Latte di nocciola: proprietà e benefici

22 Settembre 2020
Conoscete i benefici del latte di nocciola? Oltre a essere una bevanda dal sapore piacevole, offre diversi nutrienti. Continuate a leggere per saperne di più.

Il latte di nocciola è una preziosa  fonte nutrizionale se si è vegani, vegetariani o si soffre di intolleranza al lattosio. Conoscete i suoi benefici?

Anche se la maggior parte delle persone lo conosce con questo nome, in realtà si tratta di una bevanda vegetale composta da nocciole e acqua, nella quale sono presenti i nutrienti di questo frutto; proprio a questo dobbiamo le sue qualità.

Quali sono proprietà nutrizionali del latte di nocciola?

Sebbene la sua composizione chimica non assomigli a quella del latte vaccino, offre altrettanti benefici all’organismo. Questo vale soprattutto se il suo consumo avviene nel quadro di un’alimentazione varia ed equilibrata.

Le nocciole, come tutta la frutta secca, sono energetiche e complete. Offrono vitamine, minerali, proteine e acidi grassi insaturi, così come fibre e sostanze antiossidanti. Per questo motivo una bevanda a base di questo frutto assicura l’apporto dei suddetti nutrienti.

Contribuisce allo sviluppo e alla formazione dei tessuti

Tra i minerali contenuti nelle nocciole troviamo potassio, calcio, fosforo, magnesio, zinco e ferro. Tutti questi nutrienti sono fondamentali per la formazione dei tessuti, inoltre contribuiscono alle funzioni vitali e alla crescita. I processi metabolici cellulari si avvalgono di questi elementi essenziali.

A questo punto è necessario mettere in chiaro che il calcio non viene assorbito al 100%, come invece succede per i latticini. Per chi non ne beve, tuttavia, il latte di nocciola può essere una preziosa fonte di calcio. Nel caso in cui acquistiate bevande vegetali, il consiglio è di optare per quelle che riportano l’aggiunta di questo nutriente.

Ciotola piena di nocciole.
Le nocciole contengono diversi nutrienti, tra cui acidi grassi omega 9.

Potrebbe interessarvi anche: Come contrastare la carenza di calcio

Aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari

I grassi predominanti nella frutta secca sono gli acidi grassi insaturi, soprattutto omega 9, presenti anche nelle mandorle e nel pistacchio. Anche se in misura minore, sono presenti gli omega 3.

Questi lipidi sono determinanti per lo sviluppo e il funzionamento del sistema nervoso, così come aiutano a mantenere bassi i livelli di colesterolo cattivo (LDL), ad aumentare quello buono (HDL) e a ridurre i trigliceridi. Secondo gli studi scientifici a nostra disposizione, il latte di nocciola aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari.

Ritarda l’invecchiamento

Grazie al suo contenuto di zinco, magnesio e vitamina E, il latte di nocciola ha effetti antiossidanti, per cui contribuisce a prevenire i danni cellulari e a ritardare l’invecchiamento. Oltre a ciò, mantiene l’elasticità dei vasi sanguigni.

Previene la stitichezza e migliora la funzionalità digestiva

Le nocciole contengono fibre, utili a ottimizzare le funzionalità del tratto gastrointestinale, in quanto prevengono e migliorano i disturbi a esso associati, come stitichezza e formazione di diverticoli.

Le fibre alimentari sono regolatori naturali della peristalsi, per cui risultano utili per le persone che soffrono di stipsi cronica. A ogni modo, il consumo totale giornaliero andrà regolato in base all’attività del microbiota intestinale, con il quale interagisce.

Protegge il sistema nervoso

Questo frutto contiene ferro, acido folico e altre vitamine del gruppo B, come B1, B2, B3 e B6. Il suo consumo stimola lo sviluppo neuronale e protegge il sistema nervoso. Di fatto può essere consumato a partire dall’infanzia e per tutta la vita.

Potrebbe interessarvi anche: 6 modi per mantenere sano il sistema nervoso

Come preparare il latte di nocciola per preservare le sue proprietà?

