«Fava tonka», perché è rischioso utilizzare questo seme aromatico?

Se ti piacciono i condimenti e le spezie, devi conoscere la fava tonka, un alimento molto particolare. Ecco tutti i suoi segreti.
«Fava tonka», perché è rischioso utilizzare questo seme aromatico?

Ultimo aggiornamento: 04 agosto, 2022

La fava tonka è una spezia aromatica che viene usata frequentemente in alcuni cocktail e dessert, ma può essere pericolosa per la salute. Infatti, contiene un elemento, la cumarina, che è tossico ad alte dosi.

Per questo motivo in alcuni paesi il suo utilizzo è vietato. In questo articolo, parleremo dei rischi associati e di come ottenere il massimo da questo condimento per migliorare le caratteristiche organolettiche di molti piatti.

In primo luogo, è fondamentale notare che quando si è in regime farmacologico, è consigliabile consultare uno specialista prima di includere le spezie nella dieta. Molte di loro possono avere interazioni farmacologiche, aumentando, riducendo o variando i loro effetti. In alcuni casi, il risultato sarebbe pericoloso per l’organismo, quindi è fondamentale prestare molta attenzione.

Caratteristiche della fava tonka

«Fava tonka», perché è rischioso utilizzare questo seme aromatico?
Il seme di fava tonka viene grattugiato per i dolci e i cocktail.

La fava tonka è di colore nero e una forma allungata. La superficie è ruvida ed i semi sono composti principalmente da una sostanza secca.

Dal punto di vista nutrizionale spicca il suo contenuto in zinco, ferro, rame, sodio, piombo e magnesio. Ma ciò che caratterizza maggiormente questo alimento è la cumarina, un elemento che si trova anche nella cannella.

A basse dosi, la cumarina non è pericolosa. Tuttavia, quando viene superato il limite di tossicità, può alterare la coagulazione del sangue e causare problemi al fegato e ai reni. Pertanto, metterebbe a rischio la vita delle persone. Lo indica una ricerca pubblicata sulla rivista Food Chemical Toxicology.

In ogni caso, se consumata in maniera controllata, questa sostanza avrebbe alcuni benefici per l’organismo. Da un lato, agirebbe come un agente antibatterico. Allo stesso modo, ci sono alcune prove che aiuterebbe a prevenire la crescita di alcuni tipi di tumori. Lo conferma uno studio pubblicato su Anti-cancer Agents in Medicinal Chemistry. Anche così, parleremmo di un contributo inferiore a 0,1 milligrammi per chilo di peso corporeo.

Per saperne di più: Sostituire il sale con 8 spezie

Proprietà della fava tonka

Oltre ai suddetti micronutrienti, la fava tonka è in grado di fornire una notevole quantità di proteine. Questi sono di basso valore biologico, ma possono aiutare a coprire il fabbisogno giornaliero degli stessi.

Pertanto, si potrebbe prevenire lo sviluppo di molte patologie complesse che colpiscono la massa magra, come la sarcopenia. Ciò è dimostrato da una ricerca pubblicata su BioMed Research International.

Naturalmente, dobbiamo tenere a mente che per ottimizzare l’assunzione di proteine, è importante includere gli alimenti di origine animale nelle linee guida. In questo modo è assicurato il consumo di tutti gli aminoacidi essenziali in quantità ottimali. Questi tipi di nutrienti hanno un buon punteggio in termini di digeribilità, che ne migliora l’utilizzo a livello intestinale.

Inoltre, tieni presente che la fava tonka può fornire importanti antiossidanti per mantenere una buona salute. Questi composti neutralizzano la formazione di specie reattive dell’ossigeno, elementi che potrebbero causare danni alla replicazione del DNA se si accumulano nel corpo.

Come si usa questa spezia?

La fava tonka può essere utilizzata in cucina soprattutto per preparare piatti dolci. Tra questi spiccano biscotti, torte, gelati o creme. Ha anche un bell’aspetto se abbinata al cioccolato. Viene usata anche per i cocktail, con ottimi risultati. Naturalmente sempre in piccole quantità per evitare di raggiungere i limiti di tossicità già citati.

