La dieta alcalina è sicura per la salute?

15 Agosto 2020
La dieta alcalina si basa sull'idea che le malattie si sviluppano in un ambiente acido (in altre parole, con un pH basso). Per prevenirle, dunque, è bene "alcalinizzare" il nostro organismo.

La dieta alcalina è ormai di moda da un po’ di tempo. Che cosa c’è di vero nei principi su cui si basa questo regime alimentare? È sicura per la salute? Le polemiche riguardo a questo modello nutrizionale sono piuttosto numerose.

C’è chi gli attribuisce proprietà quasi magiche, come la capacità di curare malattie come il cancro. La questione non sembra essere stata del tutto chiarita, motivo per cui in questo articolo desideriamo spiegarvi tutto ciò che bisogna sapere riguardo alla dieta alcalina.

Che cos’è la dieta alcalina?

Spettro di acidità degli alimenti.
La dieta alcalina prevede elementi il cui pH protegga la salute del nostro organismo.

Per capire il principio su cui si basa questa dieta, prima dobbiamo cos’è il pH del corpo. Con il termine pH ci riferiamo al potenziale di idrogenioni, che si misura su una scala da 0 a 14 e serve per misurare l’acidità o l’alcalinità di un ambiente interno o di una soluzione.

  • Da 0 a 7 è acido.
  • 7 è neutro.
  • Da 7 a 14 è basico o alcalino.

La dieta alcalina si basa sulla teoria secondo cui le malattie si sviluppano in un ambiente acido (in altre parole, con un pH basso). Per prevenirle, dunque, è bene “alcalinizzare” il nostro organismo, ossia aumentare il suo pH. Secondo i suoi sostenitori, si potrebbe raggiungere questo risultato attraverso l’alimentazione.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Consigli di cui tener conto prima di iniziare la dieta

Come funziona la dieta alcalina?

L’ipotesi alla base di questo regime alimentare è che l’alimentazione cambia il pH dei fluidi corporei. In altre parole, altera l’acidità o la basicità del sangue, delle urine e di tutti i fluidi del nostro organismo.

La dieta alcalina esclude pertanto alimenti come i latticini, la carne, il pesce, le uova e i cereali. Cibi che, secondo la dieta, producono “cenere acida”. Prevede invece frutta e verdura, con l’eccezione di mirtilli e prugne.

Che cosa afferma la scienza su questa dieta?

Secondo quanto affermano alcuni fisiologi a favore di questa dieta, un ambiente lievemente alcalino potrebbe offrire diversi benefici al corpo. La letteratura scientifica, però, smentisce tale affermazione.

Un articolo pubblicato sulla rivista Osteoporosis International sostiene che non è possibile alterare l’equilibrio acido base del sangue che si mantiene praticamente immutabile.

1. Rapporto con il cancro

Cellule cancerose nell'organismo.
Secondo i suoi sostenitori, la dieta alcalina potrebbe aiutare a prevenire il cancro. Non esistono tuttavia evidenze scientifiche che provino questa supposizione.

Nonostante il sostegno di cui gode la dieta alcalina, esiste un unico studio osservazionale sul suo presunto rapporto con la prevenzione e il trattamento del cancro. Lo studio in questione non ha tuttavia offerto dati a sostegno di questa tesi.

In assenza di evidenze, possiamo affermare che i principi della dieta alcalina sono privi di fondamenti scientifici. L’American Institute for Cancer Research (AICR) è dunque giunto alla conclusione che la dieta alcalina non è consigliabile.

3. Rapporto con l’osteoporosi e la salute delle ossa

La dieta promette diversi benefici anche in merito alla salute delle ossa. Secondo i principi su cui si regge, per ridurre l’acidità del sangue (cosa che, come abbiamo già visto, non è possibile), il corpo ricorre al calcio delle ossa. Di conseguenza, i cibi acidi vengono associati a una minore quantità di calcio e a un aumento dell’osteoporosi.

Uno studio pubblicato nel 2009 sostiene che sebbene un maggiore consumo di proteine aumenti la secrezione di calcio, in realtà quest’ultimo non proviene dalle ossa, dal momento che non si verificano uno squilibrio dei livelli del calcio presente nell’organismo. Seguire una dieta acida, dunque, non promuove una minore densità ossea.

Vi consigliamo di leggere anche: I sintomi della menopausa e il ruolo della dieta

La dieta alcalina non migliora lo stato di salute

Donna che mangia una insalata.
Secondo gli studi, la dieta alcalina può essere rischiosa per la salute e non è sostenuta da dati scientificamente dimostrati.

Il corpo umano è estremamente efficiente nella regolazione del pH del sangue: in caso contrario, saremmo esposti a gravi disturbi. Non è dunque possibile alterare il pH sanguigno mediante la dieta alcalina; è invece possibile alterare il pH delle urine.

Sebbene la dieta in questione promuova il consumo di cibi salutari come verdure e ortaggi, non gode di evidenze scientifiche che dimostrino la veridicità dei suoi principi.

Alcuni gruppi di alimenti esclusi da questo regime alimentare in realtà offrono numerosi benefici, dunque devono essere previsti in uno stile alimentare sano.

Per concludere, bisogna sempre ricordare che se qualcosa sembra troppo bello per essere vero, probabilmente non lo è.

  • Fenton TR., Fenton CJ., Evidence does not support the alkaline diet. Osteoporos Int, 2016. 27 (7): 2387-2388.
  • Fenton TR., Lyon AW., Eliasziw M., Tough SC., Hanley DA., Meta analysis of the effect of the acid ash hypothesis of osteoporosis on calcium balance. J Bone Miner Res, 2009. 24 (11): 1835-40.