Se volete prepararlo in casa, prendete nota di questa ricetta. Avrete bisogno di 1 litro di acqua potabile e alcune nocciole, ma se preferire potreste aggiungere uva passa, datteri, vaniglia e altri ingredienti che aggiungono sapore.

  • Tenete le nocciole a mollo per 8 ore, in modo che raddoppino il loro volume. Tenete presente che devono essere crude. Se tostate, non sono utilizzabili.
  • Trascorso il tempo indicato, scolatele e mettetele nel frullatore.
  • Versate 3 tazze di acqua per ogni tazza di nocciole, ma se desiderate una consistenza diversa, potete modificare le proporzioni. L’acqua andrà aggiunta a poco a poco, in modo da agevolare la procedura.
  • Dopo averle frullate, bisogna filtrarle con un colino per separare il liquido. Alla fine, avrete ottenuto la vostra bevanda vegetale.
  • Versate il liquido ottenuto in una bottiglia con tappo e aggiungete l’aroma che preferite.

I prodotti industriali contengono zuccheri aggiunti, potrete verificarlo leggendo le etichette. A volte presentano l’aggiunta di calcio, in modo da equiparare l’apporto di questo nutriente del latte vaccino. Ovviamente contengono anche conservanti e la preparazione avviene con metodi industriali.

Ricetta per il latte di nocciola.
Il latte di nocciola può essere preparato in pochi semplici passaggi direttamente a casa propria.

Cosa tenere a mente sui benefici del latte di nocciola?

Questa bevanda è ricca di benefici, ideale nel quadro di un’alimentazione varia e salutare. Ricordate però che non contiene gli stessi nutrienti del latte vaccino.

Nel caso in cui non consumiate latticini, dovete assicurare l’apporto di nutrienti come il calcio e le proteine con il consumo di altre fonti alimentari. L’ideale sarebbe rivolgersi a un nutrizionista per prevenire problem in futuro, visto che la carenza di certi nutrienti ha gravi conseguenze a lungo termine.

D’altra parte, grazie a questa bevanda proteggiamo la salute cardiovascolare e rallentiamo l’invecchiamento. Ricordate di optare per le varianti naturali e preparate in casa così da evitare gli additivi industriali. Se la acquistate al supermercato, leggete l’etichetta per essere certi del prodotto che state comprando.

  • Naranjo García, C. M. (2018). Análisis de las propiedades de la Avellana (Corylus Avellana L.) para la elaboración de una bebida alcohólica artesanal “Cafellana” y su comercialización en la ciudad de Guayaquil (Bachelor’s thesis, Universidad de Guayaquil, Facultad de Ingeniería Química).
  • Dyner, Luis, et al. “Contenido de calcio, fibra dietaria y fitatos en diversas harinas de cereales, pseudocereales y otros.” Acta bioquímica clínica latinoamericana 50.3 (2016): 435-443.
  • Nutricional, Centro Salud. “Diferencias nutricionales de la gama de leches vegetales ALPRO-CAPSA.” (2017).
  • de Campagnaro, Evila Dávila. “Bebidas vegetales y leches de otros mamíferos.” Archivos venezolanos de puericultura y pediatría 80.3 (2017): 96-101.
  • López Uriarte, Patricia Josefina. Efecto del consumo de frutos secos sobre el estrés oxidativo. Diss. Universitat Rovira i Virgili.
  • NUTRICIÓN Y EDUCACIÓN ALIMENTARIA FICHA N° 54 FRUTOS SECOS: Aliados para tus comidas. Disponible en: http://www.alimentosargentinos.gob.ar/HomeAlimentos/Nutricion/fichaspdf/Ficha_54_Frutos_Secos.pdf.
  • de Campagnaro, E. D. (2017). Bebidas vegetales y leches de otros mamíferos. Archivos venezolanos de puericultura y pediatría80(3), 96-101.
  • Herrera, Martha Coronado, et al. “Los ácidos grasos omega-3 y omega-6: nutrición, bioquímica y salud.” Revista de educación bioquímica 25.3 (2006): 72-79.
  • Arós, Fernando, and Ramón Estruch. “Dieta mediterránea y prevención de la enfermedad cardiovascular.” Revista Española de Cardiología 66.10 (2013): 771-774.