Dieta metabolica: pro e contro

La dieta metabolica si basa sulla capacità di ciascuno di scomporre i macronutrienti. Funziona? Ne parliamo in questo articolo.
Dieta metabolica: pro e contro
Maria Patricia Pinero Corredor

Scritto e verificato da la nutrizionista Maria Patricia Pinero Corredor.

Ultimo aggiornamento: 09 novembre, 2022

Ogni persona eredita un tipo di metabolismo in base alla propria genetica. Questo è uno dei motivi per cui alcune diete funzionano bene per alcuni, ma non per altri. La dieta di metabolica si basa sull’indicazione di una quantità maggiore o minore di determinati nutrienti, in base alla risposta metabolica del proprio organismo.

Questo tipo di dieta è stato creato dagli specialisti della ricerca metabolica William Walcott e Trish Fahey. È stato introdotto nel 2001 come dieta progettata per perdere peso. Nel corso degli anni sono state sviluppate diverse forme di tipizzazione metabolica e i suoi seguaci sono sempre alla ricerca delle ultime raccomandazioni dietetiche.

Resta con noi per saperne di più su questa dieta, quali sono i pro e i contro e se è efficace per perdere peso. La prima cosa da fare è partire dalle sue basi scientifiche.

Cos’è il metabolismo?

Inizieremo spiegando un processo che è comune nel gergo dei dietisti, ma forse poco chiaro a chi non ha studiato biochimica. Ci riferiamo al concetto di metabolismo.

Il metabolismo è la “road map” di migliaia di reazioni chimiche che avvengono nelle cellule del corpo. Chi comanda queste vie sono gli enzimi, che utilizzano i macronutrienti, come proteine, carboidrati e grassi per mantenere in vita le cellule e svolgere le loro funzioni. Vitamine e minerali collaborano con questi enzimi.

Queste vie metaboliche producono e rilasciano energia abbattendo molecole molto complesse come l’amido. Mentre altri percorsi usano quell’energia per costruire composti necessari per le funzioni corporee. Ma se viene prodotta e non utilizzata troppa energia, la immagazziniamo come grasso e aumentiamo di peso.

Su cosa si basa la dieta metabolica?

La dieta di tipizzazione metabolica si basa sulle differenze individuali nella degradazione dei diversi macronutrienti una volta assorbiti.

Sulla base di ciò, la dieta viene pianificata in modo personalizzato, considerando il tipo di metabolismo che predomina in ogni persona. Ad esempio, potrebbe essere una dieta ricca di carboidrati o una dieta povera di grassi.

Più veloce è il metabolismo di una persona, più velocemente può convertire i nutrienti in energia. Ma se il metabolismo è lento, immagazzina i nutrienti sotto forma di grasso invece di usarli.

Le variazioni del metabolismo sono dovute a 2 fattori ereditari, come spiegato nel libro di Walcott e Fahey:

1. Quando il sistema nervoso autonomo domina il metabolismo

Il sistema nervoso autonomo del corpo è diviso nel sistema simpatico e parasimpatico. Questi sistemi si oppongono l’un l’altro in una varietà di funzioni corporee.

Ad esempio, quello simpatico aiuta il corpo a rispondere allo stress, a produrre adrenalina e a bruciare energia. Il parasimpatico controlla gli elementi del corpo a riposo come il riposo e la digestione. Si ritiene che uno dei sistemi sia più dominante dell’altro e ciò potrebbe influire sul metabolismo generale.

2. Il tasso di ossidazione cellulare

L’ossidazione degli alimenti riguarda la velocità o la lentezza con cui una persona converte i nutrienti in energia. Pertanto, le persone che ossidano i nutrienti rapidamente hanno bisogno di mangiare i nutrienti che sono più lenti a scomporsi. Ad esempio, a causa della struttura e del tipo di legami proteici, il loro processo digestivo e l’ossidazione sono molto lenti.

Al contrario, ci sono persone che ossidano il cibo lentamente, quindi dovrebbero mangiare carboidrati, poiché vengono digeriti e ossidati rapidamente.

Tipi di diete

Esistono 3 tipi di diete in base al tipo di metabolismo della persona Come si identificano? Gli autori del libro valutano una serie di caratteristiche legate al dominio del sistema nervoso e al tasso di ossidazione.

Vengono anche eseguiti test di zucchero nel sangue, elettroliti e funzionalità renale ed epatica. Possono essere inclusi esami del sangue e delle urine per una diagnosi più completa.

1. La dieta proteica

Questo tipo di dieta è progettato per le persone che sono ossidanti veloci o dominanti parasimpatici. Sono persone che hanno costantemente fame e darebbero qualsiasi cosa per mangiare cibi salati e grassi.

Generalmente falliscono nelle diete ipocaloriche e sono nervosi, ansiosi, letargici e si stancano facilmente. Questo tipo di dieta fornisce elevate quantità di proteine, fino al 40 percento e il 30 percento di grassi e carboidrati. Sono indicate carni di pollame scuro, interiora e manzo. Consigliano anche salmone, tonno, aringhe, cozze, latte intero, panna, uova, panna e formaggi.

