Feci bianche o pallide: cause e trattamento

16 Dicembre 2019
Le feci bianche sono un segnale che deve allarmare. In questo articolo vi spieghiamo le cause di questa condizione che richiede attenzione immediata.

Le feci ci danno utili informazioni sullo stato di salute del nostro apparato digerente. Un cambiamento in termini di colore può essere un campanello d’allarme della presenza di una patologia. Per esempio, le feci bianche indicano chiaramente un problema nell’organismo.

In genere il colore delle feci presentano diverse tonalità di marrone e persino verde e nero. Nel caso delle feci bianche o pallide cosa dobbiamo fare?

Feci bianche o pallide

Un colore bianco o argilloso delle feci indica un problema a carico del sistema biliare (pancreas, fegato o cistifellea). Il tipico colore marrone, infatti, deriva dalla presenza dei sali biliari sintetizzati dal fegato.

Le feci bianche sono spesso indice di uno stato infetto a livello epatico, che causa una minore produzione di bile o un’ostruzione delle vie biliari. Il risultato è che l’apparato digerente non è in grado di assorbire i grassi in modo corretto.

Le feci possono anche assumere un aspetto chiaro (dal giallo al grigio) e untuoso, condizione che prende il nome di acolia.

È comune presentare un disturbo in un determinato momento della nostra vita. Con il passare del tempo si verificano cambiamenti che possono essere semplici e temporanei o, viceversa, preoccupanti e gravi.

Leggete anche: Fegato intossicato: 11 sintomi

Possibili cause delle feci bianche

Le feci bianche possono essere la conseguenza di diversi fattori, dal consumo di certi alimenti a cattive abitudini di vita o precise patologie.

1. Farmaci

Mano con farmaci

Il consumo di determinati farmaci è una delle possibili cause delle feci bianche. Un esempio di ciò sono gli antibiotici assunti per trattare alcune malattie infettive, como la tubercolosi, o disturbi intestinali come la diarrea.

Possono dare lo stesso effetto anche gli antinfiammatori e le pillole contraccettive. Gli steroidi anabolizzanti possono causare, oltre alle feci bianche, un’epatite acuta da farmaci. In genere in questi casi il problema viene  meno nel giro di qualche settimana dopo la sospensione del farmaco.

2. Epatite

L’epatite è l’infiammazione del fegato, provocata dal virus dell’epatite A, B e C. Quest’ultima è la più pericolosa e se non curata può essere fatale.

Uno dei sintomi dell’epatite è appunto la produzione di feci pallide o argillose. Questo sintomo è causato da una cattiva funzionalità del fegato.

3. Epatite alcolica

Donna rifiuta una birra

La causa di questa patologia è un abuso di bevande alcoliche. Si manifesta con l’infiammazione del fegato e la sua gravità dipende dalla quantità di alcol ingerita solitamente e da quanto tempo perdura questa abitudine.

I sintomi sono ascite, affaticamento, edema, encefalopatia epatica e ittero. Anche questo tipo di epatite può essere una delle cause delle feci bianche. L’epatite (alcolica o virale) può degenerare in cirrosi.

4. Cirrosi biliare

La cirrosi biliare è una malattia cronica e irreversibile, nella sua fase terminale, del fegato. Si verifica quando le cellule epatiche risultano distrutte, ciò provoca irritazione e infiammazioni dei dotti biliari.

In seguito a ciò, il flusso della bile risulta bloccato, provocando danni alle cellule epatiche. La conseguenza è un processo di cicatrizzazione dei tessuti tipico chiamato cirrosi. Uno dei numerosi effetti della cirrosi è l’assunzione del colore bianco da parte delle feci.

5. Cancro

Cellule cancerogene

Alcuni tipi di cancro possono causare deiezioni di colore pallido, oltre a uno stato di affaticamento. Il tumore al pancreas, ai dotti biliari e altre forme tumorali che li bloccano fanno sì che le feci assumano un colore giallo pallido o argilloso a causa della mancanza di enzimi digestivi provenienti dal pancreas.

Questa condizione può causare anche fatica, dato che il processo digestivo risulta incompleto e le sostanze nutritive non vengono assorbite in modo corretto. Il tutto sfocia in un possibile stato di malnutrizione.

6. Calcoli biliari

I calcoli biliari sono residui solidificati all’interno della cistifellea che ostacolano il passaggio della bile.

