Diverticolo di Zenker: in cosa consiste e come si cura?

Il diverticolo di Zenker è un diverticolo di propulsione che si manifesta per un difetto nella parete posteriore della faringe. È il più frequente ed è associato all'età avanzata.
Mariel Mendoza

Scritto e verificato da la dottoressa Mariel Mendoza.

Ultimo aggiornamento: 24 novembre, 2022

Il diverticolo di Zenker è anche noto come “diverticolo faringoesofageo”. È il diverticolo esofageo più comune e il suo nome deriva dal patologo tedesco Zenker, che pubblicò una rassegna di 22 casi nel 1874.

La prevalenza del diverticolo di Zenker è molto bassa, un massimo dello 0,11% in tutto il mondo, ed è più comune in età avanzata e nei maschi. Di solito è asintomatico e quando produce sintomi richiede una risoluzione chirurgica.

Come nascono i diverticoli di Zenker?

Il diverticolo di Zenker è considerato un diverticolo propulsivo. È dovuto alla sporgenza della mucosa faringea e della sottomucosa attraverso un’area relativamente debole della parete posteriore della faringe, chiamata triangolo di Killian. Questa debolezza muscolare si trova nel terzo superiore, dove si verifica l’unione posteriore della faringe con l’esofago.

Sebbene la sua causa sia sconosciuta, è correlata alla pressione interna che si verifica durante la deglutizione in concomitanza con la presenza di aree fragili nella faringe.

Sintomi

Diverticolo di Zenker: in cosa consiste e come si cura?
Man mano che il diverticolo di Zenker cresce, può causare difficoltà a deglutire.

Inizialmente, il diverticolo di Zenker è asintomatico o presenta sintomi lievi come mal di gola cronico. Man mano che il diverticolo cresce, inizia a riempirsi di cibo e questo genera sintomi: il sintomo più frequente è la difficoltà di deglutizione (disfagia).

È accompagnato da rigurgito non acido, bava, bruciore di stomaco e alitosi (alitosi). Allo stesso modo, possono esserci disfonia o raucedine dovute al coinvolgimento del nervo che innerva le corde vocali, dolore al collo, dolore toracico, vomito, tosse cronica, sensazione di soffocamento, presenza di una massa nel collo e perdita di peso.

Il diverticolo di Zenker può essere complicato: la polmonite da aspirazione è la complicazione più frequente. Altre meno frequenti sono l’emorragia, la perforazione delle vie aeree o del mediastino, l’ulcerazione, l’infezione del sacco diverticolare o la compressione esofagea.

Diverticolo di Zenker, il più frequente

Il diverticolo di Zenker, sebbene considerato un falso diverticolo, in quanto ricoperto solo da mucosa e sottomucosa, è il più frequente e rappresenta tra il 52 e l’82% di tutto.

Il nome deriva dal patologo tedesco Friedrich Albert Von Zenker. Insieme a Von Ziemsse lo descrissero in dettaglio nel 1878. Sebbene fosse già stato esaminato in precedenza dal dottor Abraham Ludlow nel 1769.

È più frequente in età avanzata, tra la settima e l’ottava decade di vita, e negli uomini. La prevalenza del diverticolo di Zenker varia dallo 0,01 allo 0,11% e la maggior parte è asintomatica.

Diagnosi

Diverticolo di Zenker: in cosa consiste e come si cura?
Se si sospetta il diverticolo di Zenker, verrà eseguito un esofagogramma.

Per la diagnosi del diverticolo di Zenker è necessario un esofagogramma. L’esofagogramma, o “radiografia al bario”, consiste in un esame fluoroscopico dell’esofago con mezzo di contrasto.

Altri metodi come la manometria e il test del pH possono essere utilizzati per determinare se il diverticolo ha una risposta muscolare anormale della deglutizione o reflusso gastroesofageo. L’esofagoscopia d’ingresso non è raccomandata a causa del rischio di perforazione.

La diagnosi è confermata dalla radiografia del bario. In esso si può vedere il processo di deglutizione ed è evidente la presenza del diverticolo che si sposta su un lato del collo, per lo più sul lato sinistro. Viene eseguita la proiezione laterale e la vista dell’area ipofaringea.

Il trattamento definitivo è chirurgico

Quando è asintomatico, non richiede trattamento. Se invece Zenker cresce, si riempie di cibo e inizia a presentare sintomi, il trattamento è chirurgico.

Può essere eseguita la chirurgia a cielo aperto o la chirurgia endoscopica. In entrambi, il diverticolo viene rimosso o tagliato, così come il muscolo cricofaringeo. Questo è chiamato diverticolectomia e miotomia cricofaringea.

Considerazioni finali

La diagnosi deve essere sospettata sulla base del quadro clinico e confermata dall’esofago con bario. Dovrebbe essere la prima diagnosi da escludere nei pazienti anziani con difficoltà di deglutizione.

Potrebbe interessarti ...
Malattie dell’esofago i sintomi delle principali malattie
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Malattie dell’esofago i sintomi delle principali malattie

In questo articolo vi parleremo dei sintomi delle principali malattie dell'esofago. Infatti, è fondamentale riconoscerli per intervenire.