Guarire da un infortunio grazie a 5 abitudini

16 Luglio 2019
Gli infortuni muscolari includono un ampio ventaglio di possibili lesioni che vanno da una contrattura di tipo lieve fino a uno strappo muscolare completo.

Il tempo necessario per guarire da un infortunio muscolare dipende da diversi fattori, come la gravità e la tipologia della lesione, lo stato di salute e la forma fisica della persona, l’alimentazione, ecc. Seguire i consigli che stiamo per descrivervi può essere utile a velocizzare la guarigione.

Se siete degli sportivi e fate attività fisica diverse volte a settimana, siete a rischio infortunio. Ma non per questo dovete smettere di fare sport e di seguire un’alimentazione sana.

Cosa è un infortunio muscolare?

Le lesioni muscolari includono un ampio ventaglio di possibili infortuni che vanno da una lieve contrattura del muscolo fino allo strappo muscolare totale. Le cause della rottura possono essere diverse.

  • Equilibrio muscolare non idoneo: tutti i gruppi muscolari comprendono muscoli con funzioni contrarie che lavorano da antagonisti e agonisti (ad esempio, bicipiti e tricipiti, quadricipiti e tendini del ginocchio, e così via). Quando c’è uno squilibrio tra le due parti, il rischio di infortunio aumenta.
  • Mancanza di elasticità: a causa di una maggiore rigidità, il rischio di incorrere in infortuni aumenta.
  • Variazione igienico-dietetica: la disidratazione prima, durante e dopo lo sport. Il muscolo disidratato è più soggetto a infortuni.
  • Disordini istochimici: alterazione degli oligoelementi (calcio, potassio…) necessari per il metabolismo muscolare. Per questo motivo è importante rispettare i periodi di recupero e apportare al corpo questo tipo di nutrienti.
  • Appoggio sbilanciato, tipologia di scarpe, movimenti sportivi scorretti: implicano uno sforzo muscolare eccessivo con conseguente sovraccarico.
  • Riposo insufficiente, dormire poche ore, riscaldamento insufficiente: influiscono sul recupero e sulla tensione muscolare.
  • Condizioni atmosferiche, clima freddo e umido.
  • Caratteristiche proprio di ogni sportivo: razza, sesso, condizioni genetiche e così via.

Buone abitudini per guarire da un infortunio muscolare

1. Applicate il ghiaccio

Terapia del ghiaccio
Il ghiaccio rallenta il flusso sanguigno, rallentando il processo infiammatorio e lenendo il dolore.

Quando ci infortuniamo, ovviamente non dobbiamo sforzare la parte lesionata. Applicate del ghiaccio per alcuni minuti per ridurre l’infiammazione e ripetete la procedura tre volte al giorno.

Il ghiaccio è vantaggioso per gli infortuni per via del suo effetto vasocostrittore. Tale aspetto riduce il rischio di ischemia nella zona interessata e agisce da calmante e antinfiammatorio. Anche sollevare l’arto danneggiato aiuta a guarire da una lesione. 

Potrebbe interessarvi leggere: Impieghi alternativi dei cubetti di ghiaccio

2. Riposare per guarire da un infortunio

Una volta che vi sarete rivolti al medico e avrete applicato il ghiaccio, dovete riposare. La parte interessata dalla lesione deve rimanere a riposo per poter guarire velocemente. Spesso si tratta solo di una lesione muscolare, per cui non sottoporre a sforzo il muscolo sarà sufficiente a riprendervi quanto prima.

Ad ogni modo, dovete sapere che il riposo previene possibili ricadute in futuro o che l’infortunio si cronicizzi. Non dovete preoccuparvi: con la riabilitazione, recupererete la vostra forma fisica.

3. Fare degli esercizi appositi

Guarire da un infortunio fisioterapista
L’aiuto di un esperto fisioterapista vi aiuterà a guarire dall’infortunio nel modo corretto. Inoltre, vi consiglierà i migliori esercizi.

Se l’infortunio è più grave del previsto, è importante rivolgersi a un fisioterapista sportivo o a uno specialista. Gli esercizi sono il segreto per guarire poco per volta.

