Irritazione cutanea: come prevenirla?

21 Febbraio 2021
Lo stile di vita ha un impatto significativo sulla salute della pelle. Per prevenire l'irritazione cutanea, la prima cosa da fare è dormire a sufficienza ed evitare lo stress. Sono inoltre essenziali una dieta sana e una corretta igiene personale.

L’irritazione cutanea è un problema molto comune che colpisce anche chi non ha la pelle sensibile. La pelle è un organo dinamico che può reagire improvvisamente a uno stimolo in precedenza innocuo. Freddo, caldo, umidità (o mancanza di umidità) e molti altri fattori possono irritare la pelle.

È noto che anche il sudore, lo sfregamento contro gli indumenti o l’esposizione prolungata a determinati agenti causano irritazione cutanea. Si presenta dunque una sensazione di prurito che provoca una escoriazione a causa del continuo grattarsi.

Più comunemente, l’irritazione cutanea si manifesta come arrossamento, gonfiore e talvolta dolore e/o prurito. Questi fastidi sono più intensi in chi ha la pelle sensibile o delicata. È anche molto comune che la pelle diventi secca e perda la sua funzione di barriera.

Pelle e irritazione

Dermatite irritazione.

La pelle funge da barriera tra il corpo umano e l’ambiente esterno. È formata da tre strati: epidermide, derma e ipoderma. Tutti e tre lavorano insieme per svolgere le funzioni della pelle, che sono le seguenti:

  • Protezione: funge da barriera protettiva contro traumi, agenti tossici, radiazioni e microrganismi, tra gli altri.
  • Sensazione: è l’organo del senso del tatto.
  • Biosintesi: con l’esposizione alla luce solare riesce a convertire alcune sostanze in vitamina D, ad esempio.
  • Immunità: può indurre risposte immunitarie.
  • Omeostasi: riequilibra lo scambio di sostanze con l’ambiente e aiuta a regolare la temperatura.

Un’eruzione cutanea aspecifica è chiamata irritazione cutanea. Ciò significa che non ha sempre le stesse cause e non produce le stesse manifestazioni. Tuttavia, l’evidenza clinica indica che provoca arrossamento e infiammazione e, solo raramente, prurito. Non deve essere confusa con una reazione allergica.

Principali cause di irritazione cutanea

Esistono molti fattori e agenti che possono causare irritazione cutanea. Tra i più frequenti troviamo:

  • Prodotti per la pulizia: alcuni saponi o detersivi per bucato provocano irritazioni cutanee nelle persone con la pelle sensibili.
  • Cosmetici: a volte hanno lo stesso effetto dei prodotti per la pulizia.
  • Il sole: la radiazione solare irrita la pelle e, quando la danneggia, la rende anche più sensibile ad altre sostanze irritanti.
  • Sudore: l’umidità provocata dal sudore potrebbe irritare la pelle, soprattutto se accompagnato da qualche attrito, come avviene sui piedi con le calzature.
  • Materiali tessili o tessuti: alcune fibre sintetiche causano irritazione alla pelle in alcuni soggetti.
  • Xerosi: è una condizione che rende la pelle più secca e più debole, quindi più predisposta all’irritazione. Questa condizione provoca prurito, per cui ci si graffia.
  • Dermatite atopica: questo problema rende la pelle più permeabile agli agenti irritanti.
  • Allergie: l’irritazione cutanea è un sintomo comune delle reazioni allergiche.
  • Sostanze chimiche.

Leggete anche: La dermatite atopica e seborroica: qual è la differenza?

Misure per prevenire l’irritazione cutanea

Doccia acqua fredda.

Misure igieniche adeguate sono essenziali per prevenire l’irritazione cutanea. Se avete la pelle delicata, è meglio usare un sapone antisettico o neutro. Lo stesso vale per shampoo, gel doccia e prodotti simili. È importante che non siano abrasivi e che abbiano un basso potere delipidificante.

Potreste essere interessati: Sapone per la dermatite con propoli e argilla

Allo stesso modo, è preferibile fare la doccia. Asciugare la pelle è tanto importante quanto lavarsi nel modo giusto. Usate un asciugamano di cotone e non strofinate la pelle: asciugatevi piuttosto tamponando bene la cute. Se necessario, utilizzate un asciugacapelli in modo che non rimangano tracce di umidità.

Gli indumenti stretti, in particolare i tessuti sintetici, non sono adatti. È meglio indossare abiti comodi fabbricati con tessuti naturali, come il cotone. Infine, non è bene passare all’improvviso da un ambiente caldo a uno freddo. Anche una dieta sana e un salutare stato d’animo aiutano a mantenere la pelle sana.

Altre informazioni utili

Ci sono anche altre misure che sono altamente raccomandate, soprattutto se le irritazioni cutanee si verificano frequentemente. Queste misure sono le seguenti:

  • Maschere lenitive e idratanti: andrebbero applicate due volte a settimana. Molto meglio se realizzate con prodotti naturali.
  • Deodoranti e profumi: devono essere adatti alle pelli sensibili.
  • Acqua termale: l’acqua termale è molto efficace nel combattere le irritazioni cutanee.
  • Uso della crema solare: è essenziale, e preferibilmente andrebbe scelta una versione medicata.
  • Escalas-Taberner, J., González-Guerra, E., & Guerra-Tapia, A. (2011). La piel sensible: un síndrome complejo. Actas dermo-sifiliograficas, 102(8), 563-571.
  • Moreno, R. A., Peiró, P. S., & Naturistas, M. (2000). Dermatitis Atópica Atopic dermatitis. MEDICINA NATURISTA.
  • Enfermedades de la Piel. (1960). Archives of Dermatology. https://doi.org/10.1001/archderm.1960.03730030157032
  • Clínica Mayo. Dermatitis. (2019). Recuperado el 19 de febrero de 2021. https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/dermatitis-eczema/symptoms-causes/syc-20352380
  • Health and Safety Executive. Structure and functions of the skin. Recuperado el 19 de febrero de 2021. https://www.hse.gov.uk/skin/professional/causes/structure.htm