2. La dieta a base di carboidrati

La dieta carbo è indicata per le persone che sono ossidanti lenti e simpatiche dominanti. Sono persone che dipendono dalla caffeina, amano i cibi dolci, hanno scarso appetito e hanno difficoltà a controllare il proprio peso.

Vengono somministrate diete ricche di carboidrati per circa il 60 percento e per il 20 percento di proteine e grassi. Predominano frutta, verdura e cereali integrali, evitando al minimo i carboidrati raffinati.

Consentono anche proteine magre come pollo, crostacei e tacchino e pesci più leggeri come sogliola, passera di mare e pesce persico. Sono ammessi prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi.

3. La dieta mista

Nelle persone che seguono una dieta mista, non c’è predominanza del sistema nervoso autonomo e in termini di velocità del metabolismo, non è né lento né veloce. Amano i cibi dolci, possono dar loro voglia di cibi amidacei e il loro appetito è moderato.

Possono controllare moderatamente il loro peso, sono nervosi, ansiosi e si stancano abbastanza facilmente. La dieta mista dovrebbe essere fornita con parti uguali di carboidrati complessi, grassi e proteine, pur essendo ricca di proteine e grassi.

Che ne pensano gli esperti?

I creatori e seguaci della dieta di tipizzazione metabolica sostengono una perdita di peso di 10 chili in un mese. Tuttavia, non ci sono studi a sostegno di questa affermazione, compaiono solo testimonianze. Inoltre, gli operatori sanitari concordano sul fatto che una perdita di peso così rapida è insostenibile e preoccupante.

Altri esperti assicurano inoltre che quando si perde peso velocemente, il metabolismo rallenta e questo faciliterà il recupero del peso perso in breve tempo.

D’altra parte, l’USDA suggerisce ampie gamme per i macronutrienti. Le raccomandazioni per le proteine vanno dal 10 al 35 percento, per i grassi dal 20 al 35 percento e dal 45 al 65 percento per i carboidrati. Come noterai, ci sono grandi differenze con la dieta proteica del piano di tipizzazione metabolica.

La dieta di tipo carboidrati rientra nei limiti consigliati, mentre quella mista è in percentuale superiore per proteine e grassi. Tuttavia, è a basso contenuto di carboidrati.

L’USDA raccomanda anche un conteggio delle calorie per promuovere la perdita di peso. Ciò è contrario a quanto raccomandato dal Dr. Wolcott, che vede un vantaggio nel non contare le calorie. L’autore della tipizzazione del metabolismo assicura che la persona non abbia fame tra i pasti, ma è del tutto vero?

Le persone con condizioni di salute speciali dovrebbero consultare il proprio medico curante prima di iniziare questo tipo di dieta o qualsiasi altra.

In particolare, i diabetici dovrebbero prestare attenzione quando seguono una dieta e tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue. Tuttavia, un team di scienziati ha dimostrato che le diete a basso contenuto di carboidrati favoriscono il controllo della glicemia nel diabete di tipo 1.

Pro e contro della dieta metabolica

La dieta metabolica è un piano alimentare personalizzato che va secondo le preferenze e le esigenze della persona. In generale sono limitati i carboidrati raffinati, che tendono ad avere valori calorici elevati con un apporto quasi nullo di vitamine e minerali.

Contro

Sebbene si tratti di una dieta in grado di promuovere uno stile di vita sano, manca ancora il supporto scientifico per le osservazioni finora ottenute.

Uno studio che ha confrontato i risultati del questionario applicato a questa dieta con i test di laboratorio relativi al metabolismo, non ha riscontrato alcun tipo di relazione.

D’altra parte, la dieta proteica può aumentare il consumo di grassi saturi legati ai rischi di malattie cardiache e incidenti cardiovascolari. Una mancanza di equilibrio si osserva anche nelle diete a base di carboidrati e miste. Alcuni squilibri alimentari possono portare al diabete di tipo 2 e all’obesità.

Vero o falso?

È vero che la dieta metabolica è una delle più personalizzate in quanto indica il consumo di determinati alimenti in base al tipo di metabolismo, cioè se lento o veloce. È anche vero che valuta alcune caratteristiche della personalità legate al sistema nervoso dominante e che possono influenzare i risultati della dieta.

Tuttavia, la letteratura scientifica non offre ulteriori studi che dimostrino l’ottimizzazione di questo tipo di dieta per dimagrire, senza alcun rischio. Le persone con determinate condizioni di salute dovrebbero consultare il proprio medico e chiedere consiglio a un nutrizionista prima di applicarlo. Sono necessarie ulteriori ricerche al riguardo.

Potrebbe interessarti ...
5 segnali che indicano che stai sbagliando la dieta cheto
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
5 segnali che indicano che stai sbagliando la dieta cheto

Uno dei più grandi errori quando si segue la dieta cheto è farlo senza un nutrizionista di supporto. Ecco i sintomi che possono comparire.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.