Il metodo CaCo: dimagrire camminando

31 Agosto 2020
Il metodo CaCo è un modo efficace per iniziare o per riprendere l'attività fisica. Aiuta a perdere peso quando non è possibile svolgere esercizio fisico intenso. Vi spieghiamo in cosa consiste.

Il metodo CaCo è un’alternativa per ritrovare la forma fisica e dimagrire senza rischiare lesioni dopo prolungati periodi di inattività fisica. Può essere una buona opzione per le persone che non possono fare esercizio fisico intenso o stanno recuperando poco per volta la loro routine sportiva.

In cosa consiste esattamente? Quali sono i vantaggi? In questo articolo cercheremo di rispondere a tutte le domande sul metodo CaCo. Ne descriveremo i principali vantaggi e come iniziare a metterlo in pratica.

Cos’è il metodo CaCo?

Il nome di questo metodo deriva dalla combinazione delle parole camminata (Ca) e corsa (Co). Com’è facile intuire, consiste nel riprendere o iniziare l’esercizio fisico alternando queste due attività durante la stessa sessione. In poche parole, bisognerà camminare e correre a intervalli.

Donna che fa jogging.
Il metodo CaCo consiste nel camminare e correre a intervalli. È un modo per svolgere attività fisica moderata.

Potrebbe interessarvi: Esercizi per gli addominali senza uscire di casa

Quali sono i vantaggi di questo metodo?

Se avete deciso di iniziare a fare sport per combattere una vita sedentaria o se dopo mesi di inattività avete deciso di riconciare gli allenamenti, il metodo CaCo presenta interessanti vantaggi.

Bisogna tenere presente che una buona forma fisica protegge il sistema cardiovascolare. Ciò significa che cuore e polmoni funzionano bene e riescono ad adattarsi all’intensità dell’esercizio per fornire al corpo sangue e ossigeno.

D’altra parte, una buona condizione fisica consente a muscoli, tendini e apparato locomotore di realizzare una determinata attività all’intensità desiderata.

Il problema sorge se iniziamo ad allenarci da un giorno all’altro, e in maniera troppo intensa: in questi casi il corpo potrebbe non rispondere come dovrebbe. Di conseguenza, aumenta il rischio di lesioni ai tendini, strappi muscolari, vertigini e altri effetti collaterali.

Dovrete dunque garantire un adeguato recupero al sistema cardiovascolare e circolatorio. In questo modo, a poco a poco, migliorerete la forma fisica senza subire lesioni.

Potrebbe interessarvi: Rafforzare i polmoni e respirare meglio: 4 rimedi

Come iniziare con il metodo CaCo?

Prima di iniziare qualsiasi tipo di attività fisica, bisogna preparare e riscaldare il corpo. Un adeguato riscaldamento vi proteggerà dagli infortuni. Dopo il riscaldamento e una volta scelto un posto all’aria aperta in cui allenarsi, potrete iniziare.

Bisogna trovare il proprio ritmo e impostare l’allenamento senza sforzarsi troppo. Così i primi giorni si possono alternare, ad esempio, un minuto di corsa e quattro minuti di camminata, per un totale di venti o trenta minuti.

Con il passare dei giorni, potrete aumentare l’intensità. In altre parole, potete realizzare due minuti di corsa e tre minuti di camminata. Poi tre correndo e due camminando… e così via.

Per rendere ancora più efficace questo esercizio, dovrete assicurarvi che i minuti di camminata siano dinamici. Ciò significa che non camminerete alla stessa intensità di una passeggiata, ma a un ritmo veloce. Inoltre, dovrete coordinare il tronco e le braccia.

Donna che fa running.
Per recuperare le forze dopo l’attività fisica, è bene cominciare piano e aumentare gradualmente l’intensità.

I vantaggi di questo metodo

Iniziare o riprendere una vita attiva comporta sempre un miglioramento per la salute. Se accompagnate lo sport a una sana alimentazione, il successo è garantito. Con il trascorrere dei mesi, inizierete a notare risultati quali:

Seguendo il metodo CaCo in modo costante e responsabile, migliorerete le vostre prestazioni fisiche. È importante seguire il proprio ritmo per evitare eventuali infortuni.

  • Koplan JP, Powell KE, Sikes RK, Shirley RW, Campbell CC. An Epidemiologic Study of the Benefits and Risks of Running. JAMA J Am Med Assoc. 1982 Dec 17;248(23):3118–21.
  • Clement DB, Taunton JE, Smart GW. Achilles tendinitis and peritendinitis: Etiology and treatment. Am J Sports Med. 1984;12(3):179–84.
  • van Mechelen W. Running Injuries: A Review of the Epidemiological Literature. Vol. 14, Sports Medicine: An International Journal of Applied Medicine and Science in Sport and Exercise. Springer; 1992. p. 320–35.
  • Subotnick SI. The Biomechanics of Running Implications for the Prevention of Foot Injuries. Vol. 2, Sports Medicine: An International Journal of Applied Medicine and Science in Sport and Exercise. 1985. p. 144–53.