Esercizio fisico durante l'allattamento: consigli e suggerimenti

L'esercizio durante l'allattamento è l'ideale per un migliore recupero dopo il parto e per condividere le attività con il tuo bambino. Ti diciamo quali sono le migliori opzioni.
Esercizio fisico durante l'allattamento: consigli e suggerimenti

Scritto da Cristian Minich

Ultimo aggiornamento: 26 dicembre, 2022

Dopo la gravidanza, il bambino è la priorità indiscussa, ma recuperare la figura diventa anche uno degli obiettivi centrali di molte mamme. Spesso sorgono alcuni dubbi, anche se occorre sapere che allattamento e attività fisica possono essere compatibili. In questo articolo ti diamo una serie di consigli circa l’esercizio fisico durante l’allattamento.

L’allattamento al seno e un allenamento adeguato apportano molti benefici dopo il parto. L’attività fisica ti dà più energia e aiuta a mantenere la mente lucida, mentre il rilascio di endorfine provoca una sensazione di benessere.

La perdita di peso e la costruzione muscolare non solo ti aiuteranno ad avere un aspetto migliore, ma anche ad affrontare tutte le tue attività quotidiane. I rischi per il bambino e la madre sono minimi. Inoltre, un esercizio moderato non influisce sulla produzione di latte.

Quando iniziare e quali attività fare?

Dopo il parto, puoi iniziare subito ad allenarti. Ma attenzione, devono essere attività leggere. Tieni presente che per fare un allenamento più intenso devi aspettare circa 6 settimane. Dipenderà anche dalle tue condizioni fisiche.

Ecco alcune attività che puoi iniziare a poco a poco durante l’allattamento:

  • Ginnastica post parto: serve per tonificare i muscoli che si sono rilassati a seguito della nascita del bambino. Rafforza la zona addominale e il pavimento pelvico.
  • Camminare: è un esercizio cardiovascolare che aiuta a ossigenare il corpo e a migliorare la circolazione sanguigna. È facile da fare, ti godi la vita all’aria aperta e puoi farlo con il tuo bambino.
  • Pilates e yoga: entrambe sono attività compatibili con il postpartum. Dovresti evitare alcune posizioni che esercitano molta pressione sul pavimento pelvico. Sono lezioni ideali per recuperare flessibilità e postura corretta.
  • Nuoto: è uno degli esercizi a basso impatto più completi. È meglio aspettare fino alla fine della fase del puerperio. L’attività fisica precoce rischia di causare endometrite puerperale, che è un’infezione dell’utero. Dopo questa fase, il nuoto aiuta a tonificare la zona addominale e la regione lombare. Anche la matronazione è un’attività consigliata da fare con il bambino.
  • Bicicletta: si consiglia di attendere circa due mesi prima di iniziare a pedalare. Dopo questo periodo, senza dubbio è una buona opzione per migliorare il sistema circolatorio e rafforzare i muscoli. Ti aiuterà a perdere peso e ottenere una maggiore resistenza.
Acquaticità con il bambino
La matronazione sta diventando sempre più diffusa nelle piscine pubbliche e private con sessioni individuali o di gruppo.

Esercizio durante l’allattamento: le regole da tenere a mente

L’allattamento al seno e l’attività moderata sono a basso rischio sia per la mamma che per il bambino. Se sei un atleta professionista, puoi concederti un po’ più di intensità.

In tutti i casi, l’ideale è consultare il medico. Ecco alcuni suggerimenti per goderti l’esercizio durante l’allattamento.

Evitare attività molto intense

È meglio evitare qualsiasi attività che comporti rischi di traumi al seno. Fai attenzione agli sport di contatto o che possano farti cadere.

Presta attenzione anche ai carichi che usi se hai intenzione di allenarti con i pesi. Un allenamento troppo duro potrebbe portare a un‘infezione mammaria e a una diminuzione dell’apporto di latte materno.

Ecco perché è conveniente seguire il proprio ritmo ed evitare di affaticarsi. Se hai le vertigini, il fiato corto o se c’è un aumento del sanguinamento vaginale, dovresti interrompere l’esercizio.

Indossare abiti comodi

Indossare un abbigliamento adeguato è importante per lo sport in qualsiasi condizione. Scegli un reggiseno sportivo comodo che mantenga il seno fermo, ma non troppo stretto.

