo dei compiti che hanno poco a che fare con la sua età. Ci troviamo di fronte a un caso di accudimento invertito.

L’accudimento invertito prevede l’inversione dei ruoli. Cioè, quando sono i figli o le figlie ad assumere il ruolo dei loro genitori. È un termine proposto dallo psichiatra Ivan Boszormenyi-Nagy, che è diventato popolare all’interno delle terapie familiari.

Tipi di accudimento invertito

In generale, l’accudimento invertito si classifica in due sottotipi che non sono esclusivi:

  • Psicologico: si riferisce alla situazione in cui il bambino è colui che ascolta e sostiene i suoi genitori. A volte si ritrova anche a fare da mediatore tra figure adulte. Questo genera un conflitto, poiché molte volte le informazioni relative alla sfera coniugale sono contraddittorie e si ritrova con un dilemma difficile da risolvere, del tipo amo mio padre, ma non dovrei perché si comporta male con mia madre. L’accudimento invertito psicologico è considerata la variante più dannosa.
  • Fisico o strumentale: si riferisce al bambino che è responsabile di svolgere i diversi compiti o attività domestiche, come preparare il cibo o fare la spesa, tra le altre.
Figlio vittima dell'accudimento invertito.
Il bambino che funge da mediatore nel conflitto dei suoi genitori avrà problemi a gestire delle informazioni per le quali non è preparato.

Come identificare l’accudimento invertito?

Nell’accudimento invertito i figli si fanno carico delle faccende proprie e altrui, per cui fanno difficoltà a rilassarsi. Imparano a badare a se stessi fino all’autosufficienza e capiscono che è meglio non chiedere aiuto agli altri. Una situazione simile molto spesso implica che i bambini sperimentino situazioni di negligenza in termini di cura.

Un altro dei pericoli dell’accudimento invertito è che le qualità che possiede il bambino siano valutate come positive. “E’ molto responsabile, si prende cura degli altri, sa prendersi cura di se stesso” sono alcuni dei complimenti che riceve.

Ad una prima lettura superficiale, questi possono sembrare attributi molto favorevoli. Ma andando un po’ oltre, è possibile notare un rovescio della medaglia: non c’è equilibrio, ma una grande fatica per ritrovarsi in una posizione scomoda, a dover riempire il vuoto delle persone che non possono svolgere il proprio ruolo.

Cause dell’accudimento invertito

L’accudimento invertito è una caratteristica delle dinamiche familiari disfunzionali. Tuttavia, è necessario un approccio più approfondito per comprendere gli antecedenti dei genitori.

In alcuni casi, sorgono situazioni più complesse che portano all’accudimento invertito. Eccone alcune:

  • Uso problematico di alcol o sostanze stupefacenti.
  • Entrambi i genitori hanno una malattia grave, un disturbo mentale o una disabilità.
  • Genitori che, nella loro infanzia, hanno registrato situazioni di deprivazione affettiva, abuso o abbandono.

D’altra parte, possono esserci anche situazioni di difficoltà economiche in famiglia o la morte di uno dei genitori. Pertanto, il bambino funge da supporto.

Conseguenze

Come abbiamo già sottolineato, c’è un grande sforzo di responsabilità e di controllo che non sono adeguati all’età di questi bambini. Ci sono conseguenze a livello di sviluppo psicologico, perché sono maturate improvvisamente in alcune materie, ma non in altre.

I bambini possono avere una bassa autostima quando apprendono che i loro interessi non sono importanti. Tuttavia, come Selvini et al. (1991), a volte la parentificazione può avere una connotazione positiva. Dipende se si tratta di un ruolo temporaneo o meno.

In questo caso il bambino accompagna il sistema familiare fino a raggiungere un nuovo punto di equilibrio. Il problema sta nella rigidità dei ruoli, quando il bambino è intrappolato. Non c’è aiuto lì, solo abuso. Smette di essere una circostanza di apprendimento e di resilienza per diventare un ostacolo.

Come evitare l’accudimento invertito?

Se sei un genitore e hai appena riconosciuto questo problema, è arrivato il momento di fare qualcosa. È vero che l’accudimento invertito è molto complesso, soprattutto se ci sono più membri della famiglia di cui prendersi cura. Tuttavia, è anche importante garantire che ogni membro possa godersi il posto che ha.

Se sei un figlio-padre, è tempo di lasciare quel posto e iniziare a vivere altre esperienze. Alcuni dei consigli su come iniziare sono i seguenti:

  • Cura di sé e limiti: per un po’ metti i bisogni degli altri dopo i tuoi. È importante mettere se stessi al primo posto e prendersi cura dei propri bisogni.
  • Perdonare se stessi: che sia stato intenzionalmente o meno, per andare avanti è necessario lasciar andare il rancore e accettare il passato per concentrarsi sul presente.
  • Lavorare sulle emozioni: in questo tipo di situazione di inversione di ruolo, impari a nascondere le tue emozioni per non disturbare gli altri. Quindi c’è poco contatto con loro, con conseguente impoverimento della vita emotiva. Quindi, è necessario iniziare riconoscendo come ci si sente e imparando ciò che ogni emozione ha da insegnarci su noi stessi.
  • Tempo per lo svago e il divertimento: non hai ancora dimenticato il desiderio si doveva partecipare pigiama party del tuo migliore amico, che vi siete persi perché si doveva prendere cura del proprio fratello minore. Ora è il momento di avere del tempo libero per te stesso, per goderti i piani che ti danno soddisfazione.

Considerazioni finali

Infine, è importante chiarire che uso e abuso non sono la stessa cosa. Chiedere collaborazione ai bambini a casa, come apparecchiare la tavola, implica una responsabilità adeguata e accessibile alla loro età. Questo porta anche allo sviluppo dell’autonomia personale e alla crescita positiva.

Diventa abuso quando manca la sensibilità dei genitori su ciò di cui quel bambino ha bisogno, quando manca l’equilibrio e una delle parti è ricaricata, quando c’è molta responsabilità e poco spazio per il gioco. L’abuso è confondere l’aiuto con la cristallizzazione di un ruolo o di un obbligo.

Pertanto, è importante prestare attenzione a questo tipo di dinamiche familiari, poiché in molti casi la sofferenza che provoca viene resa invisibile. In apparenza, l’equilibrio è mantenuto, ma non lo è.

Potrebbe interessarti ...
Mio figlio non mi ascolta: comunicazione in famiglia
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Mio figlio non mi ascolta: comunicazione in famiglia

Mio figlio non mi ascolta è la tipica affermazione di una madre che ha provato di tutto per comunicare con suo figlio, ma ha fallito.



  • Domínguez, Carmen, González, Diego, Navarrete, Danitza, & Zicavo, Nelson. (2019). Parentalización en familias monoparentales. Ciencias Psicológicas13(2), 346-355. Epub 01 de diciembre de 2019. https://dx.doi.org/10.22235/cp.v13i2.1891
  • Selvini, M; Boscolo, L., Cecchin, G. y Prata, G. (1991). Paradoja y contraparadoja. Buenos Aires: Paidós

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.