Migliorare il rendimento sportivo con la dieta?

L'alimentazione svolge un ruolo molto importante per quanto riguarda il rendimento sportivo. Per questa ragione, è utile conoscere alcune strategie alimentari che aiutano a migliorare le prestazioni sportive.
Migliorare il rendimento sportivo con la dieta?

Ultimo aggiornamento: 14 maggio, 2021

È comune chiedersi se è possibile migliorare il rendimento sportivo con la dieta. L’allenamento rappresenta evidentemente un elemento essenziale se si desidera migliorare la propria performance; tuttavia, anche l’alimentazione è importante.

Se non consumiamo i nutrienti necessari, non potremo dare il meglio delle nostre capacità fisiche. Oltre a ciò, alcune abitudini e sostanze ci consentono di migliorare l’abituale rendimento sportivo.

Migliorare il rendimento sportivo con la dieta: cosa sapere

Uomo che prepara un frullato.
L’alimentazione è determinante in termini di rendimento sportivo. È importante assicurarsi un ottimale apporto di nutrienti.

Riserve di glicogeno

Fare il pieno di glicogeno durante i giorni precedenti alla performance è una delle strategie più comuni per migliorare il rendimento in sport anaerobici o di lunga durata.

A tale scopo, va eseguita una deplezione del glicogeno attraverso un basso consumo di idrati, per poi procedere a un sovra-accumulo mediante l’ingestione di molti zuccheri per uno o due giorni.

È così possibile immagazzinare una quantità maggiore di glicogeno nei depositi muscolari ed epatici. Questa strategia garantisce una migliore biodisponibilità energetica e un ritardo nella comparsa della fatica. Viene impiegata negli sport di gruppo come il calcio e in alcuni sport di contatto.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Il glucosio è una molecola indispensabile alla vita

Dieta chetogenica negli sport aerobici

Possiamo migliorare l’ossidazione dei lipidi per la produzione di energia in sport aerobici tramite la dieta chetogenica. Allenarsi in assenza di carboidrati oppure a digiuno migliora la produzione mitocondriale e l’efficienza della beta ossidazione lipidica.

A seguito di ciò, si verifica un adattamento da parte dell’organismo. Questo adattamento comporta un aumento del rendimento, dunque si è avvantaggiati rispetto a un individuo che non adotta questa strategia.

Di solito viene impiegata in sport di fondo di lunga durata e non è consigliabile eseguire sforzi anaerobici durante il periodo di chetosi o digiuno.

Lo sforzo realizzato deve essere inferiore al 60% della capacità massima, allo scopo di prevenire nausee e problemi muscolari.

Integratori per migliorare il rendimento sportivo

Alcune sostanze consentono di aumentare il rendimento sportivo in modo legale. La creatina, per esempio, aumenta la forza e la resistenza.

I tamponi intra ed extracellulari, come la beta-alanina e il bicarbonato, ritardano la comparsa della fatica. La caffeina, invece, migliora la risposta del sistema nervoso centrale e ritarda la comparsa della fatica.

Queste sostanze, quindi, migliorano la performance dello sportivo senza provocare effetti indesiderati né danni per la salute. Ciononostante, per sfruttarle al massimo, è importante assumerle correttamente.

La creatina e la beta-alanina, per esempio, vengono impiegate in maniera ciclica. Il bicarbonato, invece, sta cadendo in disuso a causa della sua scarsa praticità: per produrre un effetto vantaggioso, sono necessari dosaggi troppo alti.

Al suo posto, vengono utilizzati sempre più spesso i nitriti come composti vasodilatatori. Un esempio è il concentrato di barbabietola, ricco di queste sostanze.

Integratore sportivo.
Sul mercato sono disponibili diversi integratori che aiutano a migliorare il rendimento sportivo. Tuttavia, è necessario assumerli correttamente.

È importante associare l’alimentazione a un allenamento corretto

L’alimentazione può migliorare il rendimento sportivo solo se associata a un adeguato allenamento. Così come non è possibile costruire massa muscolare limitandosi a ingerire proteine, per migliorare il rendimento sportivo, bisogna sottoporre l’organismo ai necessari carichi di lavoro.

Di conseguenza, è importante seguire una dieta ricca di macro e micronutrienti indispensabili per il corretto funzionamento del corpo; al tempo stesso, bisogna essere costanti negli allenamenti.

Vi consigliamo di leggere anche: Il glucagone: cos’è e a che cosa serve?

Dieta per migliorare il rendimento sportivo

La dieta è una parte fondamentale della strategia per garantire il rendimento di un atleta. Seguire una corretta alimentazione previene la riduzione dell’efficienza muscolare e la comparsa di problemi di salute.

Inoltre, alcune strategie alimentari permettono di aumentare il rendimento sportivo. In base allo sport praticato, è possibile ricorrere a integratori, allenamenti sotto chetosi o ricariche di glicogeno.

Ciononostante, prima di prendere una decisione in merito, è bene consultare un nutrizionista. Molti integratori devono essere consumati seguendo dosaggi e regole specifiche per garantirne gli effetti.

D’altro canto, nel caso in cui si decida di allenarsi a digiuno o ricaricarsi di glicogeno, il professionista deve definire i programmi dietetici e di allenamento allo scopo di ridurre al massimo possibili rischi e complicazioni.

Potrebbe interessarti ...
Allenamento occlusivo e ipertrofia muscolare
Vivere più saniLeggilo in Vivere più sani
Allenamento occlusivo e ipertrofia muscolare

Stiamo per parlarvi di allenamento occlusivo e ipertrofia muscolare. In base ai propri obiettivi, è importante saper distinguere i diversi tipi di esercizi.



  • Butts J, Jacobs B, Silvis M. Creatine Use in Sports. Sports Health. 2018 Jan/Feb;10(1):31-34. doi: 10.1177/1941738117737248. Epub 2017 Oct 23. PMID: 29059531; PMCID: PMC5753968.
  • Grgic J, Mikulic P, Schoenfeld BJ, Bishop DJ, Pedisic Z. The Influence of Caffeine Supplementation on Resistance Exercise: A Review. Sports Med. 2019 Jan;49(1):17-30. doi: 10.1007/s40279-018-0997-y. PMID: 30298476.
  • Van De Walle GP, Vukovich MD. The Effect of Nitrate Supplementation on Exercise Tolerance and Performance: A Systematic Review and Meta-Analysis. J Strength Cond Res. 2018 Jun;32(6):1796-1808. doi: 10.1519/JSC.0000000000002046. PMID: 29786633.