Due ingredienti per liberare il corpo dai parassiti intestinali

· 15 giugno 2016
Oltre a provocare problemi digestivi, i parassiti intestinali possono anche influire sullo stato d'animo provocando nervosismo ed ansia

Molte persone credono che la presenza dei parassiti intestinali interessi solo le popolazioni del terzo mondo o gli animali.

In realtà non è così: L’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) ha dichiarato che ne sono affetti più di 3000 milioni di persone in tutto il mondo.

Sebbene molti ne soffrano senza rendersene conto, a causa della mancanza di un sintomo in particolare, attualmente è uno dei motivi principali per cui ci si rivolge al medico.

I problemi sorgono quando questi parassiti incontrano un luogo adatto in cui proliferare o si forniscono essi sostanze adatte alla loro sopravvivenza.

In questo articolo vogliamo rivelarvi qualche dettaglio in più al riguardo, insieme ad un semplice trattamento a base di soli due ingredienti che vi permetterà di eliminarli.

Cosa sono i parassiti intestinali?

I parassiti sono microrganismi che vivono all’interno o all’esterno di un altro organismo nutrendosene. Come il nome stesso suggerisce, i parassiti intestinali vivono nell’intestino umano o di un altro mammifero.

In generale sono protozoi (come la giardia) o vermi (come l’ossiuro o tenia) che raggiungono il corpo attraverso l’acqua o alcuni alimenti contaminati 

Coloro che ne soffrono di più sono i bambini, anche se chiunque è a rischio quando ci si espone a condizioni sanitarie precarie.

Leggete anche: Rimedi casalinghi per eliminare i parassiti intestinali

Quali sono i sintomi di un’infezione parassitaria?

Uno dei sintomi della presenza di parassiti intestinali è il mal di stomaco

Spesso i sintomi delle infezioni parassitarie sono difficili da diagnosticare perché si confondono facilmente con quelli di altre infezioni.

Tuttavia, è importante non sottovalutarli e ricorrere al più presto ad un trattamento opportuno.

I sintomi più frequenti sono:

  • Mancanza o eccesso di appetito (con squilibri nel peso).
  • Disturbi del sonno e sensazione di stanchezza.
  • Ansia e nervosismo.
  • Infiammazione degli occhi.
  • Allergie e intolleranze alimentari accompagnate da stitichezza o diarrea.
  • Difficoltà nel digerire.
  • Sindrome del colon irritabile e frequente mal di stomaco.
  • Prurito sulla punta del naso, agli occhi e sulla zona anale.
  • Costante mal di testa.
  • Eruzioni cutanee ed acne.
  • Crampi muscolari ed intorpidimento delle mani e dei piedi.

Come eliminare i parassiti con due ingredienti?

Quando si presentano i sintomi dei parassiti intestinali la cosa migliore da fare è consultare subito il medico, il quale vi farà una diagnosi adeguata.

Nel caso in cui la loro presenza nell’organismo venga confermata, è importante modificare la vostra dieta e ridurre al massimo il consumo di zuccheri e cibi processati.

Potete anche preparare soluzioni naturali come complemento al trattamento, le quali favoriscono le funzioni digestive senza causare effetti indesiderati.

È il caso di un rimedio naturale a base di chiodi di garofano e semi di lino che, da qualche tempo a questa parte, è diventato popolare grazie alla sua efficacia contro i microrganismi.

Contiene principi attivi antinfiammatori, antibatterici ed antiparassitari che donano sollievo ad infezioni di questo tipo che possono scatenare problemi più gravi.

Benefici dei chiodi di garofano

I chiodi di garofano sono un ottimo ingredienti per eliminare i parassiti intestinali

I chiodi di garofano possiedono proprietà analgesiche, antispasmodiche, antibatteriche e una sostanza chiamata eugenolo che previene la coagulazione del sangue ed i problemi cardiaci.  

Apportano nutrienti quali:

  • Vitamina B
  • Vitamina K
  • Potassio
  • Calcio
  • Magnesio
  • Acidi grassi omega 3

Vengono utilizzati nel trattamento di:

  • Infezioni come il colera
  • La tubercolosi
  • La malaria
  • Funghi ed infezioni batteriche
  • Diarrea

Benefici dei semi di lino

I semi di lino favoriscono l'eliminazione dei parassiti intestinali

I semi di lino fanno parte dei cosiddetti “alimenti eccezionali” grazie alla ricchezza di nutrienti che li caratterizzano.

Contengono acidi grassi essenziali, fibre dietetiche e una grande quantità di antiossidanti che favorisce le funzioni digestive.

Le loro proprietà vengono assorbite facilmente dal corpo e favoriscono l’eliminazione delle tossine che si accumulano nel colon. 

Inoltre, sono leggeri per lo stomaco e fungono da alimento per la flora batterica che protegge l’intestino dagli agenti nocivi.

Come preparare il rimedio ai chiodi di garofano e semi di lino

I semi di lino e chiodi di garofano insieme aiutano a eliminare i parassiti intestinali

Questo rimedio ai chiodi di garofano e semi di lino non solo elimina i parassiti intestinali, ma favorisce anche la perdita di peso.

Il trattamento può durare tre giorni, ma a seconda dei casi anche una settimana.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di chiodi di garofano (12 gr)
  • 10 cucchiai di semi di lino (100 gr)

Preparazione

Mettete entrambi gli ingredienti in un macinino da caffè e riduceteli in polvere.

Leggete anche: 5 frullati di spinaci per perdere peso

Modalità d’assunzione

  • Assumere due cucchiai di questa polvere di mattina.
  • Potete mescolare il prodotto con acqua tiepida o aggiungerlo ai cibi che mangiate a colazione.
  • Assumetelo dai 3 ai 7 giorni consecutivi, interrompete il trattamento per lo stesso numero di giorni e poi riprendetelo.
  • Ripetetelo ogni tre mesi o tutte le volte che lo riterrete necessario.
  • Per raggiungere migliori risultati, bevete molta acqua durante i giorni di trattamento.

Infine ricordate di rafforzare le vostre pratiche igieniche per evitare il contatto con i microrganismi.

Nel caso in cui teniate in casa animali domestici, disinfestateli  periodicamente con un vermifugo seguendo le indicazioni del veterinario,  in quanto anche questo può comportare un rischio d’infezione.

Non esitate a provare questo rimedio naturale a base di semi di lino e chiodi di garofano. Vi sorprenderà!

Yaeger, R. G. (1996). Protozoa: Structure, Classification, Growth, and Development. Medical Microbiology. https://doi.org/NBK8282 [bookaccession] Brown, M. (2005). Intestinal helminths. Medicine. https://doi.org/10.1383/medc.2005.33.8.54 Haque, R. (2007). Human intestinal parasites. Journal of Health, Population and Nutrition. https://doi.org/10.1128/CMR.00033-10 Cortés-Rojas, D. F., de Souza, C. R. F., & Oliveira, W. P. (2014). Clove (Syzygium aromaticum): A precious spice. Asian Pacific Journal of Tropical Biomedicine. https://doi.org/10.1016/S2221-1691(14)60215-X Goyal, A., Sharma, V., Upadhyay, N., Gill, S., & Sihag, M. (2014). Flax and flaxseed oil: an ancient medicine & modern functional food. Journal of Food Science and Technology. https://doi.org/10.1007/s13197-013-1247-9
Guarda anche