Errori alimentari da correggere subito

2 Luglio 2019
Fare in modo che tutta la famiglia mangi sano è una grande sfida. Complice la frenesia degli impegni quotidiani, gli alimenti precotti e il cibo confezionato; l'alimentazione rimane ancora una problema da risolvere per molte famiglie.

Anche chi segue un’alimentazione sana può commettere degli errori alimentari che rischiano di pregiudicare uno stile di vita salutare o una dieta dimagrante. Se prestate molta attenzione a quello che mangiate, di sicuro vi interesserà scoprire come migliorare ancora di più la vostra alimentazione.

Fare in modo che tutta la famiglia mangi sano è una grande sfida. Complice la frenesia degli impegni quotidiani, gli alimenti precotti e il cibo confezionato; l’alimentazione corretta rimane ancora una problema da risolvere per molte famiglie. Per questo motivo, a seguire vi sveliamo tutti gli errori alimentari che si rischia di commettere. Prendete nota!

Errori alimentari da correggere

1. L’improvvisazione

Hamburger
Quando manca una pianificazione, la tendenza è quella di consumare cibi pronti o alimenti da fast food, con i conseguenti gravi danni alla salute.

La maggior parte delle famiglie (fino all’80% secondo alcuni studi) non pianifica i pasti settimanali. Il risultato di questa mancata organizzazione è una pratica alimentare squilibrata che porta al sovrappeso. È necessario imparare le nozioni base dell’alimentazione per acquisire criteri nutrizionali e organizzarsi meglio.

Indubbiamente, mangiare bene al giorno d’oggi richiede una certa riflessione, una modalità di acquisto intelligente per scegliere bene senza spendere troppo e cucinare un po’ di più.

Leggete anche: Dieta sana: ecco 8 consigli per seguirla a regola d’arte

2. Errori alimentari: light non è sempre sinonimo di sano

Spesso proprio per ridurre i grassi vengono utilizzate sostanze poco sane, pertanto si raccomanda di assumere questi in prodotti in maniera consapevole, magari stabilendo una frequenza di consumo, in modo da non alterare l’equilibrio nutrizionale della nostra alimentazione.

Un altro errore è credere che i grassi siano dannosi. Il corpo ha bisogno dei grassi per funzionare al meglio. I prodotti che pubblicizzano “0% di grassi” non solo non contengono grassi cattivi, come i grassi saturi, ma non contengono nemmeno quelli buoni, come i monoinsaturi, utili per combattere il colesterolo cattivo.

3. Mangiare poche volte al giorno e in grandi quantità

Gli esperti consigliano cinque pasti giornalieri: tre pasti importanti (colazione, pranzo e cena) e due spuntini. Quando priviamo l’organismo del cibo per un lungo periodo di tempo (più di 3-4 ore), il corpo va in allerta e si attivano dei meccanismi di riserva.

Ciò significa che il corpo inizia a risparmiare energia e ad accumulare grasso per resistere e rendere meglio nelle ore in cui non riceverà alimenti. È quindi essenziale evitare questi meccanismi per mantenere il corpo in perfetto equilibrio.

4. Non fare colazione o mangiare fuori orario

Piatto con lancette e segno vietato il transito
Se non consumiamo i pasti in modo appropriato, il corpo entra nella fase di allarme, attivando il meccanismo accumulo delle riserve di grasso.

È un’abitudine molto diffusa nella nostra società per via dell’errata convinzione che in questo modo si possa perdere peso più in fretta. È un’idea che dovremmo eliminare quanto prima, dato che la colazione è il pasto più importante ed è quello che ci fornisce l’energia necessaria per il resto della giornata.

D’altro canto, anche mangiare fuori orario è una cattiva abitudine, dal momento che la digestione umana ha i suoi ritmi e i suoi orari, e alterarli, giorno dopo giorno, non può che avere un effetto negativo su di noi e sulla nostra salute.

5. Errori alimentari: l’abuso di sale

L’abuso di sale può causare ritenzione idrica e problemi di pressione sanguigna. L’eccesso di sodio nel corpo causa un sovraccarico per i reni e per il cuore. Si tratta di problematiche che si verificano nel tempo attraverso un continuo abuso di assunzione di sale.

Per evitarlo, sarà fondamentale seguire un’alimentazione corretta e povera di sale. Un modo sano per condire il cibo è quello di utilizzare erbe aromatiche o spezie.

6. Mangiare insalata non vuol dire mangiare verdure

In molti pensano che il consumo di insalata sia sufficiente a garantire l’apporto di verdure alla dieta. In realtà è proprio un problema di volume, dato che un’insalata semplice, con lattuga, pomodori e cetrioli, ha in realtà una bassa densità nutritiva e contiene soprattutto acqua.

Per seguire una dieta sana è necessario consumare verdure in modo variato ed equilibrato, includendo fagiolini, spinaci, piselli, cavoli, peperoni, carote…Non esiste solo la lattuga!

Può interessarvi anche: Perdere peso velocemente e in modo sano: come fare

7. Troppa carne e poche verdure

Carne rossa
Dovremmo cambiare le nostre priorità alimentari, optando per verdure e cereali al posto della carne rossa.

“Almeno finisci la cotoletta”, supplicano alcune mamme. Le proteine animali non dovrebbero occupare più di un quarto del pasto, così come i legumi o i cereali. Cereali e legumi si completano molto bene a vicenda e contribuiscono anche all’apporto proteico.

Piccole porzioni di carne bianca o pesce sono più che sufficienti. La carne rossa dovrebbe essere consumata settimanalmente, non tutti i giorni. Le vere protagoniste dovranno essere le verdure.

Se avete qualche domanda su come mantenere delle buone abitudini alimentari, non esitate a consultare un nutrizionista per richiedere delle linee guida su come seguire una dieta corretta.

  • Strazzullo P, D’Elia L, Kandala N, Cappucio F. salt intake, stroke, and cardiovascular disease: meta-analisis of prospective studies. Brith Med J 2009; 339: 4567-86.   
  • Ducrot, P., Méjean, C., Aroumougame, V., Ibanez, G., Allès, B., Kesse-Guyot, E., … Péneau, S. (2017). Meal planning is associated with food variety, diet quality and body weight status in a large sample of French adults. The international journal of behavioral nutrition and physical activity14(1), 12. doi:10.1186/s12966-017-0461-7
  • Lin BH, Guthrie J. Nutritional Quality of Food Prepared at Home and Away From Home, 1977–2008. Econ Inf Bull No. (EIB-105) 24 pp. USDA. 2012.