Giornata Mondiale della Polio: per il futuro di mamme e bambini

La poliomielite è un'infezione molto contagiosa e pericolosa causata da un virus che viene trasmesso dalla contaminazione fecale di cibo e acqua. La Giornata Mondiale si impegna a debellarla.
Giornata Mondiale della Polio: per il futuro di mamme e bambini
Mariel Mendoza

Scritto e verificato da la dottoressa Mariel Mendoza.

Ultimo aggiornamento: 17 novembre, 2022

Il 24 ottobre di ogni anno si commemora la Giornata Mondiale della Polio. L’obiettivo di questa giornata di sensibilizzazione è rinnovare l’impegno per combattere la polio e debellarla in tutto il mondo.

Nel 2022 si celebrano 31 anni da quando la poliomielite è stata debellata in America. Il virus circola ancora in 2 paesi del mondo, quindi fino a quando non sarà scomparso del tutto, il pericolo di contagio è reale.

La poliomielite è una malattia contagiosa senza una cura specifica e potenzialmente grave. Nonostante ciò, può essere prevenuta attraverso l’immunizzazione.

La Giornata Mondiale della Polio

La data del 24 ottobre per celebrare la Giornata Mondiale della Polio coincide con la nascita del dottor Jonas Salk, che è stato lo sviluppatore del primo vaccino efficace contro il poliovirus. Questa giornata è stata istituita dal Rotary Club Internazionale, in commemorazione del compleanno del medico.

La strategia di vaccinazione o immunizzazione consiste nel prevenire l’infezione nei bambini di età inferiore ai 5 anni, fino all’interruzione della trasmissione. Dopo diverse dosi, la protezione del vaccino è per tutta la vita.

Il primo paese a debellare la malattia fu Cuba, nel 1962, quando introdusse il vaccino orale. Successivamente, l’America è stata il primo continente dichiarato libero dalla trasmissione nel 1994, con l’ultimo caso registrato in Perù nel 1991.

Sebbene la storia di questo vaccino abbia successo, la pandemia di COVID-19 ha causato ritardi nelle campagne di immunizzazione. Nelle Americhe, il tasso di vaccinazione a 3 dosi per il 2020 era dell’82%.

È stato il tasso più basso dal 1994, che ha fatto scattare i campanelli d’allarme.

L’eradicazione globale sembrava vicina, ma purtroppo nel febbraio del 2022, le autorità del Malawi (Africa) hanno dichiarato un focolaio di poliomielite di tipo 1. L’ultimo caso era stato registrato nel 1992 e l’Africa era stata dichiarata indenne dalla malattia nel 2020.

Una bambina di 3 anni è rimasta paralizzata dopo essere stata infettata dal virus, che sembra provenire dallo stesso ceppo segnalato nel 2019 e nel 2020 in Pakistan. Al di fuori di quest’ultimo paese, l’altro stato in cui la poliomielite rimane endemica è l’Afghanistan.

Quest’anno in Pakistan sono stati segnalati più di 14 casi.

Vaccinazione per la poliomielite nella sua giornata mondiale.
La strategia di vaccinazione universale si è dimostrata efficace nel debellare le malattie virali.

Leggi anche: Tipi di poliomielite e caratteristiche

Poliomielite

La poliomielite è causata dal poliovirus. Questo colpisce il sistema nervoso causando la paralisi dei muscoli respiratori, e di conseguenza la morte in breve tempo.

Il virus si trasmette per via oro-fecale. Entra nel corpo attraverso la bocca e, trovandosi nell’intestino, si moltiplica e produce l’infezione, riuscendo a raggiungere il midollo spinale.

All’inizio, la poliomielite può essere asintomatica o essere confusa con i sintomi del comune raffreddore:

  • Febbre.
  • Fatica.
  • Vomito e diarrea.
  • Rigidità del collo.
  • Mal di testa e dolori muscolari.

Colpendo il midollo spinale, può portare alla paralisi dei muscoli scheletrici delle gambe. Può quindi diffondersi ai muscoli respiratori, causando la morte per soffocamento.

La trasmissione avviene quando, dopo la defecazione, c’è contaminazione dell’acqua o del cibo. Il virus della poliomielite può essere trovato nelle acque reflue.

La poliomielite non ha cura. I sintomi possono essere affrontati e la terapia fisica e la riabilitazione possono essere ricercate in caso di paralisi. Le conseguenze sono presenti anche anni dopo la guarigione dall’infezione.

Il vaccino contro la poliomielite

Esistono tre sierotipi del poliovirus: 1, 2 e 3. Solo il sierotipo 1 del virus circola in 2 paesi del mondo.

Il tipo 2 è stato dichiarato eradicato nel 2015 e il tipo 3 nel 2019. Il poliovirus di tipo 1 rimane diffuso in Pakistan e Afghanistan.

A loro volta, ci sono due tipi di vaccini contro la poliomielite. Il vaccino contro il poliovirus inattivato (contro i sierotipi 1 e 3) e il vaccino contro il poliovirus vivo attenuato (che viene somministrato per via orale contro i sierotipi 1, 2 e 3).

Lo scopo è realizzare il programma di vaccinazione permanente con il vaccino contro il poliovirus inattivato trivalente e di utilizzare dosi aggiuntive del vaccino attenuato.

Potrebbero anche esserci focolai di poliovirus circolante in aree con bassa copertura vaccinale. Quando il virus vivo attenuato dalle vaccinazioni viene espulso, può diffondersi nella comunità attraverso l’acqua contaminata se non ci sono servizi igienico-sanitari adeguati.

I vantaggi del vaccino contro il poliovirus vivo attenuato sono i seguenti:

  • Costa poco.
  • Si somministra per via orale.
  • Assicura l’immunità di gregge: questo impedisce alle persone infette di trasmettere il virus selvaggio ad altre persone, sebbene trasmettano il virus attenuato per prolungare l’immunizzazione.

Tuttavia, c’è un effetto paradossale, perché il virus viene escreto con le feci e può infettare altre persone, innescando una catena di infezioni nelle comunità con bassi tassi di immunizzazione. Quando il virus circola abbastanza a lungo, può mutare in una forma più virulenta che provoca la paralisi.

L’obiettivo del passaggio dal vaccino trivalente a quello bivalente è ridurre il rischio di casi di paralisi attribuibili al sierotipo 2. L’uso del vaccino inattivo comporta un rischio quasi inesistente di paralisi associata.

Virus della poliomielite.
Il poliovirus attenuato può mutare nelle comunità che hanno bassi tassi di vaccinazione.

L’obiettivo attuale della Giornata Mondiale della Polio

La poliomielite è attualmente diffusa nelle comunità più povere ed emarginate del mondo, che non hanno un accesso adeguato alle vaccinazioni. L’obiettivo è debellare la poliomielite entro il 2026. Per questo è necessario rafforzare le campagne di vaccinazione e maggiori investimenti economici.

Finché ci saranno più campagne di immunizzazione e una popolazione più ampia di persone immunizzate, il virus non avrà potenziali ospiti. Ciò consentirà di dichiarare l’eradicazione. Anche se, finché c’è un caso di poliomielite, c’è il rischio che si ripresenti in altri paesi.

Potrebbe interessarti ...
Encefalite: sintomi, cause e trattamenti
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Encefalite: sintomi, cause e trattamenti

L'encefalite è una malattia che consiste in un'infiammazione dell'encefalo. Si tratta di una patologia causata da un'infezione virale. Scopriamo di...