I benefici del consumo di arachidi nei giovani

Secondo una recente ricerca, il consumo regolare di arachidi e burro di arachidi può migliorare la memoria e la risposta allo stress nelle persone giovani e sane.
I benefici del consumo di arachidi nei giovani

Ultimo aggiornamento: 26 maggio, 2022

Le arachidi (Arachis hypogaea L.) sono un tipo di frutta secca molto amato da grandi e piccini. Tuttavia, il consumo è limitato dalla convinzione che facciano ingrassare, contenendo il 48% di grassi. Ma conoscete davvero la qualità di quel grasso? Vi raccontiamo quali sono i benefici del consumo di arachidi, in particolare nelle fasce giovani.

Finora, infatti, la maggior parte degli studi sugli effetti delle arachidi si è concentrata sugli anziani e adulti con obesità, sovrappeso, sindrome metabolica o a rischio di soffrire di una malattia cronica. Secondo uno studio del 2021, invece, il consumo di arachidi potrebbe essere benefico anche per i giovani sani.

Che tipo di frutto è l’arachide e da dove viene?

L’arachide, chiamata popolarmente nocciolina, è un legume poiché è avvolta in un baccello e contiene al suo interno almeno 2 semi.

È originaria del Sud America, in particolare Argentina e Bolivia. Furono i conquistatori spagnoli e i portoghesi a introdurla in Africa e in Europa. A partire dall’Africa è diventata un alimento base in molti paesi.

È una materia prima per l’industria olearia, in cui l’olio di arachidi è considerato un prodotto pregiato. In effetti, ha il miglior rapporto qualità-prezzo dopo l’olio d’oliva.

I tanti usi dell’arachide

  • Olio: è ottimo per cucinare poiché è insapore e resiste alle alte temperature senza bruciare. Secondo le tabelle della USDA (Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti d’America), 1 tazza di arachidi fornisce 216 grammi di grassi totali, di cui 36,5 grammi di grassi saturi, 99,8 grammi di grassi monoinsaturi e 69 grammi di grassi polinsaturi.
  • Burro di arachidi: ha una struttura grassa simile all’olio, con una quantità di grassi totali di 51 grammi per 100 grammi di prodotto. Contiene anche 23 grammi di proteine.
  • Farina di arachidi: è il prodotto che resta dopo l’estrazione dell’olio. È usato per l’alimentazione degli animali.
  • Latte e derivati: si ottengono prodotti come latte vegetale, formaggi e sorbetti ad alto valore proteico.
  • Snack: a partire da arachidi lavorate e sgrassate si ottiene una farina per preparare frullati proteici e altri snack.
  • Arachidi tostate con o senza guscio: possono essere zuccherate, inserite in torroni, praline, candite o ricoperte di cioccolato, fritte senza guscio, con o senza sale. È un ingrediente spesso presente negli aperitivi.
Burro di arachidi.
Il burro di arachidi può essere acquistato ma è anche possibile prepararlo in casa.

Caratteristiche nutrizionali delle arachidi

Le proprietà nutrizionali delle arachidi sono interessanti. Se sono tostate e senza sale, 100 grammi forniscono i seguenti nutrienti:

  • Calorie: 593.
  • Proteine: 25 grammi.
  • Grassi: 50 grammi.
  • Grassi saturi: 7,14 grammi.
  • Carboidrati : 21,42 grammi.
  • Grassi monoinsaturi: 25 grammi.
  • Grassi polinsaturi: 15,7 grammi.
  • Fibre: 8,21 grammi.
  • Calcio: 53,5 milligrammi.
  • Ferro: 2,14 milligrammi.
  • Potassio: 667 milligrammi.
  • Niacina: 13,57 milligrammi.
  • B1 o tiamina: 0,42 milligrammi.

Le arachidi si distinguono per l’alto valore calorico dei loro grassi monoinsaturi. Inoltre, hanno un alto contenuto in fibra insolubile e potassio. Sono uno dei semi con il più alto contenuto di niacina, che aiuterebbe a prevenire l’Alzheimer nelle persone con più di 65 anni.

Contengono tanti antiossidanti, quanto i frutti rossi. Queste sostanze bloccano l’effetto dei radicali liberi prodotti dal metabolismo.

