Il gelato alla banana fatto in casa

· 1 aprile 2014

Seguire abitudini alimentari salutari non deve diventare una specie di tortura. È un errore molto comune credere che una dieta sana escluda pasti prelibati e gustosi dessert in grado di deliziare il nostro palato.

Noi di Vivere più sani siamo convinti che è possibile consumare dei pasti saporiti e salutari allo stesso tempo, ecco perché vi diamo consigli e ricette per soddisfare tutte le vostre necessità. In questo articolo vi presentiamo la ricetta del gelato alla banana fatto in casa. Continuate a leggere per scoprire come prepararlo!

Si tratta di una ricetta estremamente facile da realizzare. Potete preparare il gelato in maniera molto veloce quando avete un po’ di tempo libero, lo lasciate poi raffreddare per gustarlo dopo il pranzo o la cena. Questa ricetta, inoltre, è un modo molto speciale di godere al meglio delle proprietà nutrizionali della banana (o del platano, frutto simile alla banana che si trova in molti paesi) che, tra le altre cose, apporta potassio, fibre e carboidrati.

Esistono diversi modi per preparare questa ricetta, compresa la variante che prevede l’aggiunta di alcuni ingredienti che possono aumentare in maniera significativa il numero finale delle calorie, che va contro, quindi, i buoni propositi di gustare un dolce dal basso contenuto calorico. Per questo motivo vi illustreremo la variante più sana e naturale possibile di questa ricetta.

Ingredienti per preparare il gelato alla banana

Tutto quello di cui avete bisogno per preparare in casa il gelato alla banana è:

  • 4 banane
  • Latte scremato quanto basta
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o una bustina di vanillina)
  • Mandorle o noci tritate

Preparazione del gelato alla banana fatto in casa

Sbucciate le banane e tagliatele a piccole rondelle. Mettete poi le rondelle in un recipiente e riponetelo nel freezer. Quando le banane saranno congelate, estraetele dal freezer e mettetele in un frullatore o in un robot da cucina. Frullate le banane aggiungendo a poco a poco il latte, fermandovi ogni tanto per contrallare di aver raggiunto la consistenza desideratada, ovvero in modo tale da poter poi servire il gelato in singole tazze o coppe da gelato e mangiarlo con un cucchiaino.

Il gelato non deve risultare né troppo denso né troppo acquoso. Prima che raggiunga la consistenza ideale, aggiungete l’estratto di vaniglia (o la vanillina) e frullate ancora. Servite il gelato in singole coppette e guarnite con le mandorle o noci tritate.

Buon appetito!

Guarda anche