Dessert sani: perché sono importanti nella dieta?

5 Settembre 2020
Può darsi che vi abbiano suggerito di eliminare i dolci dalla dieta. A breve vi dimostreremo perché questo consiglio è sbagliato, ma anche perché è importante consumare dessert sani.

È importante includere un dessert nella propria dieta, anche se questo concetto viene spesso associato al consumo di alimenti dolci. Oggi sappiamo con certezza che abusare degli zuccheri semplici non è una scelta saggia, poiché compromettono la salute metabolica. Esistono, tuttavia, diverse alternative per servire dessert sani a fine pasto.

Prima di iniziare, ci preme sfatare un mito molto diffuso: i dolci al latte non hanno lo stesso valore nutrizionale degli yogurt. A volte, di fatto, si tende a confonderli.

Si tratta di due prodotti ben distinti, sia in quanto a composizione sia in quanto a proprietà. Detto ciò, nelle prossime righe vi spieghiamo perché è importante consumare dessert sani.

Lo yogurt, il re dei dessert sani

Il momento del dessert è il più adatto per consumare lo yogurt. Questo alimento, ottenuto dalla fermentazione lattica, è ricco di probiotici.

I probiotici sono batteri vivi e sani per il corpo, in grado di colonizzare l’apparato digerente. Un articolo pubblicato sulla rivista American Family Physician, li associa a un ridotto rischio di disturbi gastrointestinali. Aiutano, di fatto, a prevenire gli episodi di diarrea e le malattie croniche.

Grazie alle evidenze scientifiche, possiamo affermare che il consumo di probiotici migliora il trattamento delle malattie infiammatorie intestinali, per le quali non esiste ancora cura. Risulta fondamentale, dunque, mangiare lo yogurt o, in alternativa, assumere degli integratori alimentari.

Latticini e cibi grassi con probiotici.

Potrebbe interessarvi: Probiotici e prebiotici: quali differenza?

La frutta è importante, sceglietela per dessert

In passato era opinione diffusa che fosse sbagliato mangiare la frutta alla fine dei pasti. Piuttosto, se ne consigliava il consumo prima, così da prolungare la sensazione di sazietà. La letteratura scientifica, tuttavia, non conferma tale affermazione.

Mangiare frutta fa bene quasi in ogni momento della giornata. Il suo contenuto di polifenoli è stato associato a minori livelli di infiammazione a livello sistemico. Così afferma una studio di ricerca pubblicato sulla rivista Critical Reviews in Food Science and Nutrition.

Consigliamo, quindi, di consumare la frutta dopo i pasti principali e per merenda, ovviamente. Optate sempre per le varietà ricche di fibra solubile, come le mele. Queste ultime contengono pectina, associata dalla scienza a una migliore salute intestinale.

Non tutti i cibi dolci fanno bene, quindi attenzione!

Adesso sapete perché è importante prevedere il consumo di cibi dolci nell’alimentazione. Come detto all’inizio, tuttavia, non presentano tutti gli stessi valori nutrizionali. Spesso il concetto di dolce è associato al consumo di prodotti zuccherati e di alimenti processati.

Budini, crema pasticcera, merendine… sono tutti prodotti dalla scarsa qualità nutrizionale, ricchi di additivi e di carboidrati semplici, che fanno crescere la curva glicemica. Consumare regolarmente questi cibi può provocare insulino-resistenza, ovvero l’anticamera del diabete.

Tenete presente che il diabete è una malattia cronica per cui non vi è cura. Una volta diagnosticato, dura tutta la vita. Alcune ricerche recenti associano questa patologia anche a un rischio maggiore di cancro. A ogni modo, sono necessari ulteriori studi per chiarire tali dati.

In questi casi il miglior rimedio è la prevenzione. A questo scopo, fate attenzione agli alimenti che includete nei pasti principali e durante lo spuntino. I dessert sani offrono gli zuccheri necessari senza nuocere alla salute.

I frutti sono dessert sani.

È importante aggiungere dessert sani alla dieta

La scelta del dessert giusto influisce sulla qualità generale della dieta. Consumare pietanze salutari e ipocaloriche non basta se poi si ha l’abitudine di consumare dolci nocivi. Tutti gli sforzi saranno stati vani.

Ciò non significa che non possiamo concederci un peccato di gola di tanto in tanto, ma che deve essere un’eccezione alla regola. Ribadiamo ancora una volta che è importante includere dessert sani nella dieta; la frutta e lo yogurt sono ottimi esempi.

Hanno un gusto leggermente dolce e il loro consumo si traduce in un miglioramento generale della salute. Potete persino unirli per godere di tutte le loro proprietà.

Scoprite: Frullati allo yogurt per saziarsi a merenda

Riflessioni conclusive

È bene ricordare che non tutti gli yogurt possono essere considerati sani. Leggete bene le etichette e sceglietene uno con pochi zuccheri aggiunti, altrimenti la sua qualità nutrizionale si vedrà ridotta. Gli yogurt naturali sono senz’altro l’opzione migliore, ma anche lo yogurt greco è indicato saltuariamente e se non si è sovrappeso.

  • Wilkins T., Sequoia J., Probiotics for gastrointestinal conditions: a summary of the evidence. Am Fam Physician, 2017. 96 (3): 170-178.
  • Barbara G., Cremon C., Azpiroz F., Probiotics in irritable bowel syndrome: where are we? Neurogastroenterol Motil, 2018.
  • Joseph SV., Edirisinghe I., Burton Freeman BM., Fruit polyphenols: a review of anti inflammatory effects in humans. Crit Rev Food Sci Nutr, 2016. 56 (3): 419-44.
  • Wilms E., Jonkers DMA., Savelkoul HFJ., Elizalde M., et al., The impact of pectin supplemetation on intestinal barrier function in healthy young adults and healthy elderly. Nutrients, 2019.
  • Fontalva Pico, Ana Amelia. “Implicación de la resistencia a la insulina y el tejido adiposo en el síndrome metabólico en pacientes obesos.” (2017).
  • Bonagiri PR., Shubrook JH., Review of associations between type 2 diabetes and cancer. Clin Diabetes, 2020. 38 (3): 256-265.
  • Fernández-Gaxiola, Ana Cecilia, Anabelle Bonvecchio Arenas, and Juan Rivera Dommarco. “Aumentar el consumo de verduras, frutas, cereales, leguminosas y agua simple.” GUÍAS ALIMENTARIAS (2015).
  • Babio, Nancy, Guillermo Mena-Sánchez, and Jordi Salas-Salvadó. “Más allá del valor nutricional del yogur:¿ un indicador de la calidad de la dieta?.” Nutrición hospitalaria 34 (2017): 26-30.