Eruzioni cutanee nei neonati: come combatterle?

· 18 novembre 2018
Le eruzioni cutanee nei neonati possono essere una reazione del corpo al contatto con allergeni presenti nell'ambiente. Tuttavia, questa reazione può essere quasi sempre tenuta sotto controllo con semplici accorgimenti.

Le eruzioni cutanee nei neonati sono irritazioni passeggere che fanno apparire la pelle infiammata e arrossata. Si tratta di un sintomo comune che causa preoccupazione tra i genitori, ma che solitamente non è grave.

A volte le eruzioni cutanee nei neonati si presentano come piccoli sfoghi o brufoletti simili a quelli da dermitate o eritema. Solitamente compaiono dopo il parto, e questo perché la pelle del neonato inizia un processo di adattamento all’ambiente.

Tuttavia, a volte queste irritazioni sono sintomo di intolleranze alimentari o malattie più gravi. Per questo, se il problema si manifesta con frequenza o se i brufoletti presentano pus o altri segnali preoccupanti, la cosa migliore da fare è rivolgersi al medico per individuare le cause.

Prima di allarmarvi, però, vi invitiamo a ripassare alcune delle cause più comuni e i vari rimedi fai-da-te per tenere sotto controllo il problema. Prendete nota!

Cause delle eruzioni cutanee nei neonati

Neonato con eritema

Sono molti i fattori che possono incidere sulla comparsa di eruzioni cutanee nel neonato. Sebbene a volte siano dovute  a malattie dermatologiche, nella maggior parte dei casi queste sono di lieve entità e sono dovute a una reazione del corpo ad allergeni o a una mancanza di nutrienti.

Le possibili cause sono:

  • Uso di indumenti sintetici
  • Contatto con prodotti chimici, quali saponi, profumi e shampoo
  • Esposizione della pelle al cloro della piscina
  • Calore eccessivo
  • Materiale irritante dei pannolini
  • Introduzione precoce di alimenti nella dieta del neonato
  • Mancanza di determinati nutrienti
  • Intolleranze alimentari
  • Irritazione, ira o ansia

Leggete questo articolo: Intolleranza al glutine: sintomi e trattamento

Sintomi delle eruzioni cutanee nei neonati

Alcuni piccoli eritemi in diversi punti del corpo sono i sintomi più evidenti delle eruzioni cutanee neonatali. Tuttavia, a volte possiamo osservare altri sintomi:

  • Pelle secca e arrossata
  • Prurito e desquamazione della pelle
  • Ponfi o brufoletti
  • Ispessimento della pelle (nel caso di dermatite)
  • Riscaldamento cutaneo al tatto o febbre moderata

Consigli per combattere le eruzioni cutanee nei neonati

Nella maggior parte dei casi non è necessario rivolgersi urgentemente al pediatra per risolvere il problema. In effetti, non è raro notare eruzioni cutanee nei bambini senza la presenza di altri sintomi. Se si tratta di un caso lieve, mettere in pratica i seguenti consigli può aiutare a gestire la situazione.

Pomate o medicinali in polvere a uso pediatrico

In farmacia è possibile acquistare pomate e polveri pediatriche per uso topico, che aiutano a ridurre i rossori e le bollicine causate dall’eruzione cutanea. È importante chiedere al farmacista se è sicuro utilizzare il prodotto sui neonati.

Prima dell’utilizzo, fate un prova su una piccola area per verificare qualunque effetto collaterale.

Vestire il neonato con indumenti di cotone

Gli indumenti per neonati fabbricati con materiale sintetico possono scatenare allergie cutanee. Per questo motivo e per tenere i sintomi sotto controllo, consigliamo di scegliere solo indumenti di cotone o di altri tessuti naturali.

I vestitini realizzati con tessuti naturali sono più traspiranti ed evitano che il neonato soffra il caldo.

Evitare i pannolini usa-e-getta

I materiali con cui vengono fabbricati i pannolini monouso sono responsabili di diversi disturbi, come le dermatiti. Dato che strofinano contro la pelle e accumulano umidità, causano arrossamento e prurito.

In alternativa, potete optare per i pannolini ecologici, come i classici pannolini di stoffa.

Bagni con acqua calda

A volte le eruzioni cutanee nei neonati sono accompagnate da disturbi evidenti, come irritabilità o pianto. Se è questo il caso, un bagno con acqua calda e sapone neutro può donare sollievo.

Un bagnetto darà sollievo al piccolo, calmando la sensazione di calore e prurito.

Allattare al seno

Mamma che allatta neonato

Il latte materno è fondamentale per rinforzare le difese immunitarie del neonato. Per questo, quando non viene dato nei primi sei mesi di vita, il piccolo è più soggetto ad allergie, infezioni e dermatiti.

Leggete anche: Metodo Kassing: dare il biberon al neonato

Applicare un impacco alla camomilla

Uno dei rimedi tradizionali per trattare le irritazioni cutanee nei neonati è l’impacco alla camomilla. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e rinfrescanti, questo tonico riduce le eruzioni.

L’ideale è applicarlo su un panno pulito e morbido, da appoggiare direttamente sulla zona interessata.

Evitare tensioni in casa

Anche se molti genitori sottovalutano il problema, i bambini soffrono le conseguenze di un ambiente familiare teso. In effetti, i sintomi cutanei possono essere il risultato di stress e ansia causati dall’ambiente domestico.

Avete notato i sintomi di una eruzione cutanea sui vostri bambini? Seguite questi consigli per prevenire ulteriori disturbi. Se li notate nervosi e la temperatura si mantiene alta, consultate il pediatra.

Guarda anche