Fotofarmacologia, una nuova generazione di farmaci

Attualmente la fotofarmacologia sta registrando grandi progressi. Si prevede che nei prossimi anni diventi il metodo di trattamento abituale per molte malattie gravi.
Fotofarmacologia, una nuova generazione di farmaci
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 01 ottobre, 2022

La fotofarmacologia è una delle aree più promettenti della chimica farmaceutica per il futuro. In termini generali, si tratta di una nuova generazione di farmaci attivati dalla luce. Pertanto, agiscono solo sugli organi e sui tessuti che ne hanno bisogno e solo quando sono necessari.

A quanto sopra si aggiunge il fatto che la fotofarmacologia sarebbe in grado di ridurre al minimo gli effetti collaterali. La scienza è molto vicina a mettere in circolazione questi farmaci fotosensibili che renderebbero realtà i trattamenti di altissima precisione.

Tutto indica che questi farmaci sarebbero disponibili per malattie gravi come cancro, diabete, malattie del sistema nervoso centrale e una lunga lista che include dolore cronico e cecità. Sicuramente, la fotofarmacologia è un’alternativa rivoluzionaria.

Cos’è la fotofarmacologia?

Come funziona la fotofarmacologia
Gli agenti fotofarmaceutici vengono sviluppati utilizzando gli interruttori fotosensibili nei farmaci.

Come abbiamo detto, è un sistema che permette la somministrazione di farmaci fotosensibili, che si attivano e fanno effetto solo se combinati con la luce. Queste caratteristiche fanno acquisire a queste medicine un alto livello di precisione, dato che agiscono solo in determinati orari e solo nell’area che lo richiede.

Attualmente, i farmaci che vengono ingeriti agiscono indiscriminatamente nell’organismo. Un buon esempio di questo sono gli antistaminici di prima generazione. Se una persona ha un’allergia e assume uno di questi farmaci, i sintomi scompaiono. Tuttavia, è inevitabile che provochino sonnolenza, poiché nel cervello sono presenti recettori dell’istamina.

Sebbene la scienza abbia fatto molta strada per quanto riguarda il livello di precisione dei farmaci, questi non sono ancora privi di effetti collaterali. Con la fotofarmacologia questo non accade, poiché opera secondo la cosiddetta selettività del sito d’azione; questo significa che agisce solo dove dovrebbe agire.

I microsistemi impiantabili

Sono una delle alternative più interessanti che sono state proposte per trasportare e somministrare il farmaco fotosensibile nel corpo. Si tratta di minuscoli dispositivi che verrebbero impiantati nel corpo e si occuperanno di regolare il farmaco, quando e dove è necessario.

I microsistemi impiantabili sarebbero controllati via bluetooth. Ciò consentirebbe loro di recarsi nell’area in cui devono recarsi, regolare la quantità di luce che devono fornire per attivare il farmaco e controllare il tempo di esposizione e il volume del farmaco.

Per cui si potrebbero aggiustare le dosi, non solo nel tempo, ma anche in tempo reale. Ciò consentirebbe di effettuare un trattamento molto più preciso ed evitare effetti collaterali. Questo è essenziale, soprattutto quando i farmaci sono molto aggressivi.

Origine delle metastasi

Applicazioni della fotofarmacologia

Una delle aree in cui è probabile che venga raggiunta un’importante applicazione della fotofarmacologia è nei problemi cardiaci. In presenza di un’aritmia, ad esempio, uno di questi farmaci sarebbe in grado di ridurre la frequenza cardiaca non dell’intero cuore, ma nello specifico della zona interessata.

Un’altra delle applicazioni più importanti della fotofarmacologia potrebbe essere nel trattamento del cancro. Questa tecnologia consente un rilascio controllato di farmaci specificamente nell’area in cui si trova un tumore. In effetti, esiste la possibilità che vengano attaccate solo le cellule maligne, in modo che le cellule sane non vengano danneggiate.

Questo nuovo campo della farmacologia permetterebbe di superare la mancanza di selettività dei farmaci. Il risultato sarebbero trattamenti molto più precisi e privi di danni collaterali. Nel caso del cancro in particolare, ciò significherebbe una nuova era.

Un nuovo orizzonte nella medicina

Altre possibili applicazioni di questo nuovo metodo sono attualmente allo studio in gravi problemi di salute come cecità, morbo di Alzheimer, diabete e vari tipi di infezioni. Praticamente qualsiasi malattia potrebbe essere trattata con la fotofarmacologia.

Per quanto riguarda la questione dei disturbi visivi, Michael Telias, dell’Università della California a Berkeley, ha sottolineato che la cecità è già stata invertita negli animali con l’applicazione di questo metodo. Ha indicato che molecole fotosensibili sono state impiantate nella retina di alcuni di loro e questo ha indotto loro a recuperare la vista.

Si ritiene inoltre che in un futuro non troppo lontano saranno state sviluppate bende con farmaci fotosensibili per curare il cancro della pelle. Gli esperti concordano sul fatto che questa nuova farmacologia ha davanti a sé un brillante futuro nel campo medico.

Potrebbe interessarti ...
Acquistare farmaci online: è sicuro?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Acquistare farmaci online: è sicuro?

Molti trattamenti farmacologici sono soggetti a prescrizione medica e, pertanto, è illegale e pericoloso acquistare farmaci online.



  • Núñez del Arco Villegas, J. R. (2017). Diseño y simulación de una antena espiral para dispositivos médicos implantables.
  • Llibre, J. M., Antela, A., Arribas, J. R., Domingo, P., Gatell, J. M., López-Aldeguer, J., … & Ortega, E. (2010). El papel de las combinaciones de antirretrovirales a dosis fijas en el tratamiento de la infección por VIH-1. Enfermedades Infecciosas y Microbiología Clínica, 28(9), 615-620.
  • Algans, X. R., & Santacana, X. G. (2019). El nacimiento de la fotofarmacología. Investigación y ciencia, (516), 30-35.