Composti da colesterolo o bilirubina indurita, quando sono di grosse dimensioni, possono arrivare a ostruire i dotti biliari che portano la bile dal fegato all’intestino. Questo causa il colore biancastro delle feci.

Allo stesso tempo, quando sono di grandi dimensioni e non è più possibile intervenire con i farmaci, occorre rimuoverli chirurgicamente.

7. Colangite sclerosante primitiva

Donna seduta sul wc

La colangite sclerosante primitiva è una malattia dei dotti biliari, caratterizzata da infiammazione e formazione di tessuto cicatriziale. Questa condizione causa un’irregolarità del flusso biliare che non giunge correttamente alle feci e determina, quindi, un’assenza di colorazione.

Tuttavia, è possibile trattare questa patologia a base di medicinali o tramite intervento chirurgico.

Diagnosi e trattamento delle feci bianche

Le feci di colore pallido sono un sintomo allarmante che richiede un consulto medico immediato. Il professionista indicherà il trattamento adeguato a seconda delle cause diagnosticate. Gli esami necessari per una diagnosi accurata da parte del medico sono:

  • Analisi del sangue, che permette di rilevare eventuali anomalie nei valori.
  • Tomografia computerizzata (TAC), un esame diagnostico che permette di ottenere immagini tridimensionali molto dettagliate.
  • Colangiopancreatografia retrograda endoscopica (ERCP, una speciale risonanza magnetica che cattura immagini dettagliate del sistema biliare.
  • Ecografia dell’addome, è un esame per ottenere un’immagine degli organi e verificare che si trovino nel giusto posto.
  • Test di funzionalità epatica.
  • Intervento chirurgico, in caso di estrema necessità si procede con l’operazione chirurgica per rilevare i danni a livello biliare.

Una volta tratta la causa che causa la comparsa delle feci bianche, queste dovrebbero recuperare il loro colore normale. Se così non fosse, le feci manterranno un aspetto anomalo e bisognerà proseguire con i trattamenti.

Feci chiare nei bambini: cause e trattamento

Bambino seduto sul wc

È sempre buona norma controllare l’aspetto delle feci del bambino, dal momento che può fornire molte indicazioni sul suo stato di salute. Le feci o diarrea chiara sono piuttosto comuni nei primi anni di vita e in genere è segno che il latte o i latticini non vengono ben tollerati o digeriti.

I genitori dovranno sempre informarsi sulle cause delle feci bianche dei figli, così come sul trattamento più adatto. Anche in questo caso è importante consultare il medico il prima possibile.

Leggete anche: Come combattere la stitichezza infantile

Cause delle feci chiare nei bambini

Questo problema può essere scatenato dai seguenti fattori:

  • Epatite.
  • Consumo di alimenti freddi.
  • Qualità, quantità e porzioni del cibo ingerito.
  • Mal assorbimento degli alimenti a causa della presenza di parassiti intestinali.

Trattamento delle feci bianche o pallide dei bambini

Certamente la prima cosa da fare è consultare subito il pediatra. Nella maggior parte dei casi, questi procederà con un’analisi delle feci.

Nel frattempo è bene controllare che il bambino assuma molti liquidi per prevenire la disidratazione. Ricordate che il bambino ha bisogno di molta acqua e di sali minerali. In alcuni casi le feci bianche sono legate a un’infezione batterica che richiederà una cura antibiotica.

Infine, in età pediatrica non vanno mai somministrati i farmaci antidiarroici contenenti loperamide senza prescrizione medica. La medesima raccomandazione è da applicare a qualsiasi altro farmaco che non sia stato indicato dal professionista.

  • Beckingham IJ, Ryder SD. ABC of diseases of liver, pancreas, and biliary system. Investigation of liver and biliary disease. BMJ. 2001;322(7277):33–36. doi:10.1136/bmj.322.7277.33
  • Thomas ME, Luton P, Mortimer JY. Virus diarrhoea associated with pale fatty faeces. J Hyg (Lond). 1981;87(2):313–319. doi:10.1017/s0022172400069539
  • Stern TA, Pallais JC, Scharf JM, Schlozman SC. Found in feces: differential diagnosis, workup, and treatment. Prim Care Companion CNS Disord. 2012;14(3):PCC.12f01341. doi:10.4088/PCC.12f01341