Mangiare troppo avocado: perché non eccedere?

9 Luglio 2020
Mangiare troppo avocado può comportare alcuni rischi per la salute. In realtà, la porzione consigliata è un quinto del frutto, ovvero 30 grammi circa.

Sapevate che non è mai consigliabile mangiare troppo avocado? Benché sia considerato un alimento sano, in quanto ricco di grassi sani e vitamine, eccedere nel suo consumo potrebbe avere delle conseguenze per la salute.

Continuate a leggere per scoprire gli effetti negativi in cui è possibile incorrere mangiando troppo avocado.

Mangiare troppo avocado: di che frutto si tratta?

L’avocado è il frutto dell’albero di avocado (Persea americana), della famiglia delle Lauraceae. Si tratta di un alimento estremamente salutare per via del suo contenuto di grassi sani, minerali come il potassio e vitamine come l’acido folico.

Composizione nutrizionale

Avocado tagliato a metà
L’avocado è un alimento ricco di grassi sani e di vitamine come l’acido folico.

Dal punto di vista nutrizionale è un frutto estremamente completo, in quanto è composto dai seguenti nutrienti:

  1. Grassi: è ricco di grassi sani; il 70% dei quali sono insaturi, ovvero abbassano i livelli di colesterolo cattivo o LDL.
  2. Minerali: contiene il 60% di potassio in più rispetto alle banane, rappresentando un’abbondante fonte di tale minerale. Oltre a ciò, contiene magnesio e poco sodio.
  3. Vitamine. Contiene vitamina A, C, E, vitamina B e acido folico.
  4. Fibre vegetali.
  5. Carboidrati.

Proprietà e benefici del consumo di avocado

Medico con cuore in mano
Grazie alle sue proprietà nutritive, l’avocado è un alimento particolarmente indicato nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

L’avocado presenta numerose proprietà e benefici per la salute. Il beneficio più rilevante è legato alla salute del cuore. Ciò è dovuto all’alto contenuto di acido oleico; questo grasso monoinsaturo è in grado di abbassare il colesterolo cattivo, o LDL, e aumentare quello buono, o HDL.

A ciò si aggiunge che, poiché si tratta di un’importante fonte di potassio, ma povera di sodio, aiuta a regolare la pressione sanguigna, prevenendo ictus e altre malattie cardiache.

Le elevate quantità di acido folico contenute nell’avocado aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e di ictus. L’abbondante contenuto di tale acido lo rende anche un alimento particolarmente adattato alla gravidanza.

Infine, è perfetto per le diete dimagranti e per le discipline sportive, in quanto molto saziante e per lungo tempo; offre quindi le energie necessarie per l’attività fisica e regola i livelli di glucosio nel sangue.

Leggete anche: Frullati di avocado, 5 ricette energizzanti

Perché non si dovrebbe mangiare troppo avocado?

Bilancia pesa persone
Mangiare troppo avocado può provocare un aumento del peso nelle persone interessate da questa problematica.

I nutrizionisti lo definiscono un alimento ricco di grassi sani del tipo omega 3, nonché una fonte di elevate quantità di vitamine e di minerali.

Nonostante ciò, come spesso accade un po’ con tutto nella vita, mangiare troppo avocado può causare diversi effetti negativi sulla salute, tra cui l’aumento di peso o le diverse carenze i nutrienti che tale alimento non fornisce.

1. Aumento di peso

L’avocado è ricco di grassi sani di tipo vegetale dall’alto contenuto calorico. Un avocado di dimensioni normali può fornire quasi 25 grammi di grassi e circa 300 calorie. In molti non ne sono a conoscenza ed eccedono nel consumo.

È consigliabile consumarlo in quantità moderate, senza esagerare, soprattutto in chi vuole mantenere la linea e non ingrassare. Il grasso dell’avocado è salutare per il corpo, ma essendo piuttosto calorico, andrebbe assunto in piccole quantità.

«Da un punto di vista nutrizionale, l’alto contenuto calorico rappresenta un problema. Di fatto, è necessaria solo una porzione del frutto per godere dei suoi benefici, eccedere tale dose non è affatto necessario». Afferma il Dott. Andrew Freeman, cardiologo della National Jewish Health.

2. Carenze nutrizionali

L’avocado fornisce all’organismo una buona quantità di nutrienti, ma essi non bastano a rendere l’alimentazione perfettamente bilanciata. Tale frutto dovrebbe costituire parte di un’alimentazione il più possibile varia, che preveda anche carne, pesce e verdure.

Alcune persone credono che mangiare grandi quantità di avocado permetta di dimagrire e di ottenere i nutrienti necessari per il buon funzionamento dell’organismo. Si tratta di un errore ed è bene ricordare che l’avocado non contiene proteine ​​ed è carente di diversi minerali essenziali.

Può interessarvi anche: 5 buoni motivi per non gettare più il seme di avocado

3. Mangiare troppo avocado può causare danni al fegato

In molti lo ignorano, ma mangiare troppo avocado può essere nocivo per le persone che soffrono di problemi al fegato. Questo frutto contiene sostanze come l’anetolo e l’estragolo, che possono causare malattie epatiche nei soggetti predisposti.

In questo caso, è necessario ridurne il consumo e consultare uno specialista sulla possibilità di includere tale alimento nella propria alimentazione.

4. Possibili rischi di allergia

Sebbene sia alquanto raro, alcuni soggetti possono sviluppare un’allergia legata al consumo di avocado. In questo caso, è necessario interrompere l’assunzione per evitare reazioni indesiderate.

Come avete avuto modo di leggere, mangiare troppo avocado potrebbe comportare dei rischi per la salute. La porzione consigliata è di un quinto di avocado, che equivale a circa 30 grammi.

Inoltre, seguire una dieta varia ed equilibrata è il modo migliore per mantenersi in salute. In caso di dubbi, consultate un nutrizionista esperto, il quale potrà accompagnarvi nelle vostre scelte.

  • Bergh, B. (1992). The avocado and human nutrition. I. Some human health aspects of the avocado. In Proc. of Second World Avocado Congress (pp. 25-35).
  • Fulgoni, V. L., Dreher, M., & Davenport, A. J. (2013). Avocado consumption is associated with better diet quality and nutrient intake, and lower metabolic syndrome risk in US adults: results from the National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2001–2008. Nutrition journal12(1), 1.
  • Weschenfelder, C., dos Santos, J. L., de Souza, P. A. L., de Campos, V. P., & Marcadenti, A. (2015). Avocado and cardiovascular health. Open Journal of Endocrine and Metabolic Diseases5(07), 77.