Curare la cistite grazie a 6 buone abitudini

· 15 Marzo 2019
Se la cistite è grave, bisognerà ricorrere ai farmaci. In molti casi, però, possiamo controllare i sintomi con semplici sane abitudini.

La cistite è uno dei disturbi urinari più fastidiosi. Il bisogno urgente di andare in bagno e, poi, il bruciore durante la minzione ci impedisce di svolgere tranquillamente le nostre attività e ci fa sentire malate. Sapete come curare la cistite?

Questa condizione si sviluppa quando i batteri proliferano sulle pareti dell’uretra, infiammandola. Malgrado non sia un’infezione grave, è causa di un malessere che difficilmente riusciamo a superare senza un trattamento appropriato.

Chiunque è esposto all’azione dei batteri, tuttavia la cistite è più frequente nelle donne. L’uretra femminile, infatti, è più corta e questo rende la vescica più vulnerabile all’ingresso dei batteri. I sintomi migliorano con il passare dei giorni, ma per accelerare la guarigione è bene seguire alcuni accorgimenti. Scoprite le migliori abitudini per curare la cistite.

Come riconoscere la cistite?

Donna con dolore addominale
La cistite è più comune nelle donne a causa della minore lunghezza dell’uretra.

In alcuni casi i sintomi della cistite potrebbero essere confusi con quelli tipici di infezioni vaginali o urinarie. I sintomi caratteristici, tuttavia, ci permettono di identificarla senza troppe difficoltà. Questi sono:

  • Bisogno continuo di urinare.
  • Dolore o bruciore pelvico durante la minzione.
  • Sensazione di irritazione o minzione ridotta.
  • Presenza di sangue nell’urina.
  • Urina torbida o con odore forte.
  • Dolore che va dalla zona lombare alla regione pelvica.
  • Sensazione di pressione nella parte inferiore dell’addome.
  • Febbre leggera.

Consigli utili per curare la cistite

Il trattamento anti-cistite a volte prevede il ricorso a farmaci antibiotici e antinfiammatori. In molti casi, però, è possibile prevenire e curare i sintomi con piccoli cambiamenti nello stile di vita.

1. Aumentare il consumo di acqua

Donna beve acqua per curare la cistite
Bere abbondante acqua è fondamentale per prevenire e trattare la cistite

Il primo passo per prevenire e curare la cistite è assicurarsi di bere una giusta quantità di acqua e altri liquidi sani. Non tutti sanno che la disidratazione è uno dei fattori che più incidono sulla comparsa di questo e altri disturbi dell’apparato urinario.

Quando i liquidi sono insufficienti, infatti, i reni rallentano le loro funzioni e non producono abbastanza urina. In seguito a ciò, l’ambiente all’interno della vescica si altera e i batteri si sviluppano in modo incontrollato. Il passaggio dell’urina, invece, aiuta a portare i batteri verso l’esterno.

Consiglio

Bevete circa otto bicchieri di acqua al giorno. Se preferite, sostituitela con succhi naturali, brodo o infusi per raggiungere questa quantità.

2. Evitare le sostanze irritanti

Sebbene la cistite sia provocata in modo principale dalla proliferazione dei batteri, alcune sostanze irritanti possono favorire o peggiorare i sintomi. Per guarire velocemente, è essenziale limitare il più possibile i cibi o i prodotti che le contengono.

Consiglio

Riducete il consumo di bevande alcoliche e caffeina. Cercate, allo stesso modo, di limitare il fumo e tutti i tipi di bevande gassate.

Potrebbe interessarvi anche: Igiene intima femminile: buone abitudini

3. Urinare ogni due – tre ore

Donna seduta sul wc
L’urina aiuta a espellere i batteri accumulati nell’apparato urinario

Trattenere l’urina per molto tempo è uno dei fattori scatenanti di questa infezione. Urinare, infatti, permette di eliminare i batteri presenti nella vescica e mantenere equilibrato il pH dell’apparato urinario.

Consiglio

Cercate di andare in bagno ogni due o tre ore. Se il corpo lo richiede prima, fatelo. Allo stesso modo, sarebbe meglio liberare la vescica prima e dopo i rapporti sessuali

4. Curare l’igiene intima

Attenzione! Cattive abitudini di igiene intima possono causare episodi recidivi di cistite. Fino all’80% dei batteri responsabili di questo disturbo possono derivare da una pulizia scorretta dell’area genitale.

Consigli

  • Per evitare il passaggio di microbi dalla regione anale a quella genitale, occorre lavarsi e asciugarsi con movimenti che vanno da davanti a dietro. Se possibile, sarebbe bene lavarsi sempre dopo essere andati di corpo e dopo i rapporti sessuali.
  • Usate sapone intimo adatto alle vostre esigenze. Questo permette di mantenere il giusto pH nella zona vaginale, evitando la proliferazione di batteri e funghi.

5. Indossare biancheria intima di cotone

slip di cotone per curare la cistite
La biancheria intima traspirante previene la proliferazione di batteri e funghi

Sebbene possa sembrare un’abitudine senza importanza, scegliere biancheria intima di cotone è essenziale per prevenire e curare la cistite velocemente. Gli slip in fibra naturale sono più traspiranti e impediscono che si crei un ambiente ideale per lo sviluppo dei batteri.

Consiglio

Controllate le etichette sui capi di biancheria intima e assicuratevi che almeno il 90% sia di cotone. Scegliete, inoltre, una taglia corretta: slip troppo stretti riscaldano la zona intima e aumentano l’umidità.

Potrebbe interessarvi anche: Trattare la cistite con rimedi naturali

6. Curare la cistite con il succo di mirtillo rosso

Le proprietà antiossidanti e antinfiammatorie del succo di mirtillo rosso aiutano a trattare i casi di cistite più lievi o ricorrenti, senza bisogno di farmaci. Non è una bevanda miracolosa, ma aiuta a regolare il pH dell’urina e facilita l’espulsione dei batteri. 

Consigli

  • Se avete la cistite, bevete succo di mirtillo due volte al giorno. In alternativa, consumatelo almeno tre volte alla settimana per prevenirla.
  • La combinazione di mirtilli rossi con i probiotici ha mostrato risultati soddisfacenti nella prevenzione e trattamento della cistite. Chiedete consiglio al farmacista sull’opportunità di assumere integratori probiotici per regolare la microflora vaginale.

Avete riconosciuto i sintomi della cistite? Cominciate ad affrontarla a partire da questi consigli. Se non notate miglioramenti in un paio di giorni, consultate il medico.

  • Bondavalli, C., Dall’Oglio, B., Schiavon, L., Luciano, M., Guatelli, S., Parma, P., … De Luise, E. (2004). Interstitial cystitis. In Archivio Italiano di Urologia e Andrologia. https://doi.org/10.3109/15360288.2010.548850
  • Barski, D., & Otto, T. (2014). Cystitis. In Urology at a Glance. https://doi.org/10.1007/978-3-642-54859-8_45
  • Bogart, L. M., Berry, S. H., & Clemens, J. Q. (2007). Symptoms of Interstitial Cystitis, Painful Bladder Syndrome and Similar Diseases in Women: A Systematic Review. Journal of Urology. https://doi.org/10.1016/j.juro.2006.09.032
  • Borges, G., Degeneve, A., Mullen, W., & Crozier, A. (2010). Identification of flavonoid and phenolic antioxidants in black currants, blueberries, raspberries, red currants, and cranberries. Journal of Agricultural and Food Chemistry. https://doi.org/10.1021/jf902263n