Emicrania nelle donne: cause e rimedi

24 agosto 2015
A causa del ciclo ormonale delle donne, può succedere che un rimedio che funziona un giorno non è più efficace la volta dopo. Le emicranie, inoltre, diventano più intense dopo la menopausa

L’emicrania colpisce il 13% della popolazione e si tratta di un disturbo doloroso che a volte impedisce di condurre una vita normale e che colpisce soprattutto le donne. Come mai? Secondo vari studi clinici, come quello condotto alcuni anni fa dall’unità di gastroenterologia e nutrizione dell’Ospedale Quirón di Barcellona, oltre a essere un problema ereditario, le emicranie sono collegate a un determinato tipo di enzima.

Ecco tutte le informazioni di cui avete bisogno ed utili consigli da adottare per combattere questo fastidioso problema.

1. Cosa scatena le emicranie nelle donne?

Emicrania2

Secondo il dottor Ramón Tormo, neurologo dell’Ospedale Quirón di Barcellona, tre persone su quattro affette da emicranie sono donne. Forse voi stesse sapete cosa vuol dire convivere con questo dolore, doversi dare malati al lavoro e le mille visite a dottori e specialisti necessarie prima di riuscire a trovare un rimedio che funzioni.

Perché sono proprio le donne a soffrire di più di emicranie? E inoltre, esiste un rimedio efficace per combattere le emicranie e migliorare così la qualità di vita? Le conclusioni a cui sono arrivati i medici sono le seguenti:

1. Le emicranie nelle donne sono causate dalla carenza di un enzima

Emicrania

Iniziamo con una semplice domanda: qualche altro membro della vostra famiglia soffre di emicranie? Stando alle scoperte di questo studio, le emicranie sono dovute a una carenza dell’enzima DAO (diaminossidasi).

Si tratta di un deficit ereditario, il che significa che viene trasmesso geneticamente da padre in figlio ed è ciò che scatena le tanto temute emicranie. Tuttavia, forse vi state chiedendo che funzione svolge questo enzima e perché questo deficit scatena tale problema. Ecco spiegato perché:

  • L’enzima DAO si occupa di distruggere una molecola conosciuta come istamina, presente in molti cibi che mangiamo quotidianamente, come i latticini, la carne, gli agrumi… Una volta distrutta all’interno dell’organismo, viene semplicemente eliminata attraverso l’urina.
  • Cosa succede invece quando abbiamo livelli molto elevati di istamina nel sangue? Si accumula nel plasma causando infiammazioni, rende più difficile la digestione e, inoltre, altera la biochimica cerebrale, il che provoca l’accelerazione del flusso sanguigno e l’infiammazione di vari tessuti cerebrali.

2. Le emicranie e i cambiamenti ormonali nelle donne

mestruazioni

Esiste un altro motivo interessante per il quale la mancanza dell’enzima DAO ha conseguenze più gravi sulle donne. Avete indovinato? Parliamo proprio dei cambiamenti ormonali che le donne soffrono durante la vita in seguito all’ovulazione, alle mestruazioni e alla menopausa. Ci sono quindi altri fattori che vanno presi in considerazione:

  • Gli ormoni femminili e i cicli a cui sono sottomesse le donne sono la causa di un deficit naturale dell’enzima DAO. Ecco perché è normale avere mal di testa durante il ciclo mestruale. Se inoltre soffrite di una carenza ereditata dai vostri genitori, la situazione diventa più seria.
  • È interessante sapere che, durante la gravidanza, la placenta attiva la produzione dell’enzima DAO per proteggere il feto. Per questo motivo, durante i 9 mesi di gestazione si soffre di emicranie.
  • Il fatto che le donne seguono un ciclo ormonale fa sì che i diversi rimedi funzionino una volta, e poi non siano più efficaci la volta dopo. Tutto dipende anche dal trovarsi nella fase premestruale o mestruale o se, invece, siete già in menopausa. In questo caso, le emicranie diventano più intense.

2. Rimedio efficace contro l’emicrania

emicranie

Poiché non si ereditano le emicranie stesse, ma il deficit dell’enzima DAO, è possibile ricorrere a rimedi farmacologici per equilibrare i livelli di questo enzima.

Ciononostante, deve essere il vostro neurologo a spiegarvi come procedere poiché, anche se è vero che il 90% delle emicranie sono dovute alla mancanza di questo enzima, le cause del restante 10% sono ancora sconosciute.

Quali strategie è possibile seguire per ridurre l’impatto delle emicranie? Ecco alcuni consigli da seguire tutti i giorni:

1. Controllare lo stress, poiché è spesso causa di emicranie.

2. Ridurre il consumo di tutti questi alimenti che contengono istamina:

  • Latte.
  • Formaggio.
  • Yogurt.
  • Vino.
  • Birra.
  • Bevande gassate o zuccherate.
  • Caffè.
  • Farina di riso.
  • Affettati.
  • Carne.
  • Legumi.
  • Prodotti vegetali fermentati, come la soia.
  • Pesce congelato.
  • Melanzane.
  • Aceto.
  • Cioccolata.
  • Acciughe sott’olio.
  • Bietola.
  • Avocado.
  • Succhi di produzone industriale.
Guarda anche