Gesso e stecca: differenze e accorgimenti

· 28 Febbraio 2019
Non conoscete la differenza tra gesso e stecca? Non sapete quale accorgimenti mettere in pratica con l'uno e con l'altro? Oggi risponderemo a queste domande.

Gesso e stecca servono a proteggere le parti del corpo che hanno subito un qualche tipo di infortunio. Consentono di velocizzare il processo di guarigione, in quanto limitano il movimento e aiutano a calmare il dolore. I materiali con cui vengono fatti di solito sono plastica, stoffa, gesso o vetroresina.

La differenza tra gesso e stecca, sebbene la loro funzione sia la stessa, riguarda la presenza di infiammazione dell’infortunio. Se l’infiammazione è presente, steccare sarà la migliore opzione, in quanto favorirà un migliore adattamento del tessuto e un sostegno confortevole, evitando problemi di circolazione e aumento del dolore.

Una volta passata l’infiammazione, di solito la stecca viene sostituita dal gesso –più duro e compatto- allo scopo di proteggere meglio l’infortunio provocato da una distorsione o da una frattura.

Accorgimenti per quando si indossano gesso e stecca

Sebbene i materiali siano diversi, e anche se gesso e stecca vengono usati in situazioni distinte, le attenzioni da mettere in pratica valgono in entrambi i casi. A seguire, scopriremo quali aspetti tenere in considerazione.

1. Mantenerli asciutti

Gessa e stecca accorgimenti
L’umidità favorisce l’insorgenza di complicazioni, tra cui le infezioni.

Anche se al giorno d’oggi esistono gessi e stecche impermeabili, la maggior parte non lo è. Per questo motivo bisogna fare particolare attenzione a non bagnarli. Ma cosa fare, allora, quando dobbiamo fare la doccia o il bagno? Bisogna coprire la zona con una busta di plastica o con una fodera, come consigliato dal medico.

Se il gesso o la stecca si bagnano e l’umidità raggiunge lo strato interno a contatto con la pelle, il materiale non si asciugherà facilmente. Questo può provocare eczemi o eruzioni cutanee, prurito alla pelle e, in casi estremi, persino infezioni.

2. Non provare a grattarsi

Prurito e bruciore che a volte si manifestano sotto gesso e stecche possono diventare insopportabili. Se vi è successo, di sicuro avrete cercato una matita o un altro oggetto per grattarvi la pelle. Si tratta di un errore, poiché i materiali utilizzati possono rimanere incastrati e provocare un’infezione.

Uno dei modi per attenuare il prurito è prendere un asciugacapelli e direzionare l’aria fredda all’interno del gesso o della stecca. Anche se il fastidio non passerà del tutto, vi donerà un certo sollievo.

Non perdetevi: Il prurito può essere un limite, ecco come alleviarlo

3. Attenzione alle crepe su gesso e stecca

Gesso e stecca a volte si crepano e questo può provocare alcuni problemi. Nel caso in cui la parte sia stata urtata in qualche modo o se sentiamo che in alcuni punti l’ingessatura è più morbida che negli altri punti, dobbiamo controllare la situazione.

Un gesso o una stecca con queste caratteristiche possono provocare piaghe e un aumento dell’infiammazione e del dolore. Verificate che vada tutto bene ogni giorno e fate attenzione: qualsiasi arrossamento della pelle può peggiorare l’infortunio.

4. Alterare il materiale il meno possibile

Bambino con braccio rotto
Non alterate il materiale per evitare complicanze o guarigioni incomplete.

È tradizione disegnare sul gesso o chiedere agli amici di scrivere una dedica su di esso. Sebbene questi gesti non comportino alcuna complicazione, potrebbero darne al momento di strappare via o rimuovere la parte di cotone a contatto con la pelle: questo potrebbe provocare gravi ferite.

Bisogna evitare, quindi, di alterare il materiale. Tuttavia, è possibile scrivere su di esso, l’importante è utilizzare un pennarello indelebile per sporcare il meno possibile gesso e stecca.

Potrebbe interessarvi: 5 abitudini per vivere più tranquilli 

Sensazioni da non sottovalutare

Oltre a tutti gli accorgimenti già menzionati, bisogna prestare attenzione a diverse sensazioni da non sottovalutare mai, visto che potrebbero mettere a rischio la nostra salute. Eccone alcune:

  • Le dita delle mani o dei piedi formicolano perché si addormentano.
  • Perdiamo sensibilità agli arti.
  • La pelle inizia a diventare bluastra, bianca o violacea.
  • La pelle coperta dal gesso o dalla stecca si è arrossata.
  • L’arto infortunato si infiamma a contatto con la stecca o il gesso.

Tutte queste situazioni richiedono un consulto medico immediato. Trascurarle o aspettare che infiammazione, arrossamento o sensibilità spariscano da soli può scatenare seri problemi. Se oltre a questo compare anche la febbre, un odore anomalo o un dolore che ci costringe ad assumere analgesici, sempre sotto consiglio medico, bisogna andare al pronto soccorso.

  • Boyd, A. S., Benjamin, H. J., & Asplund, C. (2009, September 1). Splints and casts: Indications and methods. American Family Physician. American Academy of Family Physicians. https://doi.org/10.1097/01.inf.0000360958.34900.18
  • Boyd, A. S., Benjamin, H. J., & Asplund, C. (2009, January 1). Principles of casting and splinting. American Family Physician. https://doi.org/https://doi.org/
  • Rizzone, K., & Gregory, A. (2013). Using Casts, Splints, and Braces in the Emergency Department. Clinical Pediatric Emergency Medicine14(4), 340–348. https://doi.org/10.1016/j.cpem.2013.11.003