Macrogol, per chi soffre di stipsi cronica

10 Agosto 2020
Il trattamento della stitichezza a base di macrogol è un contributo alle misure igieniche e alimentari indicate in presenza di questo disturbo. Va abbinato a dei cambiamenti nelle abitudini, nell'alimentazione e nell'attività fisica.

Macrogol è un farmaco lassativo che agisce rilasciando i suoi effetti grazie all’azione osmotica dell’intestino. Il suo meccanismo di azione favorisce l’aumento del volume fecale e stimola la motilità del colon.

Grazie all’effetto osmotico, migliora il trasporto delle feci ammorbidite, favorendo la defecazione. Si consiglia la somministrazione di macrogol per un periodo di tempo il più breve possibile, in modo da prevenire effetti indesiderati.

Il trattamento a base di macrogol rappresenta un aiuto contro la stipsi cronica, di fatto bisogna anche adottare una serie di misure igieniche e alimentari. Tra questi accorgimenti rientra l’aumento del consumo di liquidi e di fibre alimentari.

Bisogna altresì eseguire attività fisica regolare. Se si ignorano questi aspetti, il medicinale sarà solo una toppa momentanea che non risolve il problema alla radice.

Che dosaggio assumere?

Il macrogol può essere somministrato a qualunque ora, insieme a cibi e bevande o a digiuno. Il dosaggio di questo farmaco dipende dalla gravità della stitichezza.

Dopo alcuni giorni dall’inizio della terapia sarà possibile ridurre il dosaggio. In caso di stipsi cronica, la quantità abituale per gli adulti è di una bustina, da una a tre volte al giorno. Nella maggior parte dei casi sono sufficienti 1 o 2 bustine al giorno.

In base alla reazione e alla situazione di ogni persona si può arrivare fino a tre bustine al giorno. La durata media del trattamento è di 2 settimane. Se trascorso questo periodo i sintomi della stitichezza continuano, bisognerà rivolgersi al medico.

Se lo scopo è contrastare il fecaloma, il dosaggio sarà più elevato: 8 bustine al giorno in un lasso di tempo pari a sei ore, fino a un massimo di 3 giorni.

Donna che soffre di stipsi cronica.
La stitichezza può essere acuta o cronica. Nel secondo caso evacuare risulta spesso difficile. 

Leggete anche: Alimenti lassativi: quali sono i migliori?

Come assumere il farmaco?

Per assumere il macrogol, bisogna sciogliere il contenuto di una bustina in mezzo bicchiere di acqua e berlo il prima possibile. In caso di trattamento per fecaloma, bisognerà sciogliere 8 bustine in un litro di acqua.

Se necessario, si potrà aumentare il dosaggio a due bustine al giorno. Prima di aumentare il dosaggio, tuttavia, conviene attendere qualche giorno per valutare gli effetti del farmaco, che iniziano a fare la loro comparsa nelle 24-48 ore successive alla somministrazione.

Quali sono gli effetti indesiderati del macrogol?

Questo farmaco può provocare alcuni effetti indesiderati, classificati sulla base della loro frequenza:

  • Effetti indesiderati molto rari: le reazioni anafilattiche come difficoltà respiratorie o gonfiore della gola e del viso sono rare. Lo stesso vale per l’ipersensibilità sotto forma di reazioni allergiche cutanee.
  • Molto comuni: questi effetti indesiderati si manifestano in seguito a dosaggio elevato, con possibile presenza di diarrea. Tendono a scomparire uno o due giorni dopo la sospensione del macrogol.

Controindicazioni e interazioni del macrogol

Trattamento della stipsi cronica con macrogol.
L’effetto indesiderato più comune del macrogol è la diarrea con feci liquide e abbondanti, oltre al dolore addominale.

Il farmaco è controindicato nei seguenti casi:

  • Bambini al di sotto dei 12 anni.
  • Perforazione gastrointestinale.
  • Ostruzione dell’intestino tenue.
  • Malattia intestinale infiammatoria.

l macrogol è controindicato anche in presenza di ipersensibilità al principio attivo o se si soffre di colite ulcerosa, morbo di Crohn o megacolon tossico.

Per quanto riguarda l’interazione con altri farmaci, è consigliabile non assumere nessun altro farmaco tra un’ora prima e un’ora dopo l’assunzione della bustina di macrogol. Si consiglia di consultare il medico prima di iniziare ad assumere questo lassativo durante la gravidanza o l’allattamento.

Potrebbe interessarvi anche: 10 tra i più efficaci lassativi “anti-stitichezza”

Cambiare stile di vita per combattere la stitichezza

Il consumo di lassativi e il loro dosaggio dipendono dalla gravità della stipsi. Si consigliano farmaci osmotici come il macrogol perché facilmente tollerabile e sicuro. Tuttavia, i medicinali non sono sufficienti se non si cambiano abitudini, alimentazione e non si fa sport.

  • Candy, D., & Belsey, J. (2009). Macrogol (polyethylene glycol) laxatives in children with functional constipation and faecal impaction: A systematic review. Archives of Disease in Childhood. https://doi.org/10.1136/adc.2007.128769

  • Zangaglia, R., Martignoni, E., Glorioso, M., Ossola, M., Riboldazzi, G., Calandrella, D., … Pacchetti, C. (2007). Macrogol for the treatment of constipation in Parkinson’s disease. A randomized placebo-controlled study. Movement Disorders. https://doi.org/10.1002/mds.21243

  • de Graaf, L. (2019). Macrogol. Nursing. https://doi.org/10.1007/s41193-019-0012-5