Ernie e loro trattamento, tutto quello che c'è da sapere

La chirurgia è di solito l'opzione di prima scelta per il trattamento delle ernie, essendo molto efficace nella maggior parte dei casi. Tuttavia, lo specialista potrebbe anche scegliere un altro approccio terapeutico.
Ernie e loro trattamento, tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 01 aprile, 2022

Le ernie sono alterazioni molto comuni che possono comparire per molteplici motivi e in qualsiasi momento della vita. Passano inosservate in molti casi, ma possono anche causare sintomi molto fastidiosi. Volete saperne di più sulle ernie e sul loro trattamento? Vi diciamo tutto.

Il trattamento delle ernie può variare a seconda di fattori quali posizione, dimensioni, sintomi e complicanze. Tenendo presente questo, gli specialisti possono optare per un’attesa vigile o un approccio chirurgico.

Che cos’è un’ernia?

Un’ernia è la protrusione di un tessuto attraverso una debolezza preesistente nella parete che lo sostiene. La maggior parte delle ernie si verifica a livello dell’addome, quindi il tessuto sporgente è di solito il peritoneo, i visceri o entrambi.

D’altra parte, alcune ernie possono essere più evidenti sull’inguine o sulla coscia. Tutto dipende dalla posizione del punto debole del tessuto.

La maggior parte dei pazienti segnala un rigonfiamento morbido e indolore in un’area specifica. Il rigonfiamento tende a sporgere di più con la tosse e a rientrare da sdraiati.

Le manifestazioni cliniche possono variare da persona a persona, rendendo difficile la diagnosi e il trattamento. Alcuni dei sintomi più comuni sono:

  • Disagio e dolore quando si sollevano oggetti pesanti o si fanno sforzi.
  • Reflusso gastrico o bruciore di stomaco in caso di ernia iatale.
  • Dolore addominale, debolezza o pesantezza.
  • Complicazioni come ostruzione intestinale e strangolamento.

Tipi più comuni di ernie

Possono essere classificate in base alla posizione nell’addome. Variano, dunque, le cause, i sintomi e il trattamento.

Ernia inguinale

L’ernia inguinale è il tipo più comune di ernia e di solito colpisce il sesso maschile (un terzo degli uomini secondo uno studio pubblicato nel 2019). In questo caso la debolezza si trova nella parte inferiore della parete addominale, in prossimità del canale inguinale.

Le cause di un’ernia inguinale sono varie. Negli uomini di solito compare quando il canale inguinale non si chiude in modo completo dopo la discesa dei testicoli.

Uno dei sintomi principali è la presenza di un nodulo sull’inguine o sullo scroto. Inoltre, molti uomini accusano spesso dolore nel sollevare oggetti pesanti. In questi casi, la migliore opzione terapeutica è la chirurgia.

Ernia inguinale nell'uomo.
Le ernie inguinali di solito diventano evidenti nelle situazioni di sforzo fisico.

Ernia femorale

Le ernie femorali sono meno comuni delle ernie inguinali e colpiscono più spesso le donne. In questo caso, la protrusione avviene dal basso addome verso la coscia, appena sotto il legamento inguinale.

La causa è indeterminata, sebbene sia correlata a una debolezza della parete muscolare e ad alcuni fattori di rischio come la multiparità. Sono purtroppo molto difficili da diagnosticare, date le piccole dimensioni.

Uno dei sintomi principali è il dolore all’inguine, motivo per cui viene spesso confusa con un’ernia inguinale. Sono necessari esami specifici per una diagnosi differenziale.

Ernia ombelicale

La protrusione del contenuto addominale si verifica, in questo caso, in un punto debole vicino all’ombelico. Il rigonfiamento sarà molto più evidente nella cicatrice ombelicale; le dimensioni possono variare.

Le cause delle ernie ombelicali e il loro trattamento cambiano a seconda dell’età della persona colpita. Nei bambini, la maggior parte delle ernie ombelicali rispondono a un difetto anatomico e di solito scompaiono da sole prima dei dodici mesi di vita.

Gli adulti con ernie ombelicali hanno spesso una patologia che aumenta la pressione nell’addome. Tra i fattori associati vi sono obesità, gravidanza, tosse, stipsi cronica, ascite e disturbi della prostata.

Uno studio pubblicato su The Surgical Clinics of North America consiglia la chirurgia solo quando i sintomi sono fastidiosi. Tuttavia, occorre tenere l’ernia sotto controllo.

Ernia iatale

In questo particolare tipo di ernia, lo stomaco sale verso il torace attraverso il diaframma. In questi casi, non si vede o si sente alcun rigonfiamento sulla superficie.

L’ernia iatale è più comune nelle persone di età superiore ai 50 anni e la sua causa precisa è sconosciuta. Nei bambini, invece, si verifica a causa di una malformazione congenita.