Uno dei problemi principali è se si verifica la mastite, che è un’infiammazione nel tessuto mammario. D’altra parte, è meglio fare esercizio dopo l’allattamento, poiché il seno non è pieno e potrai muoverti comodamente.

Restare ben idratata

Bere molta acqua è fondamentale per mantenere la produzione di latte materno. È importante farlo durante l’attività e anche una volta terminata.

Bere almeno 2 litri di acqua al giorno è ideale in questa fase. Inoltre, puoi anche bere succhi o infusi naturali.

Naturalmente, le bevande energetiche non sono consigliate. Potrebbero avere effetti negativi sulla tua salute e passare al bambino attraverso il tuo latte.

Seguire una dieta sana

Una buona dieta è fondamentale per ottenere tutti i benefici dell’esercizio. Consulta un nutrizionista per avere un piano adeguato.

Uno studio pubblicato nel 2013 suggerisce che dieta ed esercizio insieme sono più efficaci della sola dieta nell’aiutare le donne a perdere peso dopo il parto. Lo sport migliora la forma cardiorespiratoria della mamma, mentre la dieta da sola riduce la massa magra senza migliorare la prima.

Dolore al seno durante l'allattamento.
Un intenso dolore al seno potrebbe essere un sintomo della mastite. Considera di interrompere l’esercizio e scopri se questa è la tua situazione.

Allenati con il bimbo

A volte, per dedicare del tempo a determinate attività, devi prima capire chi si prenderà cura del bambino. Tuttavia, ci sono attività che puoi condividere con lui.

Ad esempio, una passeggiata è qualcosa che puoi fare con il tuo bambino in braccio, nella fascia porta bebè o nel passeggino. Ci sono anche lezioni di yoga speciali e vari esercizi, come squat, push-up, sit-up e plank, tra gli altri, che puoi fare a casa.

Alcuni vantaggi dell’esercizio durante l’allattamento

Le attività fisiche nella fase dell’allattamento al seno aiutano un migliore recupero postpartum e contribuiscono al benessere fisico ed emotivo. Non ci sono controindicazioni per fare sport, anzi.

Tieni presente che il latte potrebbe cambiare leggermente il sapore, a causa dell’aumento dell’acido lattico. Ma nella maggior parte dei casi, i bambini lo tollerano bene.

Ecco alcuni dei principali benefici dell’esercizio durante l’allattamento:

  • Riduce al minimo lo stress e l’ansia.
  • Migliora il sistema cardiovascolare.
  • Riduce il dolore e l’affaticamento.
  • Fornisce maggiore flessibilità ed equilibrio.
  • Favorisce il deposito di calcio nelle ossa.
  • Il volume di grasso accumulato durante la gravidanza è ridotto.

Vivi un’esperienza unica con il tuo bambino!

L’attività fisica non solo è compatibile con la fase dell’allattamento al seno, ma è consigliata. È meglio iniziare in modo graduale e con esercizi leggeri.

La produzione di latte non sarà influenzata e, sebbene possa cambiare il gusto del latte, è tollerabile per il bambino. C’è una vasta gamma di possibilità di attività da svolgere.

Soprattutto, puoi condividere molti di questi allenamenti con tuo figlio. Questo ti aiuterà a rafforzare il tuo legame con lui, oltre a regalarti un’esperienza unica.

Potrebbe interessarti ...

Sport in gravidanza: quali precauzioni?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Sport in gravidanza: quali precauzioni?

Lo sport in gravidanza porta grandi benefici psico-fisici, ma va fatto con le dovute precauzioni. Di cosa dobbiamo tenere conto per non avere compl...



  • Amorim AR, Linne YM, Lourenco PM. Diet or exercise, or both, for weight reduction in women after childbirth. Cochrane Database Syst Rev. 2007 Jul 18;(3):CD005627. doi: 10.1002/14651858.CD005627.pub2. Update in: Cochrane Database Syst Rev. 2013;7:CD005627. PMID: 17636810. Disponible en: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17636810/
  • Lee LL, Huang SF, Lai PC, Huang YT. Effect of exercise on slowing breastfeeding-induced bone loss: A meta-analysis and trial sequential analysis. J Obstet Gynaecol Res. 2020 Sep;46(9):1790-1800. doi: 10.1111/jog.14346. Epub 2020 Jul 8. PMID: 32643316.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.