Leucorrea fisiologica: cos’è e come curarla?

15 Gennaio 2021
La leucorrea fisiologica può essere aggravata dall'uso di assorbenti interni o da un'eccessiva igiene intima. Come si può curare? Quando c'è da preoccuparsi? Scopritelo con noi!

La leucorrea fisiologica è una condizione molto comune nelle donne e consiste in un aumento delle perdite vaginali. Può essere molto fastidiosa, ma di solito non rappresenta un grave problema di salute.

Innanzitutto, è opportuno distinguere fra la leucorrea fisiologica e la leucorrea patologica. Questa condizione è definita patologica se causata da un’infezione o da un oggetto estraneo all’interno della vagina. La leucorrea fisiologica si presenta poco prima delle mestruazioni.

A volte, la quantità di perdite vaginali può essere molto abbondante. In alcuni casi, la vulva può irritarsi o, addirittura, può causare nella donna imbarazzo o turbamento. In questo articolo spieghiamo nel dettaglio cos’è la leucorrea fisiologica e cosa fare per combatterla.

Cosa sono le perdite vaginali?

Leucorrea fisiologica e perdite vaginali.
In condizioni normali, le secrezioni vaginali sono biancastre o chiare; tuttavia, in presenza di un’infezione, il colore e l’odore possono variare.

È normale e fisiologico che il sistema riproduttivo femminile, soprattutto le pareti della vagina, producano delle secrezioni. Questi fluidi vaginali hanno funzioni diversi. Per esempio, sono importanti durante la gravidanza oppure agiscono da lubrificante per rendere più agevoli i rapporti sessuali.

Le secrezioni variano continuamente durante il ciclo mestruale a seconda dell’attività ormonale. In condizioni normali appaiono chiare o biancastre. Tuttavia, ci sono momenti in cui possono variare molto.

Ad esempio, quando le perdite vaginali cambiano colore (diventando gialle o leggermente verdi), odore o consistenza, possono essere il segnale di un problema di salute, come un’infezione. Lo stesso vale quando la quantità del flusso aumenta o diminuisce troppo.

È dunque necessario prestare attenzione al proprio flusso e alle sue caratteristiche. Qualsiasi cambiamento può essere un segno di infezione o il sintomo di una malattia sessualmente trasmissibile. Se avete dubbi, non esitate a consultare il ginecologo.

Vi potrebbe anche interessare: La salute vaginale a seconda dell’età

Cos’è la leucorrea fisiologica?

Il termine “leucorrea” si riferisce a una maggiore quantità di perdite vaginali. Come già detto, questo può essere dovuto a un’infezione o a un problema di salute. Tuttavia, può anche essere semplicemente una condizione normale.

Quindi, La leucorrea fisiologica è un aumento delle perdite vaginali che di per sé non è dovuto a una patologia o un problema di salute. In questo caso, le secrezioni sono di solito chiare o leggermente biancastre. Inoltre, l’odore è normale.

In altre circostanze, tuttavia, è motivo di preoccupazione per le donne. Ciò accade quando le secrezioni sono molto abbondanti, il che può causare un certo fastidio o irritare la vulva.

La causa di questa condizione non è ben nota. Si presume che gli squilibri ormonali che si verificano durante il ciclo mestruale siano la causa principale dell’aumento del flusso.

D’altra parte, questa condizione è stato collegata allo stress o all’eccessiva igiene intima. Inoltre, sembra esservi una connessione anche con l’eccitazione sessuale e la gravidanza. A volte, può presentarsi anche nelle bambine.

Leggete anche: Alterazioni delle perdite vaginali e rimedi

Cosa fare in caso di la leucorrea fisiologica?

Igiene intima e leucorrea fisiologica.
Mantenere una corretta igiene intima aiuta a calmare il disagio causato dalla leucorrea fisiologica.

In questi casi, è importante andare dal proprio medico di base o dal ginecologo per escludere un’infezione o la presenza di un corpo estraneo nella vagina.

La procedura comune prevede che il medico esegua un tampone vaginale, ossia prelevi un campione di liquido vaginale. È un esame semplice e indolore. Non c’è ragione di vergognarsi o di avere paura di andare dal ginecologo. Una volta prelevato, il campione viene mandato in laboratorio.

Qui, eseguiranno una coltura per escludere la presenza di batteri patologici all’interno della vagina. Questo esame può dare falsi negativi, ma comunque è facile da ripetere e di solito si tiene conto anche di altri sintomi. In assenza di cattivo odore o altri disturbi, la diagnosi in genere è di leucorrea fisiologica.

Una volta stabilito ciò e che la donna non soffre di nessuna malattia, bisogna attuare alcuni semplici passaggi per calmare il disagio:

  • Mantenere un’igiene adeguata. Questo non significa che debba essere eccessiva, al contrario. Infatti, è preferibile lavare la zona intima solo con acqua.
  • Asciugare bene le parti intime. Fatelo con delicatezza per non aumentare l’irritazione.
  • Indossare biancheria intima di cotone e non troppo stretta.
  • Se avete le mestruazioni, scegliete con cura la vostra protezione. Gli assorbenti interni possono favorire l’infezione e i salvaslip possono irritare la zona.

In conclusione

Con il termine leucorrea fisiologica si intende un aumento delle secrezioni vaginali senza una causa patologica. Tuttavia, prestate attenzione se notate dei cambiamenti nella quantità, nel colore e nell’odore.

In questi casi, l’ideale è rivolgersi al proprio medico il prima possibile per escludere eventuali infezioni e adottare le misure necessarie.

  • Instituto Superior de Ciencias Médicas (Villa Clara, C., & Pestana Pérez, N. (1997). Revista Medicentro electrónica. Medicentro Electrónica (Vol. 21). Instituto Superior de Ciencias Médicas de VC. Retrieved from http://scielo.sld.cu/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1029-30432017000200007
  • Spence D, Melville C. Vaginal discharge. BMJ. 2007;335(7630):1147–1151. doi:10.1136/bmj.39378.633287.80
  • López–Olmos, J. (2012). Leucorreas líquidas y cremosas: diferencias clínicas y microbiológicas (estudio prospectivo de 1 año). Clínica e Investigación En Ginecología y Obstetricia, 39(2), 57–63. https://doi.org/10.1016/j.gine.2011.11.005
  • McCathie, R. (2006). Vaginal discharge: common causes and management. Current Obstetrics and Gynaecology16(4), 211–217. https://doi.org/10.1016/j.curobgyn.2006.05.004