Frullati vegani: 3 consigli per risultati eccellenti

· 21 ottobre 2018
I frullati vegani possono essere veramente deliziosi. Imparate a prepararli e a scegliere la corretta combinazione di ingredienti.

Conosciuti anche come smoothies, succhi verdi o centrifugati, a seconda degli ingredienti che contengono, i frullati vegani sono sani e deliziosi.

Ma è importante conoscere le combinazioni di ingredienti migliori. In questo articolo di vi proponiamo 3 ricette interessanti.

Come è noto, la dieta vegana non include alcun prodotto di origine animale. Per questo, i frullati vegani sono un’opzione salutare per apportare all’organismo le vitamine e i sali minerali necessari.

Per preparare un ottimo frullato vegano non basta prendere un po’ di frutta e verdura a caso e metterla nel frullatore.

Questo è l’errore che commettono molte persone quando optano per una dieta più sana. I risultati di questi “composti” spesso sono pessimi, e di conseguenza è facile abbandonare questa buona abitudine.

È difficile ottenere un risultato gustoso combinando gli ingredienti senza conoscerli. Perciò, vi presentiamo alcuni consigli per scegliere gli ingredienti ideali per i vostri frullati vegani.

1. Frullati vegani e colore degli ingredienti

Una delle maniere più facili per preparare i frullati vegani consiste nel mescolare ingredienti dello stesso colore. Per esempio: mele rosse, anguria e fragola.

Inoltre, provate a giocare con la quantità di ciascun ingrediente. Otterrete sapori e consistenze diverse. Anche se aggiungete dell’acqua per diluire il vostro frullato, non esagerate con la quantità. Piuttosto, aumentate gli ingredienti.

Quali sono i colori più utilizzati per i frullati vegani? Principalmente il rosso, il giallo e il verde. Quando avrete acquisito familiarità con questi gruppi di colori, potrete cominciare ad incorporare altri ingredienti.

Ciò cambierà l’aspetto e la tonalità finale del vostro succo. Ecco alcune considerazioni su ogni gruppo di colore:

  • Verde. In genere questi frullati contengono più quantità di verdura che di frutta.
  • Rosso. Normalmente contengono più frutta che verdura.
  • Giallo. Sono composti da una quantità equilibrata di frutta e di verdura.

Scoprite: Frullati verdi: perché sono grandi alleati della dieta?

2. Mescolate gli ingredienti in base al sapore

Vi presentiamo un’altra opzione per scegliere gli ingredienti del vostro succo di frutta: a seconda del sapore predominante.

Preferite una bevanda al sapore di agrumi o un succo dolce? Di conseguenza, scegliete gli ingredienti più adatti. Per esempio, un succo agli agrumi può contenere arancia e limone, ma anche le fragole.

Succhi di frutta agli agrumi

  • Frullati o succhi di agrumi. Gli ingredienti più utilizzati sono l’arancia e il limone. Ma potete prepararli anche con maracuja, ananas, mandarino, pompelmo.
  • Frullati dolci. L’ingrediente di base è la banana, a cui si può mescolare mela, pera o mango.
  • Frullati misti. Anche in questo caso la banana è la base del preparato. Poi, potrete aggiungere avocado, cacao in polvere, arachidi o, semplicemente, mela o pera.

Evitate di combinare frutti acidi e dolci. Infatti, mescolati fra loro non danno un buon sapore al frullato.

Inoltre, quando preparate i frullati vegani scegliete ingredienti di stagione. Sono più freschi, più nutrienti e più economici.

Vi può interessare: 5 succhi che ci aiutano a ridurre la pancia

3. Frullati vegani ed elementi nutritivi

Scegliete gli ingredienti del frullato a seconda degli elementi nutritivi che contengono. Si tratta della forma più sana di incorporare questi liquidi alla vostra dieta.

Può darsi che non sempre siano ottimi per il palato, ma ne vale la pena. Infatti, l’alto contenuto di vitamine, minerali e fibra di questi succhi è benefico per l’organismo.

Per cui, se desiderate assumere una maggiore quantità di questi elementi, valutate quali sono gli ingredienti più adatti.

Succo di barbabietola

Come avete visto in precedenza, nei frullati vegani non è mai contenuto latte di origine animale. Esistono perñ numerose alternative per aggiungere liquidi al composto di ingredienti vegetali.

Per esempio: acqua, tè, tisane e bevande vegetali come il latte d’avena, di mandorle o di cocco.

Ognuno di questi ingredienti apporta un sapore di fondo caratteristico, in grado di potenziare il gusto della frutta principale.

Provate a mescolare un frullato di banana o papaia con una bevanda vegetale: sentirete tutta la dolcezza della frutta.

In conclusione, tutti i frullati vegani possono essere veramente deliziosi se scegliete con cura la combinazione di ingredienti.

Sperimentate con alcune ricette, considerando gli aspetti che abbiamo visto. In breve tempo troverete due o tre frullati di vostro gusto, ideali da inserire nella dieta quotidiana.

Guarda anche