Le malattie tiroidee: tutto quello che c’è da sapere

· 31 Marzo 2019
Un'alimentazione equilibrata, una vita sana e un riposo adeguato sono i 3 pilastri fondamentali per il corretto funzionamento degli ormoni tiroidei.

Le malattie tiroidee interessano la maggior parte della popolazione, e nello specifico le donne, a causa dei costanti cambiamenti ormonali cui sono soggette.

Bisogna dire che esistono diversi tipi di malattie associate alla tiroide e che anche se per ognuna di esse esista una cura efficace, a volte le malattie tiroidee si manifestano in forma cronica.

Di conseguenza, colpiscono molte parti del corpo, che di  giorno in giorno vede il proprio aspetto fisico cambiare, così come il proprio stato d’animo.

Vogliamo sottolineare fin da subito che per contrastare qualsiasi tipo di malattia sono necessarie grande forza di volontà e determinazione.

La medicina ci fornisce una serie di farmaci essenziali per risolvere gran parte dei nostri problemi di salute, però affinché questi siano efficaci, è indispensabile anche essere forti e investire le proprie energie per guarire o per stare meglio.

Che funzione ha la tiroide?

La funzione principale della tiroide è quella di secernere un determinato tipo di ormoni: tiroxina e triiodotironina. Questi regolarizzano il nostro metabolismo,  oltre ad influire su tutte le funzioni relative alla produzione e alla crescita quando si è bambini.

Si dice che affinché questi ormoni possano essere secreti normalmente, sia molto importante riposare e dormire; è basilare, ad esempio, che i bambini piccoli riposino perché è proprio quello il momento in cui viene liberata la maggiore quantità di ormone della crescita. 

Pertanto, gli ormoni tiroidei sono un elemento indispensabile per determinate funzioni fisiologiche del nostro corpo.

La tiroide è una piccola ghiandola di 25 grammi, a forma di farfalla posta alla base della gola; si tratta della ghiandola endocrina più importante del corpo umano ed è a sua volta formata da numerosi follicoli.

Quando si è affetti da una malattia tiroidea, le alterazioni possono interessare diverse parti e funzioni del nostro organismo. Questa situazione è otto volte più presente nelle donne che negli uomini, soprattutto durante o dopo la gravidanza. Tuttavia, per fortuna, nella maggior parte dei casi di malattie tiroidee la cura è sicura e semplice.

Le malattie tiroidee principali

La ghiandola tiroidea è a sua volta controllata da una ghiandola che si trova nel cervello, chiamata pituitaria (o ipofisi).

Essa secerne l’ormone che stimola la tiroide, da cui prende il nome, e da questo dipende un eccesso o un deficit della funzione tiroidea.

IPOTIROIDISMO

Problemi di ipotiroidismo

L’ipotiroidismo dipende da una quantità insufficiente di ormoni tiroidei nell’organismo. Quando nel sangue non vi sono abbastanza ormoni tiroidei, il metabolismo del corpo rallenta.

Cause

La causa più frequente dell’ipotiroidismo è un disturbo chiamato tiroidite, ovvero l’infiammazione della ghiandola tiroidea.

È conosciuta come malattia di Hashimoto e fa sì che il nostro sistema immunitario (le difese del nostro corpo) confonda gli ormoni tiroidei come elementi nocivi per l’organismo, inviando così globuli bianchi per distruggerli.

 L’organismo si difende cercando di produrre più ormoni tiroidei, ma in questo modo la ghiandola tiroidea aumenta di dimensioni e si forma il gozzo, quel gonfiore della gola tanto caratteristico.

Sintomi

  • Stanchezza.
  • Aumento di peso.
  • Irregolarità del ciclo mestruale.
  • Sensazione di freddo anche quando gli altri non la avvertono.
  • Stitichezza.
  • Dolore muscolare.
  • Unghie fragili e caduta dei capelli.

Leggete anche: Come evitare la caduta dei capelli

Cura

Esistono numerosi farmaci per trattare l’ipotiroidismo. Altrettanto importante è aumentare la dose di iodio (senza eccedere) e seguire una corretta alimentazione, che vi illustriamo al link che apparirà cliccando su questa parola verde: ipotiroidismo. 

IPERTIROIDISMO

Ipertiroidismo e ghiandola ingrossata

L’ipertiroidismo è una malattia tiroidea nella quale vi è un’eccessiva produzione degli ormoni tiroidei, di conseguenza il metabolismo accelera e il nostro corpo si scompensa.

La causa più frequente è la malattia di Graves, che si verifica tra i 20 e i 40 anni; altre cause possono essere anche certi medicinali e persino la presenza di ingrossamenti o masse nella tiroide chiamati “noduli caldi”, i quali provocano un’eccessiva produzione degli ormoni tiroidei.

Sintomi:

  • Stanchezza.
  • Perdita di peso.
  • Nervosismo.
  • Sudorazione, sensazione di calore anche quando gli altri non la percepiscono.
  • Irregolarità del ciclo mestruale.
  • Frequenti Evacuazioni intestinali.

Cura

A volte è possibile soffrire di crisi tiroidea: episodi di infezione caratterizzati da febbre alta, spia di un pericolo maggiore.

Bisogna fare attenzione a tutti i sintomi, sarà il vostro medico a prescrivervi il trattamento più adeguato in base ai vostri sintomi. Da parte  nostra, vi consigliamo una dieta adeguata, basta cliccare su questa parola di colore verde: ipertiroidismo

Non perdetevi: Dieta equilibrata per dimagrire in modo sano

NODULI TIROIDEI

Nodulo tiroideo

Si tratta di un’altra malattia tiroidea nella quale appaiono masse o rigonfiamenti intorno alla ghiandola tiroidea. Si individuano tramite specifici esami medici, grazie ai quali è possibile sapere anche se sono benigni o cancerogeni.

MALATTIE TIROIDEE DURANTE LA GRAVIDANZA

È molto comune soffrire di malattie tiroidee durante la gravidanza e non bisogna sottovalutarle poiché potrebbero danneggiare la salute del bambino.

La cura è sempre efficace ed è fondamentale effettuare continui controlli per scartare qualsiasi complicanza. È importantissimo non seguire un auto-cura durante la gestazione, poiché molti farmaci possono causare gravi malattie al feto e anche alle madri.

Esami delle malattie tiroidee

Il vostro medico sarà colui il quale diagnosticherà la malattia in base ai sintomi ed alcuni esami di routine:

  • Esame della ghiandola tiroidea tramite palpazione (chiederà di deglutire).
  • Esame della pelle e degli occhi.
  • Peso e temperatura corporea.
  • Analisi del sangue.
  • Ecografia della tiroide.

Concludiamo dicendovi che le malattie tiroidee hanno sempre una cura adeguata e precisa; nella maggior parte dei casi si combattono oppure, nel caso di malattie croniche, potrete convivere con esse con una buona qualità della vita. 

Da parte vostra è fondamentale che facciate molta attenzione all’alimentazione, oltre a condurre una vita sana e a non perdere troppe ore di sonno. Infatti, anche il riposo è molto importante per il corretto funzionamento degli ormoni tiroidei. 

  • Tiroide. (2007). In Atlante Per La Stadiazione Dei Tumori Maligni. https://doi.org/10.1007/978-88-470-0694-2_8
  • Marolda, A., Bertolini, A., Ferrari, A., Marabelli, P., Tassi, G., Tresoldi, C., & Tiberi, A. (1991). AMIODARONE E TIROIDE. Gazzetta Medica Italiana Archivio per Le Scienze Mediche.
  • Costa, A. (1969). I tumori della tiroide. Minerva Medica.