Micosi vaginale: 3 rimedi a base d’aglio

Oltre ad assumerlo nella dieta, possiamo approfittare dei benefici dell'aglio in maniera topica per combattere la proliferazione della micosi vaginale, attenuarne il fastidio e recuperare l'equilibrio perduto.

La micosi vaginale è un problema comune a molte donne che ne soffrono in maniera frequente. Causa fastidi e prurito e, per questo motivo, può essere molto limitante nella vita quotidiana e nella relazione di coppia. Per questo motivo, il nostro consiglio è di trattarla in modo naturale il prima possibile.

In questo articolo vi suggeriamo 3 rimedi a base d’aglio, un potente antimicotico naturale che ci aiuterà a eliminare i funghi vaginali in maniera rapida ed efficace.

La micosi vaginale

La micosi vaginale

La maggior parte delle donne ha sofferto di micosi vaginale almeno una volta o ne soffre in modo frequente.

Malgrado la vagina disponga di una ricca flora composta da diversi microorganismi, il problema si manifesta quando alcuni di essi proliferano in eccesso rispetto agli altri e per colpa di diversi fattori:

  • Cambiamenti ormonali (per esempio, durante la menopausa)
  • Antibiotici, steroidi e anticoncezionali
  • Eccesso di calore o umidità
  • Diabete
  • Sovrappeso
  • Indumenti intimi sintetici
  • Alimentazione ricca di zuccheri e prodotti raffinati

I sintomi più frequenti della micosi vaginale sono irritazione, prurito, infiammazione e secrezione di muco biancastro.

Se il sistema immunitario funziona in modo corretto, le difese dell’organismo si incaricano di equilibrare di nuovo i microrganismi.

Candida albicans

L’infezione micotica vaginale più comune è causata dalla Candida albicans. È presente in molte donne in concentrazioni maggiori o minori, a volte senza che se ne abbia il sospetto.

È importante notare che quasi tutte le donne presentano questo fungo nell’organismo. Nella maggior parte dei casi è presente in maniera equilibrata senza causare problemi di salute.

  • Quando si notano i primi sintomi, bisogna trattarli con questi rimedi naturali o con un trattamento farmacologico indicato.
  • È importante prevenire o trattare la candidosi perché può estendersi ad altre parti del corpo: il sistema digestivo, l’apparato respiratorio, ecc.

Per approfondire: Eliminare i funghi e rafforzare le unghie

I benefici dell’aglio

L’aglio è un alimento dalle proprietà curative che viene impiegato sin dall’antichità per trattare molte malattie. È apprezzato come eccellente antibiotico privo di effetti collaterali, e per la sua capacità di migliorare la circolazione e prevenire le malattie cardiovascolari.

L’aglio è un potente antiossidante che combatte l’invecchiamento cellulare causato dai radicali liberi. Le sue proprietà depurative, inoltre, facilitano l’eliminazione delle tossine che si accumulano nell’organismo.

In questo modo è chiaro che mangiare aglio è un rimedio preventivo per assicurarsi una buona salute.

In caso di micosi vaginale, è importante sottolineare che l’aglio è un potente antimicotico. Grazie al suo contenuto di allicina, l’aglio combatte una grande varietà di funghi, virus e batteri.

Per questo motivo, bisogna tenere in considerazione la possibilità di approfittare delle sue proprietà curative in modo topico oltre che includerlo nella propria dieta.

3 rimedi naturali a base di aglio in caso di micosi vaginale

1. Inserimento dell’aglio

Dente d'aglio

Il rimedio più semplice consiste nell’introdurre nella vagina mezzo spicchio d’aglio appena tagliato.

Per facilitarne poi l’estrazione, dovremo usare un ago e un filo per realizzare una specie di cordino, come se si trattasse di un tampone. In questo modo sarà facilissimo tirarlo fuori.

Lasceremo agire durante tutta la notte, purché non ci procuri eccessivo fastidio o irritazione. È possibile, infatti, che provochi un leggero bruciore o prurito.

Grazie a questo semplice rimedio, l’aglio rilascerà l’allicina in maniera graduale eliminando i funghi.

Consigliamo di leggere anche: 7 consigli per combattere le infezioni vaginali da funghi

2. Sacchetto d’aglio

Se preferiamo adoperare un rimedio un po’ più elaborato, possiamo procedere nel seguente modo:

  • Schiacciare due o tre spicchi d’aglio
  • Avvolgerli in una garza sterile come se volessimo fare un sacchettino e annodare
  • Introdurre il sacchetto nella vagina come fosse un tampone, lasciando il nodo fuori
  • Lasciar agire al massimo 4 ore. È importante non superare questo tempo per non causare una grave irritazione nella zona intima.

3. Olio di aglio

Olio d'aglio

Se preferiamo un’opzione più comoda, possiamo comprare delle capsule di olio di aglio. Questo integratore di solito viene consumato per via orale, ma in caso di micosi vaginale è possibile impiegarlo in maniera topica.

Apriremo una capsula e metteremo l’olio su una salvietta intima. La metteremo negli slip e lasceremo che il calore e l’umidità facilitino l’azione dei principi attivi. Questi raggiungeranno il canale vaginale mediante i vapori e il contatto diretto, senza dover introdurre l’aglio.

Categorie: Rimedi naturali Tags:
Guarda anche