Dimagrire troppo in fretta è pericoloso?

29 Giugno 2020
Siete alla ricerca di una dieta che vi aiuti a dimagrire? Per scegliere la più adatta alle vostre necessità, vi consigliamo di rivolgervi al medico. Dimagrire troppo in fretta grazie a una dieta "miracolosa" può rappresentare un rischio per la salute.

Quando finalmente decidiamo di iniziare una dieta dimagrante, desideriamo che offra risultati visibili in poco tempo. Sapevate però che dimagrire troppo in fretta può rappresentare un pericolo per la salute?

Perdere i chili di troppo può richiedere tempo e sacrifici: è del tutto normale! In caso contrario, potremmo nuocere al nostro organismo. Nelle righe che seguono vi spieghiamo perché dimagrire troppo in fretta è negativo per la salute.

Dimagrire troppo in fretta è rischioso?

Ragazza che misura circonferenza della vita
Dimagrire bruscamente può essere negativo per la salute.

Iniziare a seguire una dieta restrittiva per perdere peso può essere difficile, soprattutto se piace mangiare. Salire sulla bilancia e vedere che l’ago si trova nello stesso punto del giorno precedente può essere frustrante. Ciononostante, bisogna essere pazienti e seguire i consigli del medico.

Le diete miracolose che fanno perdere diversi chili a settimana possono rappresentare un vero e proprio rischio per l’organismo, motivo per cui sono caldamente sconsigliate dai professionisti della salute.

Vi state chiedendo che cosa significa dimagrire troppo in frette? Viene considerato sano un dimagrimento compreso tra mezzo chilo e un chilo alla settimana.

Più di un chilo a settimana, invece è definito “molto veloce”. È bene chiarire, tuttavia, che se si soffre di ritenzione idrica, all’inizio è probabile perdere più di un chilo alla settimana.

Potrebbe interessarvi anche: Errori durante la dieta dimagrante

Effetti sul corpo

Per eseguire le sue varie funzioni, il corpo ha bisogno di una certa quantità di calorie quotidiane. Si verifica un eccesso di peso quando l’ingestione di calorie è superiore all’effettivo fabbisogno. Per dimagrire in modo sano, la scelta ideale sarebbe ridurre gradualmente l’ingestione di calorie, aumentando al contempo l’attività fisica.

Il fabbisogno calorico varia da persona a persona in ragione del sesso, dell’età e del livello di attività fisica svolta, tra la tante variabili. Invece di adottare una dieta “miracolosa”, vi consigliamo di rivolgervi al nutrizionista, che potrà valutare il vostro stato di salute e programmare una dieta adatta alle vostre condizioni fisiche.

Che cosa succede, però, quando decidiamo di ridurre il consumo di alimenti attraverso una dieta fortemente restrittiva? Dimagrire troppo in fretta comporta alcuni rischi, come quelli che seguono.

1. Perdita di massa muscolare

Ragazza molto magra
Adottando una dieta altamente restrittiva, il corpo si ritrova privo di riserve di glucosio ed è costretto a consumare il proprio tessuto muscolare.

Uno dei principali errori è dimagrire non considerando che bisogna ridurre il grasso corporeo. In altre parole, perdere peso e perdere grasso non sono la stessa cosa.

Il catabolismo muscolare si presenta quando il corpo, avendo bisogno di energia e non ricevendo alimenti, inizia a cibarsi dei propri tessuti, tra i quali quelli dei suoi muscoli.

Nel 2016 uno studio ha esaminato un gruppo di persone che avevano seguito una dieta con un contenuto molto basso di calorie per 5 settimane e un gruppo di controllo sottoposto a una dieta a basso contenuto calorico per 12 settimane (500 contro 1.500 calorie quotidiane).

Alla fine, la quantità di chili perduti era simile, ma il primo gruppo aveva perso sei volte più massa muscolare rispetto al secondo gruppo.

Vi consigliamo di leggere anche: Assumere 300 calorie in meno al giorno: trucchi efficaci

2. Dimagrire troppo in fretta può rallentare il metabolismo

Alcune ricerche hanno evidenziato che dimagrire troppo in fretta potrebbe portare il metabolismo a lavorare più lentamente; in altre parole, a bruciare meno calorie. È stato dimostrato che la combustione quotidiana di calorie potrebbe diminuire del 23%.

3. Deficit nutrizionali

Mal di testa tra gli effetti di dimagrire troppo in fretta
Riducendo l’ingestione di nutrienti essenziali, esiste un alto rischio di insorgenza di deficit nutrizionali.

Una dieta con un contenuto molto basso di calorie potrebbe provocare deficit nutrizionali, dal momento che non vengono ingeriti tutti i minerali e le vitamine di cui il corpo ha bisogno per lavorare correttamente. I deficit nutrizionali potrebbero tradursi in:

  • Caduta dei capelli
  • Affaticamento estremo
  • Ossa fragili
  • Sistema immunitario debilitato

4. Formazione di calcoli biliari

Ogni volta che mangiamo, la colecisti libera succhi gastrici che aiutano a scomporre gli alimenti in modo che possano essere digeriti. Alcuni studi indicano che quando si ingerisce una quantità minore di alimenti, parte dei succhi biliari non liberati potrebbe formare dei calcoli biliari.

5. Dimagrire troppo in fretta: altre problematiche

Abbiamo già citato i rischi maggiori a cui si può andare incontro quando si dimagrisce troppo in poco tempo. Al di là di queste gravi complicazioni di salute, possono presentarsi altri problemi, come i seguenti:

  • Capogiri
  • Sensazione di freddo
  • Irritabilità
  • Crampi muscolari
  • Costipazione
  • Diarrea

Se desiderate perdere peso, evitate di farlo troppo velocemente. Non iniziate a seguire una dieta dimagrante senza la supervisione di un medico. Ricordate che è sempre consigliabile rivolgersi a un nutrizionista prima di cambiare le proprie abitudini alimentari.

  • Vink, Roel G. Roumans, Nadia J. T. Arkenbosch, Laura A. J. Mariman, Edwin C. M. van Baakhttps, Marleen A. The effect of rate of weight loss on long‐term weight regain in adults with overweight and obesity. https://doi.org/10.1002/oby.21346
  • NCBI. (2013). Adaptive thermogenesis with weight loss in humans. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23404923
  • NCBI. (2000). Gallstones in obesity and weight loss. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11192327
  • NCBI. (2017). Diet and hair loss: effects of nutrient deficiency and supplement use. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5315033/
  • NCBI. (1999). Vitamin B status in patients with chronic fatigue syndrome. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1297139/
  • NCBI. (2011). Vitamin D Insufficiency. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3012634/