I sintomi delle ernie iatali sono diversi da quelli di altri tipi di ernie. Il paziente avverte spesso bruciore di stomaco e malattie da reflusso gastroesofageo.

Ernia epigastrica

Infine, l’ernia epigastrica si forma a causa di un difetto nella metà superiore della parete addominale. Sebbene possa verificarsi in qualsiasi punto, è più frequente a livello della linea mediana.

Il più delle volte è asintomatica. L’approccio chirurgico di solito ha poche complicazioni, secondo un articolo pubblicato su British Journal of Surgery.

Trattamento delle ernie

L’opzione terapeutica consigliata dallo specialista dipende dalle dimensioni dell’ernia e dalla presenza di sintomi concomitanti. L’approccio per le piccole ernie è, in genere, un’attesa vigile. Il medico seguirà da vicino l’evoluzione.

Alcuni specialisti raccomandano l’uso di indumenti attillati per alleviare i sintomi. Tuttavia, è un’opzione molto conservativa.

Il trattamento definitivo per qualsiasi ernia sarà sempre la procedura chirurgica chiamata ernioplastica. Consiste nel riportare i visceri nella cavità addominale, con la successiva riparazione del difetto della parete addominale. La riparazione può essere eseguita con una sutura o con il posizionamento di apposite maglie.

Esistono molte tecniche per eseguire un’ernioplastica, a seconda della valutazione del chirurgo. Tra le più comuni spiccano:

  • Chirurgia a cielo aperto: il chirurgo esegue un’incisione nella parete addominale per riparare il difetto, lasciando una cicatrice più grande.
  • Laparoscopia: il chirurgo esegue incisioni più piccole per inserire gli strumenti chirurgici necessari.
Laparoscopia per il trattamento delle ernie.
La tecnica laparoscopica lascia meno cicatrici ed è quindi un’opzione con buoni risultati estetici.

Prevenzione e fattori di rischio

Purtroppo non esiste un modo efficace al 100% per prevenire la formazione di un’ernia. È importante ricordare che le ernie sono correlate a un difetto della parete addominale e a molteplici fattori di rischio. Tra questi:

  • Sollevamento di oggetti pesanti o esercizio intenso.
  • Basso peso alla nascita o essere prematuri.
  • Stipsi o tosse cronica.
  • Età avanzata.
  • Obesità.
  • Gravidanza.
  • Fumo.

Quando consultare lo specialista?

È necessario consultare lo specialista quando si nota un gonfiore anormale nell’addome. Solo il medico è in grado di fare una diagnosi accurata.

Si consiglia, inoltre, di andare subito dal medico in caso di complicazioni. Tra le più comuni ci sono lo strangolamento e l’ostruzione intestinale. Le manifestazioni cliniche di entrambi sono le seguenti:

  • Cambiamento nel colore del rigonfiamento che tende a diventare rosso o viola.
  • Diminuzione dei movimenti intestinali.
  • Dolore improvviso che peggiora nel tempo.
  • Nausea e vomito.
  • Febbre.

Una condizione comune con un trattamento efficace

Le ernie sono una condizione molto comune che può passare inosservata, a seconda della posizione. Le dimensioni sono variabili e quelli più grandi tendono a essere molto fastidiose.

Il trattamento delle ernie è molto efficace, sebbene vi sia il rischio di recidiva. Quando si nota un rigonfiamento in qualsiasi area del corpo, è necessario consultare lo specialista.

This might interest you...
Trattare l’ernia del disco in modo naturale
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Trattare l’ernia del disco in modo naturale

Spesso si può trattare l'ernia del disco in modo naturale, con una dieta adeguata, la chiropratica, la fisioterapia e le piante curative.



  • Berndsen MR, Gudbjartsson T, Berndsen FH. [Inguinal hernia – review]. Laeknabladid. 2019 Sep;105(9):385-391.
  • Appleby PW, Martin TA, Hope WW. Umbilical Hernia Repair: Overview of Approaches and Review of Literature. Surg Clin North Am. 2018 Jun;98(3):561-576.
  • Henriksen NA, Montgomery A, Kaufmann R, Berrevoet F et al. Guidelines for treatment of umbilical and epigastric hernias from the European Hernia Society and Americas Hernia Society. Br J Surg. 2020 Feb;107(3):171-190.
  • Bedayat A, Hassani C, Chiang J, Hebroni F et al. Abdominal wall and pelvic hernias: classic and unusual hernias and their mimics. Clin Imaging. 2020 Aug;64:57-66.
  • Murphy KP, O’Connor OJ, Maher MM. Adult abdominal hernias. AJR Am J Roentgenol. 2014 Jun;202(6):W506-11.
  • Kelly KB, Ponsky TA. Pediatric abdominal wall defects. Surg Clin North Am. 2013 Oct;93(5):1255-67.