Dieta senza glutine: cosa bisogna tenere in considerazione

Seguire una dieta senza glutine a casa è relativamente semplice, ma occorre fare qualche adattamento. Ecco come cominciare il vostro nuovo stile alimentare.
Dieta senza glutine: cosa bisogna tenere in considerazione

Ultimo aggiornamento: 21 febbraio, 2022

Quando si riceve una diagnosi di intolleranza al glutine, sembra che seguire una dieta sana e piacevole sia impossibile. In realtà, rispettare una dieta senza glutine richiede solo alcuni adattamenti.

La parte difficile è abituarsi all’idea di dover eliminare alcuni cibi dal menu. Occorre ricordare che l’eliminazione totale di questi alimenti è la chiave del successo.

Meno tentazioni avrete a portata di mano, più facile sarà attenersi alla dieta. Seguite questi consigli e iniziate con successo il vostro nuovo stile di vita.

Fate una pulizia totale in dispensa

Non ci riferiamo alla pulizia con spugna e disinfettante, anche se non fa mai male. Si tratta di eliminare dalla cucina tutto ciò che contiene glutine e che non dovreste più consumare. Tra i prodotti in questa lista ci sono:

  • Condimenti industriali.
  • Pane, pasta e biscotti normali.
  • Riso non integrale.
  • Farine con glutine di qualsiasi tipo.
  • Farine pronte per la preparazione di pane e dolci.

Inoltre, si consiglia di eliminare gli utensili che servono per preparare cibi con glutine. Un esempio è il tostapane. Può sembrare una scelta estrema, ma gli alimenti senza glutine generalmente non richiedono questi apparecchi. Ora, non stiamo dicendo di buttare via tutto. Provate a donarli o regalarli ad amici e parenti in modo che possano avere una seconda vita.

Rifornite la dispensa di prodotti adeguati per una dieta senza glutine

Una volta che avete rimosso tutto il glutine dalla cucina, potrebbe sembrare davvero vuota. Fortunatamente, al giorno d’oggi esiste un intero settore dedicato alla celiachia con prodotti appositamente studiati per facilitare la vita a chi segue una dieta senza glutine.

Idealmente, dovreste privilegiare cibi freschi, come frutta e verdura, oli naturali, spezie fresche o essiccate. Potete completare con prodotti in scatola e industriali, ma fate in modo che siano pochi. Con  una dispensa ben fornita, sarà più facile pensare a un menu e risolvere il problema del cibo.

Tra gli alimenti consigliati in una dieta gluten free:

  • Frutta fresca di stagione.
  • Carni magre e alcune frattaglie.
  • Verdure fresche.
  • Pesce.
  • Farina di mais.
  • Avena sia in fiocchi che in farina.
  • Quinoa.
  • Farine senza glutine per la preparazione di pane e dolci al momento.

In ogni caso, quando acquistate prodotti gluten free, assicuratevi che non contengano quantità eccessive di zucchero, poiché è in grado di peggiorare la salute se consumato in eccesso, come conferma uno studio pubblicato su Frontiers in Bioscience.

Aprite la mente (e il palato) a nuovi prodotti ed esperienze

Seguire una dieta priva di glutine vi costringerà ad accettare nuovi sapori e consistenze di cibo. Ogni volta che ciò accade, qualunque sia il motivo, è normale provare un po’ di riluttanza. Tuttavia, è importante sperimentare.

Dieta senza glutine

Prima lo farete, prima vi adatterete ai cambiamenti e meno fame e disagio sperimenterete. Il nostro suggerimento è che la maggior parte dei vostri pasti sia composto da cibi freschi e che già conoscete.

Ad esempio, potreste preparare un’insalata cruda e accompagnarla con cracker o panini di farina d’avena o di quinoa. Partendo da un piatto che già conoscete, vi sarà più facile accettare i prodotti con farina d’avena.

Imparate a leggere le etichette

Quando si segue una dieta priva di glutine, è importante sapere che alcuni alimenti possono contenere questo elemento anche se a prima vista non sembra. Può capitare di trovare un prodotto classificato “senza glutine” quando invece ne contiene delle tracce. 

Per essere sicuri, leggete l’elenco degli ingredienti. A volte il glutine appare per ultimo perché è contenuto in quantità minime . Tuttavia, è presente ed è meglio evitarlo.

Un motivo in più per leggere le etichette è che i marchi commerciali elaborano un gran numero di prodotti. Durante questi processi, alcuni ingredienti possono essere miscelati in piccole quantità. Pertanto, è importante controllare. Quando esiste questo rischio, troverete sulla confezione un riferimento alla possibilità di contaminazione incrociata.

Potete anche cogliere l’occasione per verificare se il prodotto che state per acquisire abbia degli additivi. Questo gruppo di sostanze ha dimostrato di incidere negativamente sulla salute in alcuni casi. Un esempio è quello dei nitriti, conservanti usati nell’industria della carne.

Seguire una dieta senza glutine anche fuori casa

Seguire una dieta senza glutine a casa è relativamente semplice. Ma farlo quando si esce, implica un grande sforzo che inizia con il sapere quali cibi siano ammessi. In caso di dubbio, potete chiedere consiglio al cuoco o al cameriere, ma se vi accorgete che non è molto aggiornato sull’argomento, scegliete un piatto di verdure. Sfortunatamente, non tutti gli addetti alla ristorazione sono attenti all’argomento e potrebbero consigliare qualcosa di inappropriato.

This might interest you...
Mangiare senza glutine, miti e realtà
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Mangiare senza glutine, miti e realtà

Mangiare senza glutine è una scelta che molti fanno, senza tenere conto del fatto che se sono persone sane non c'è motivo di farlo.



  • Freeman CR., Zehra A., Ramirez V., Wiers CE., et al., Impact of sugar on the body, brain and behavior. Front Biosci, 2018. 23: 2255-2266.
  • Song P., Wu L., Guan W., Dietary nitrates, nitrites, and nitrosamines intake and the risk of gastric cancer: a meta analysis. Nutrients, 2015. 7 (12): 9872-95.