Metastasi alle ossa: sintomi e trattamento

13 Maggio 2020
Le metastasi alle ossa sono una complicazione di un cancro in stato avanzato. La loro presenza indica una gravità accentuata della patologia oncologica. In questo articolo, parleremo delle possibili opzioni in merito.

Le mestastasi alle ossa (o metastasi ossee) sono l’evoluzione di determinate forme tumorali che si aggravano, influendo sullo stadio della malattia. Si tratta, in parole semplici, del trasferimento delle cellule neoplastiche da un tumore di un determinato organo alle ossa.

Dobbiamo sottolineare che la metastasi alle ossa non indica una forma primaria di tumore alle ossa. Questo significa che la malattia non ha avuto origine nel tessuto osseo, bensì in un altro organo, come le mammelle o i polmoni.

Possiamo dire che tutte le ossa sono potenzialmente soggette a metastasi, sebbene colpiscano soprattutto la colonna vertebrale e le ossa lunghe. Questo per via del modo in cui la circolazione sanguigna e quella linfatica drenano i liquidi.

Quando una cellula neoplastica che ha origine altrove si installa in un osso, ha inizio un processo di duplicazione in questo nuovo punto. La metastasi ossea tende a produrre sostanze che stimolano le cellule del tessuto osseo: gli osteoblasti e gli osteoclasti. Questa stimolazione è eccessiva e il tessuto ne patisce le conseguenze.

Il tessuto che riveste le metastasi delle ossa si indebolisce a causa dell’azione degli osteoclasti oppure si indurisce a causa dell’azione intensa degli osteoblasti. Entrambi questi processi sono nocivi.

Nella maggior parte delle forme tumorali possono insorgere metastasi, ma queste si registrano prevalentemente nelle neoplasie del seno e della prostata. Una volta avvenuto il trasferimento, i sintomi si mescolano tra quelli del tumore primario e quelli originatesi dal progresso metastatico.

Sintomi delle metastasi alle ossa

Le metastasi alle ossa condividono sintomi comuni, oltre a quelli tipici del tumore primario da cui hanno origine. Tra i sintomi comuni abbiamo:

  • Dolore: si tratta di uno dei sintomi più caratteristici delle metastasi ossee. Può essere un dolore persistente o meno. In alcuni pazienti il movimento lo aggrava, mentre in altri è presente in qualunque momento, sebbene a riposo, il che ostacola l’efficacia della terapia.
  • Fratture: come già anticipato, le metastasi indeboliscono il tessuto osseo. Un osso debilitato è più soggetto a fratture e a spezzarsi al minimo sforzo. Nei pazienti oncologici è fondamentale prevenire le fratture.
  • Ipercalcemia: la ferita che causa la metastasi del tessuto osseo rilascia calcio nel sangue. Aumentando i livelli di calcio, si manifestano sintomi quali costipazione, inappetenza e poliuria (eccesso di minzione). Senza appetito e con eccessiva produzione di urina si può andare incontro a disidratazione.
  • Compressione: uno dei punti in cui più comunemente si manifesta la metastasi ossea è la colonna vertebrale. Le vertebre danneggiate possono rimpicciolirsi, accavallarsi una sull’altra o cambiare posizione. In seguito a ciò, i nervi o il midollo spinale subiscono una certa pressione.
Metastasi alle ossa fratture
Le fratture sono una complicazione comune in caso di metastasi ossee.

Potrebbe interessarvi anche: Il sarcoma: un cancro del tessuto connettivo

Trattamento delle metastasi ossee

Sono due i modi in cui è possibile intervenire per trattare le metastasi delle ossa. Si può procedere con un approccio sistemico o con uno localizzato. La scelta dipende dal tipo di cancro originario, dalle condizioni cliniche del paziente e dalla disponibilità in sede di questi trattamenti. Vediamone qualcuno.

Opzioni sistemiche

  • Chemioterapia: si tratta della somministrazione di farmaci che bloccano la riproduzione delle cellule tumorali. È l’opzione più scelta.
  • Radioterapia: attraverso una radiazione emessa da un macchinario specializzato, si penetra all’interno dell’organismo per distruggere le cellule cancerogene. La quantità di sedute e il dosaggio radioterapico varia da paziente a paziente. Di solito è molto efficace per controllare il dolore causato dalle metastasi ossee.
  • Terapia ormonale: consiste nella somministrazione di farmaci che bloccano specifici ormoni. Si tratta di una terapia scelta in caso del cancro al seno o a quello della prostata.
  • Immunoterapia: anche questo a base di farmaci, ma in questo caso si tratta di medicinali che vengono elaborati allo scopo di emulare le funzioni del sistema immunitario.
  • Radiofarmaci: in questo caso la radiazione proviene dall’interno dell’organismo, e non da una fonte esterna. I radiofarmaci vengono iniettati nel corpo del paziente, viaggiano verso le metastasi ossee e da lì si irradiano verso le cellule tumorali, di cui restano a fianco.

Paziente con metastasi alle ossa
Una volta individuata una metastasi delle ossa, sono diverse le opzioni terapiche per affrontarla.

Opzioni coadiuvanti e localizzate

  • Bisfonati: i bisfonati bloccano l’azione degli osteoclasti, in modo da evitare che continuino a distruggere l’osso sano.
  • Denosumab: con un’azione simile a quella dei bisfonati, il denosumab blocca gli osteoclati. Il suo meccanismo d’azione è diverso da quello degli altri, ma il risultato finale è simile.
  • Vertebroplastica: quando la metastasi alle ossa interessa la colonna vertebrale, c’è la possibilità di una iniezione diretta di colla ossea ad azione rapida. Questa procedura prende il nome di vertebroplastica ed è molto efficace per attenuare il dolore.
  • Chirurgia: il trattamento chirurgico è disponibile quando vengono soddisfatti determinati criteri. Se la metastasi è accessibile, può essere operata e rimossa, il che aiuta a estrarre la sezione interessata.

Per saperne di più: Agenti chemioterapici attualmente disponibili

Agire in caso di metastasi alle ossa

La comparsa di una metastasi alle ossa è una complicazione grave nel decorso di una patologia oncologica. È fondamentale che il paziente venga monitorato da una squadra di professionisti esperti e aggiornati, in grado di offrire le migliori alternative di cura possibili.

Con le nuove opzioni terapiche a disposizione, è oggi possibile migliorare la qualità della vita delle persone affette da neoplasia metastatica.

  • Vicent, S., et al. “Las metástasis óseas del cáncer.” Anales del Sistema Sanitario de Navarra. Vol. 29. No. 2. Gobierno de Navarra. Departamento de Salud, 2006.
  • García, F. BAIXAULI, et al. “Estado actual de las metástasis óseas.” Revista española de cirugía osteoarticular 49.257 (2014).
  • Centeno, C., et al. “Metástasis óseas: manifestaciones clínicas y complicaciones. Un tratamiento multidisciplinar.” Med Pal 8 (2001): 100-108.
  • Durand, J-P., et al. “Metástasis óseas: manejo multidisciplinario, conducta diagnóstica y terapéutica.” EMC-Aparato locomotor 46.1 (2013): 1-16.
  • Salazar Pacheco, Rudy, et al. “Metástasis óseas en tumores malignos de la mama. Breve informe epidemiológico.” Acta Ortopédica Mexicana 16.2 (2002): 51-55.