Sono ricche di vitamina E, un antiossidante naturale. La scienza conferma che il composto bioattivo più diffuso nelle arachidi è il resveratrolo, che previene la degenerazione dei nervi, e l’acido p-cumarico, che regola i neurotrasmettitori.

D’altra parte, è stato riscontrato che il consumo di arachidi riesce a ridurre il colesterolo totale dell’85,7% e il colesterolo cattivo o LDL del 64%. Inoltre, la tostatura può aumentare i livelli di antiossidanti, in particolare i flavonoidi.

Benefici del consumo di arachidi per le persone giovani

I composti bioattivi presenti nella frutta secca sono spesso messi in evidenza dalle ricerche sul miglioramento della salute delle persone anziane. Gli studi mostrano che lo stress ossidativo e l’infiammazione cronica sono due fattori che contribuiscono all’invecchiamento cellulare.

Il consumo di frutta a guscio e arachidi con funzione antiossidante aiuta a prevenire le malattie negli adulti di mezza età e negli anziani oltre i 55 anni di età. In questo modo migliora l’aspettativa di vita.

Sono stati presi in considerazione anche gli adulti di mezza età in sovrappeso. Le arachidi contengono nutrienti bioattivi positivi per la funzione circolatoria. Il consumo di arachidi naturali migliora la circolazione cerebrovascolare e le prestazioni cognitive.

Ma fino ad ora, la letteratura non aveva considerato l’effetto delle arachidi su soggetti giovani e sani. Lo ha fatto nel 2021 la dott.ssa Lamuela dell’Università di Barcellona attraverso uno studio condotto su un gruppo di 63 persone sane tra i 18 e i 33 anni.

I partecipanti hanno mangiato una tipica porzione da 25 grammi di arachidi e 32 grammi di burro di arachidi al giorno per 6 mesi. Un gruppo di controllo ha mangiato burro di arachidi senza polifenoli e senza fibre.

I risultati

I partecipanti che hanno mangiato arachidi tostate o burro di arachidi hanno avuto una significativa riduzione dell’ansia e la memoria è migliorata immediatamente. Questo è uno dei principali vantaggi del consumo di arachidi.

La ricerca ha concluso che il consumo regolare di arachidi e burro di arachidi nelle quantità indicate può migliorare la memoria e la risposta allo stress nelle persone giovani e sane. Questo risultato è considerato notevole, trattandosi di un gruppo di popolazione in cui è difficile notare qualsiasi cambiamento dello stato di salute.

È stato anche riscontrato un aumento degli acidi grassi a catena corta nelle feci, prodotti dal microbiota intestinale. Sono comparsi composti specifici delle arachidi, come i polifenoli.

Arachidi su un tavolo.
I giovani di solito consumano quantità significative di arachidi, ma non sono molte le ricerche che hanno analizzato l’effetto di questo cibo su tale gruppo di popolazione.

Le arachidi sono state in grado di migliorare il microbiota intestinale?

I polifenoli delle arachidi possono influenzare le capacità cognitive e l’umore, poiché agiscono come prebiotici per il microbiota intestinale e migliorano l’asse microbiota-intestino-cervello. I polifenoli, come le fibre, raggiungono intatti il colon per essere trasformati dai batteri intestinali.

I principali composti che i batteri formano sono gli acidi grassi a catena corta o SCFA, che sembrano avere effetti positivi contro alcune malattie neurodegenerative e contro la depressione.

Questi risultati mostrano risultati promettenti per il miglioramento delle capacità  cognitive e dei disturbi degenerativi delle cellule del corpo, compreso il cervello. Ma sono necessari studi più ampi e numerosi per stabilire correttamente i benefici del consumo di arachidi.

Le arachidi: gustose e ricche di benefici

Non c’è dubbio che l’arachide, oltre ad avere un’appetibilità avvincente per il suo aroma e sapore, contiene sostanze nutritive e composti bioattivi che migliorano la salute dei giovani e degli anziani. In particolare agisce contro le malattie neurodegenerative e la depressione. Quindi, possiamo approfittare dei benefici del consumo di arachidi.

Potrebbe interessarti ...
I benefici della frutta secca secondo la scienza
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
I benefici della frutta secca secondo la scienza

La scienza riporta i diversi benefici della frutta secca. Offre, di fatto, nutrienti essenziali, tra i quali un alto contenuto di proteine.