È molto importante eseguire gli esercizi giusti per riuscire a recuperare massa muscolare e per rafforzare il muscolo. Non facendolo, correte maggiori rischi di infortunarvi di nuovo nello stesso punto.

4. Mantenersi idratati

Non possiamo dimenticare un aspetto fondamentale: il recupero dopo la pratica sportiva e mantenere una buona idratazione è fondamentale. La disidratazione, infatti, favorisce gli infortuni per diversi motivi. 

Correre senza la giusta disidratazione o fare uno sforzo sportivo mette sotto sforzo le articolazioni e ci fa perdere agilità. A livello muscolare, sotto sforzo o in caso di sovraccarico, è più facile che un tendine, un muscolo o un legamento si infortuni a causa della perdita di elasticità. Per questo motivo, è bene dare la giusta importanza all’idratazione prima, durante e dopo l’attività fisica. 

Leggete anche: Benefici psicologici dell’esercizio fisico

5. Scegliere alimenti che possono aiutare a guarire da un infortunio muscolare

Sana alimentazione
A seguito di un infortunio dobbiamo fare particolare attenzione alla nostra alimentazione, che deve apportare i nutrienti essenziali e gli antiossidanti.

Alcuni alimenti possiedono dei nutrienti davvero utili a una pronta guarigione. Ma affinché questa si verifichi è necessario seguire un’alimentazione sana. Questi alimenti sono:

  • Acidi grassi polinsaturi: velocizzano la guarigione delle cellule danneggiate e la sintesi del collagene, migliorando la mobilità e calmando il dolore. I loro effetti antinfiammatori sono molto importanti perché riducono la sintesi di citochine, dei componenti proinfiammatori dell’organismo.
  • Selenio: questo minerale è molto importante affinché gli enzimi lavorino in modo corretto. In caso di lesione muscolare, protegge da possibili danni ossidativi. Alimenti ricchi di selenio sono il tonno, il baccalà, le uova, il tacchino e gli alimenti fortificati.
  • Zinco: favorisce la cicatrizzazione delle ferite, contrasta il processo infiammatorio e assicura una corretta risposta immunitaria. Fonti di questo minerale sono lo yogurt, le lenticchie, le fave, i piselli, latte e spinaci
  • Vitamina B12: aiuta a trasformare le proteine in amminoacidi che poi vengono nuovamente utilizzati e trasformati in altre proteine. Durante questo processo, vengono prodotte nuove proteine muscolari e legamenti che favoriscono la formazione di nuovo tessuto muscolare. I latticini e le carni sono la principale fonte di vitamina B12. 
  • Vitamina C: contribuisce alla formazione di collagene e alla riparazione di tendini e legamenti. Il limone, oltre a contenere vitamina C, contiene esperidina, un flavonoide che protegge le cellule. Altre fonti di questa vitamina sono il pomodoro, i broccoli e le fragole.

Per concludere, vi diciamo che l’incidenza di infortunio muscolare si aggira tra il 10 e il 55% considerando tutti i tipi di infortuni associati allo sport e che, sulla base della gravità del danno muscolare, il ritorno all’allenamento regolare e la partecipazione sportiva può richiedere fino a tre mesi.

  • Perales-García, Aránzazu, Estévez-Martínez, Isabel, & Urrialde, Rafael. (2016). Hidratación: determinados aspectos básicos para el desarrollo científico-técnico en el campo de la nutrición. Nutrición Hospitalaria, 33(Supl. 4), 12-16.
  • S. Martínez-Flórez, J. González-Gallego, J. M. Culebras y M.ª J. Tuñón. Los flavonoides: propiedades y acciones antioxidantes. Nutr. Hosp. (2002) XVII (6) 271-278 ISSN 0212-1611.
  • Manzanares Castro, W.. (2007). Selenio en los pacientes críticos con Respuesta Inflamatoria Sistémica. Nutrición Hospitalaria, 22(3), 295-306. Recuperado en 11 de abril de 2019, de http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0212-16112007000400003&lng=es&tlng=es.