Come regola generale, si aggiunge alle pietanze in modo simile alla noce moscata. Le fave vengono conservate in un contenitore ermetico e un po’ del condimento viene grattugiato proprio al momento dell’uso. Sarebbe addirittura possibile utilizzarlo con alcuni liquidi per produrre infusi che verranno poi utilizzati per migliorare il sapore delle preparazioni.

Per quanto riguarda il sapore, c’è da dire che ricorda un misto tra la cannella e i chiodi di garofano. Ha un tocco speziato, ma anche un sottofondo simile a quello della frutta secca. Potrebbe essere inserita anche nelle ricette salate, anche se come regola generale è più comune trovarla in pasticceria. Naturalmente, è un’ottima alternativa alla vaniglia, poiché fornisce note aromatiche diverse e più profonde.

«Fava tonka», perché è rischioso utilizzare questo seme aromatico?
Il consumo di fava tonka non è raccomandato per i gruppi a rischio.

La fava tonka in gravidanza

Ciò che è importante tenere a mente è che le donne in gravidanza e le persone che appartengono a gruppi a rischio dovrebbero prendere alcune precauzioni quando includono questo condimento nella loro dieta.

In effetti, sarebbe meglio evitarlo per non correre rischi inutili. Non si sa precisamente se la cumarina possa davvero incidere negativamente sulla salute e sullo sviluppo del feto, condizionando la genesi delle malformazioni.

In questa fase è meglio essere restrittivi riguardo al consumo di alcuni prodotti per evitare danni che potrebbero alterare la chiusura del tubo neurale o la formazione degli organi. In caso di dubbio, è meglio consultare un pediatra o un nutrizionista per un consiglio basato sulle prove più recenti.

Un condimento gustoso, ma con cautela

Come avete visto, la fava tonka è un condimento molto gustoso da utilizzare in cucina, soprattutto in pasticceria. Tuttavia, la sua assunzione in grandi quantità è pericolosa per la salute per la presenza di cumarina al suo interno, quindi le dosi utilizzate devono essere moderate. Nonostante ciò, è in grado di migliorare le caratteristiche organolettiche di molte preparazioni.

Per finire, dobbiamo tenere presente che l’inclusione delle spezie nella dieta è solitamente consigliata, purché nella giusta quantità. Queste contengono antiossidanti, che neutralizzano la formazione dei radicali liberi e il loro successivo accumulo nei tessuti dell’organismo. Grazie a questo meccanismo si impedisce lo sviluppo di molte patologie croniche e complesse.

Potrebbe interessarti ...
Rimedi a base di spezie confermati dalla scienza
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Rimedi a base di spezie confermati dalla scienza

La maggior parte dei rimedi a base di spezie proviene dalla tradizione popolare. Ecco 4 spezie le cui virtù sono supportate dalla ricerca.



  • Lake B. G. (1999). Coumarin metabolism, toxicity and carcinogenicity: relevance for human risk assessment. Food and chemical toxicology : an international journal published for the British Industrial Biological Research Association37(4), 423–453. https://doi.org/10.1016/s0278-6915(99)00010-1
  • Kaur, M., Kohli, S., Sandhu, S., Bansal, Y., & Bansal, G. (2015). Coumarin: a promising scaffold for anticancer agents. Anti-cancer agents in medicinal chemistry15(8), 1032–1048. https://doi.org/10.2174/1871520615666150101125503
  • Martone, A. M., Marzetti, E., Calvani, R., Picca, A., Tosato, M., Santoro, L., Di Giorgio, A., Nesci, A., Sisto, A., Santoliquido, A., & Landi, F. (2017). Exercise and Protein Intake: A Synergistic Approach against Sarcopenia. BioMed research international2017, 2672435. https://doi.org/10.1155/2017/2672435