  • Isabella Parilli-Moser, Ines Domínguez-López, Marta Trius-Soler, Magda Castellví , Beatriz Bosche, Sara Castro-Barquero, Ramon Estruch, Sara Hurtado-Barroso, Rosa M. Lamuela-Raventos. Consumption of peanut products improves memory and stress response in healthy adults from the ARISTOTLE study: A 6-month randomized controlled trial. Clinical Nutrition 40 (2021) 5556e5567.
  • Nutritive Value of Foods. United States Department of Agriculture. Agricultural Research Service. Home and Garden Bulletin Number 72. USDA. Disponible en: https://www.ars.usda.gov/arsuserfiles/80400525/data/hg72/hg72_2002.pdf
  • United States Department of Agriculture. USDA. Servicio de Investigaciones agropecuarias. Disponible en: https://fdc.nal.usda.gov/fdc-app.html#/food-details/324860/nutrients
  • Montero Torres, Julio. (2020). Importancia nutricional y económica del maní (Arachis hypogaea L.). Revista de Investigación e Innovación Agropecuaria y de Recursos Naturales7(2), 112-125. Recuperado en 05 de enero de 2022, de http://www.scielo.org.bo/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S2409-16182020000200014&lng=es&tlng=es.
  • Rusu, M.E., Mocan, A., Ferreira, I.C., & Popa, D. (2019). Health Benefits of Nut Consumption in Middle-Aged and Elderly Population. Antioxidants, 8.
  • Barbour, J.A., Howe, P.R., Buckley, J.D., Bryan, J., & Coates, A.M. (2017). Cerebrovascular and cognitive benefits of high-oleic peanut consumption in healthy overweight middle-aged adults. Nutritional Neuroscience, 20, 555 – 562.
  • Raquel López León , Jessica Ureña Solís. Propiedades antioxidantes de los frutos secos y la disminución del colesterol total y LDL- colesterol. Rev Costarr Salud Pública 2012; 21: 87-91
  • RUBÉN DARÍO RIASCOS MORALES. INFLUENCIA DE LOS PROCESOS DE PRE – TOSTADO Y TORREFACTADO EN LAS PROPIEDADES NUTRICIONALES DEL MANÍ.Palmira, 2018. 21 páginas. Disponible en: https://repository.unad.edu.co/bitstream/handle/10596/21036/1116236546.pdf?sequence=1&isAllowed=y
  • Morris MC, Evans DA, Bienias JL, Scherr PA, Tangney CC, Hebert LE, Bennett DA, Wilson RS, Aggarwal N. Dietary nia-cin and the risk of incidente de la enfermedad de Alzheimer y de deterioro cognitivo. Psiquiatría J Neurol Neurosurg. Agosto de 2004; 75 (8): 1093-9. doi: 101136 / jnnp.2003.025858. PMID: 15258207; PMCID: PMC1739176.
  • Chen J, Zhou Y, Mueller-Steiner S, Chen LF, Kwon H, Yi S, Mucke L, Gan L. SIRT1 protects against microglia-dependent amyloid-beta toxicity through inhibiting NF-kappaB signaling. J Biol Chem. 2005 Dec 2;280(48):40364-74. doi: 10.1074/jbc.M509329200. Epub 2005 Sep 23. PMID: 16183991. https://doi.org/10.1074/jbc.M509329200
  • La Fata G, Weber P, Mohajeri MH. Effects of vitamin E on cognitive performance during ageing and in Alzheimer’s dis-ease. Nutrients. 2014;6(12):5453-5472. Published 2014 Nov 28. https://doi.org/10.3390/nu6125453
  • Scheepens A, Bisson JF, Skinner M. p-Coumaric acid acti-vates the GABA-A receptor in vitro and is orally anxiolytic in vivo. Phytother Res. 2014 Feb;28(2):207-11. doi: 10.1002/ptr.4968. Epub 2013 Mar 26. PMID: 23533066. https://doi.org/10.1002/ptr.4968
  • Fitzgerald, E., Lambert, K., Stanford, J., & Neale, E. (2021). The effect of nut consumption (tree nuts and peanuts) on the gut microbiota of humans: A systematic review. British Journal of Nutrition, 125(5), 508-520. doi:10.1017/S0007114520002925