La dieta Dukan funziona nei pazienti affetti da obesità?

· 19 gennaio 2018
Il problema della dieta Dukan è la sua generalizzazione, poiché non tiene in conto le particolarità del paziente. Dunque, è del tutto normale che non abbia gli stessi risultati in persone diverse

Sicuramente avrete sentito parlare della “miracolosa” dieta Dukan, quella scelta da molti artisti di Hollywood.

È la preferita di chi vuole dimagrire senza fare troppa fatica dato che, ad esempio, non richiede che si faccia attività fisica e si mangia più o meno ciò che si desidera.

Tuttavia, coloro che hanno effettuato delle ricerche su questo metodo elaborato dal medico francese Pierre Dukan indicano che non funziona nell’80% delle persone che lo praticano, soprattutto nei pazienti affetti da obesità.

Scopriamo qualche dato in più nel presente articolo.

Il presunto successo del sistema Dukan

Donna che si pesa

Questo medico ha lanciato svariati libri sulla sua miracolosa dieta e sono stati tutti un successo. In Spagna, ad esempio, le sue tre pubblicazioni sono dei “best-seller” con più di mezzo milione di vendite.

Dato che il trambusto scatenato da questo metodo di dimagrimento non è passato inosservato a nessuno, l’Agenzia Spagnola di Sicurezza Alimentare e Nutrizione (AESAN) ha condotto una ricerca che ha dimostrato che il metodo del Dr. Dukan “è fraudolento, illegale, non serve a perdere peso ed è un grande rischio per chi lo pratica”.

Una notevole quantità di persone ha iniziato questa dieta restando sorpresa degli effetti che ha avuto sull’attrice Penélope Cruz dopo che ha dato alla luce suo figlio e anche sulla madre della futura regina d’Inghilterra Kate Middleton (si dice che, in questo caso, il Dr. Dukan le inviò una copia del suo libro direttamente a casa, ringraziandola per avere fiducia in lui).

Leggete anche: Sapevate che le melanzane non possono mancare nelle vostre diete?

Si può usare la dieta Dukan in caso di obesità?

Donna obesa

Alcuni sostengono che sia perfetta per coloro che soffrono di obesità, mentre altri affermano che sia adatta solo a coloro che desiderano liberarsi di qualche chilo di troppo. Il metodo promette degli effetti duraturi (per tutta la vita) ma sono molti i ricercatori che hanno smascherato questa presunta tecnica miracolosa.

Uno degli studi che aiutano a comprendere i motivi per cui questa dieta non funziona è stato realizzato da un gruppo conterraneo del dottor Dukan.

È stata condotta un’inchiesta su 5000 persone che hanno seguito la dieta.

Nonostante la maggioranza di esse indichi che all’inizio il metodo è servito, successivamente:

  • Il 35% ha recuperato il peso perso nel giro di un anno o meno.
  • Il 48% è tornato al peso iniziale dopo un anno.
  • Il 64% degli intervistati ha superato il peso che aveva all’inizio della dieta, a distanza di due anni dal trattamento.
  • Il 70% ha superato il peso dell’inizio a distanza di 3 anni.
  • L’80% dei rispondenti pesava uguale o di più dell’inizio a distanza di 4 anni.

Una delle massime che ruotano intorno a questo metodo è che “se non si raggiungono i risultati attesi è per mancanza di impegno da parte vostra”. Come dire che è colpa del paziente e non del metodo.

Questo si è potuto trarre come conclusione anche in base alle risposte degli intervistati. Il 60% di loro ha detto che “non è dimagrito perché faceva troppi strappi alla dieta”, “non ha rispettato le prime fasi della dieta”, “un giorno alla settimana mangiava qualcosa che non doveva”, ecc.

Questo senso di colpa è una delle conseguenze psicologiche che vengono associate alla dieta Dukan, ma non è l’unica.

I pazienti “dukaniani” sono anche andati incontro a sintomi depressivi e ad un calo dell’autostima, a causa del fatto che un giorno si guardano allo specchio e hanno un bel corpo mentre poche settimane dopo torna tutto ad essere come prima, o anche peggio.

Vale la pena sottolineare anche il fatto che lo stesso Pierre Dukan ha affermato che, secondo lui, le persone con qualche chilo di troppo sono malate… neanche si parlasse di obesi.

Donna con bilancia in mano

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato qualcosa di simile nel 1997, quando ha classificato l’obesità come una malattia cronica, anche se discontinua. Questo nutrizionista tratta tutti coloro che non sono magri allo stesso modo, basandosi sul fatto che abbiano dei problemi.

Visitate questo articolo: 8 alimenti per accelerare il metabolismo

Si stima che, usando questa dieta Dukan, i pazienti affetti da obesità e sovrappeso siano riusciti a dimagrire in media 2 chili al termine del primo mese. Tuttavia, non è una quantità così significativa se teniamo in conto gli squilibri alimentari ai quali ci sottoponiamo praticando questo metodo.

In altre parole, vi sono dei metodi più efficaci e salutari che si possono seguire per ottenere dei risultati migliori.

Mangiando una minor quantità di farine, zuccheri e grassi, aumentando l’ingestione di frutta e verdura, facendo attività fisica ed evitando alcune abitudini come fumare o bere alcol, i grassi si dissolvono.

Non è una scelta adeguata quella di ricorrere a trattamenti così drastici, con una grande quantità di effetti collaterali e, soprattutto, con un’alta probabilità di andare in contro al cosiddetto “effetto boomerang”, e quindi riprendere i pochi o molti chili persi.

Fra coloro che si schierano contro alla dieta Dukan e sostengono che non sia consigliabile per nessuna persona, che sia o meno obesa, troviamo un ricercatore dell’Università di Navarra.

Il dottor Silva indica che il metodo, basato sulla lettura di un libro che si può persino comprare al supermercato, non offre alcuna garanzia dei risultati.

Questo è chiaro, perché il Dottor Dukan non si fa carico di analizzare ciascun caso in particolare, né di realizzare il processo di controllo che dovrebbe seguire il trattamento, come ci si aspetterebbe da un nutrizionista di un centro medico.

Non vi è neanche troppo controllo in relazione alla comprensione della dieta da parte del paziente e, come se non bastasse, il libro è molto generico e non si concentra su un gruppo specifico della popolazione.

È chiaro che non tutti possiamo fare la stessa dieta, a causa di differenze di:

  • Età
  • Costituzione fisica
  • Chili di troppo
  • Abitudini e attività
  • Fattori ereditari
  • Malattie che possono influire sul processo

Pertanto, è meglio andare dal medico e analizzare altre opzioni per mangiare in modo più salutare e, allo stesso tempo, perdere peso, sempre secondo il ritmo della singola persona.

Guarda anche