Malattie infiammatorie intestinali e alimentazione

7 Giugno 2020
In caso di malattie infiammatorie intestinali, bisogna adattare l'alimentazione ai sintomi e alle fasi della patologia.

La malnutrizione è una caratteristica diffusa tra le persone che soffrono di disturbi digestivi. Nello specifico, l’alimentazione nei casi di malattie infiammatorie intestinali è un elemento chiave per alleviare e ridurre i sintomi. Vi spieghiamo tutto ciò che c’è da sapere.

Cosa indica una malattia infiammatoria intestinale?

L’apparato digerente è soggetto a diversi disturbi che possono influire sul suo stato di salute. Tra questi le malattie infiammatorie intestinali (IBD). Si tratta di un termine usato per descrivere malattie croniche dell’apparato digerente, dovute a cause sconosciute e caratterizzate dalla comparsa di infiammazione.

Le due IDB più comuni sono la colite ulcerosa cronica (CU) e il morbo di Crohn (MC). Esiste una terza malattia nota come colite indeterminata, che condivide caratteristiche con le patologie precedenti e che nel corso del suo decorso può sfociare nell’una o nell’altra.

Malattia infiammatoria intestinale

Quali sono le caratteristiche delle malattie infiammatorie intestinali?

Morbo di Crohn

Può interessare qualsiasi tratto dell’apparato digerente, ma quelli più spesso colpiti sono l’intestino tenue e il colon ascendente. Le lesioni sono segmentarie e possono danneggiare qualunque strato della parete intestinale.

Potrebbe interessarvi anche: Trattare il morbo di Crohn, 10 consigli

Colite ulcerosa

Colpisce solo il colon e il retto. Le lesioni sono continue e colpiscono la mucosa e la sottomucosa. Questa malattia altera la funzione del sistema immunitario dell’apparato digerente, provocando una risposta infiammatoria prolungata.

Con quali sintomi si manifestano?

I sintomi più comuni in entrambi i casi sono intense coliche e diarrea cronica con sangue. Si manifesta perdita di peso, malnutrizione, febbre e lesioni della pelle e delle articolazioni.

Intestino infiammato

Le lesioni della mucosa intestinale provocano diversi problemi nutrizionali correlati, ad esempio:

  • Anoressia.
  • Edema.
  • Anemia.
  • Disidratazione.
  • Carenza di proteine e vitamine.
  • Alterazione dell’equilibrio di minerali come zinco, ferro, magnesio, calcio e selenio.

Cause di malnutrazione

La malnutrizione si manifesta a causa di diversi fattori, come:

  • Riduzione dell’apporto di cibo.
  • A causa della stessa malattia, che provoca dolore, diarrea e vomito.
  • Esclusione di determinati alimenti.
  • Aumento del fabbisogno a causa di febbre, stress e perdita di proteine.
  • Malassorbimento di nutrienti.
  • Interazione con farmaci e nutrienti. Stando alle linee guida della Società Italiana di Gastroenterologia, i farmaci somministrati nel trattamento di queste malattie sono antinfiammatori, cortisone, immunosoppressori e antibiotici.

Quale alimentazione seguire in caso di malattie infiammatorie intestinali?

Bisogna mettere in chiaro che le IBD presentano fasi di regressione e fasi in cui i sintomi ricompaiono con episodi acuti. Di conseguenza, la dieta dipenderà dalla fase della malattia. In assenza di sintomi, è possibile seguire un piano alimentare sano senza particolari restrizioni.

In caso di fasi acute, invece, bisognerà adattare l’alimentazione alle esigenze nutrizionali. Nello specifico, è fondamentale consumare diversi pasti al giorno, bere abbondante acqua ed evitare temperature estreme fredde.

Una dieta a basso contenuto di carboidrati a catena corta o FODMAP può essere d’aiuto durante il trattamento. Bisogna considerare che la dieta deve prevedere:

  • Tra il 50 e il 60% di calorie a base di carboidrati.
  • Dal 15 al 20% di proteine.
  • Tra il 25 e il 30% di grassi, in misura limitata in caso di diarrea.

Non dobbiamo dimenticare che in alcuni casi potrebbe manifestarsi una grave forma di malnutrizione con coinvolgimento intestinale. In questo caso, l’opzione migliore è la nutrizione parenterale o mediante via centrale.

Alimenti da evitare in caso di sintomi

In caso di fase sintomatica, bisognerà evitare tutti quegli alimenti che possono favorire la formazione di gas e provocare fastidi. Questi sono:

  • Legumi e cereali.
  • Latticini (soprattutto latte).
  • Patate, patate dolci, mais, yucca, aglio, cipolla, cavolo.
  • Formaggi stagionati e speziati.
  • Frutta fresca e secca.
  • Miele, zucchero, dolci, sciroppi, marmellate edulcorate con prodotti quali xilitolo o sorbitolo.
  • Carni processati, insaccati e simili.
  • Bevande alcoliche, gassate o frizzanti, bevande fermentate e caffè.
  • Cibi piccanti o particolarmente conditi.

Andrà valutata anche la presenza di deficit di vitamine e minerali. In questi casi si potrà procedere con degli integratori.

Potrebbe interessarvi: Cosa mangiare in caso di sindrome del colon irritabile

Cibo sano per le malattie infiammatorie intestinali

Alimentazione in assenza di sintomi da malattie infiammatorie intestinali

Quando i sintomi spariscono, è importante reintrodurre poco per volta gli alimenti esclusi. In generale si inizia da:

  • Verdure cotte che contengono fibre solubili, quali zucca, carote, barbabietola, zucchina tonda.
  • Frutta cotta al vapore o al forno: mele, banane mature, albicocca, pesca, pera.
  • Cereali e derivati raffinati.
  • Carni a basso contenuto di grassi, quali pesce e pollo.

Il reinserimento in ambito alimentare può richiedere diverse settimane e deve essere adatto al paziente. L’intervallo di tempo tra un reinserimento e l’altro dipende dai sintomi.

Per concludere, in caso di malattie infiammatorie intestinali, bisognerà adattare la dieta ai sintomi e alla fase in cui si trova ciascun paziente.

  • Jasinski C, Tanzi MN, Lagomarsino G, López C, Iglesias C. Enfermedad inflamatoria intestinal. Arch Pediatría Urug. 2004;75(1):74-77.
  • Martínez Gómez MJ, Melián Fernández C, Romeo Donlo M. Nutrición en enfermedad inflamatoria intestinal. Nutr Hosp. 2016;33(4):59-62.
  • Vásquez A, Hazel E, Romero G. Nutrición en la Enfermedad Inflamatoria Intestinal. Gen. 2012;66(3):207-212.
  • Torresani ME, Somoza MI. Lineamientos para el cuidado nutricional. 3a ed. Buenos Aires: Eudeba; 2009.
  • Saludigestivo. Enfermedad de Crohn [Internet]. Saludigestivo. [citado 12 de abril de 2020]. Disponible en: https://www.saludigestivo.es/enfermedades-digestivas-y-sintomas/enfermedad-de-crohn/