Misure preventive contro l’ictus: 7 sane abitudini

27 Ottobre 2020
Gli uomini sono la categoria più a rischio di ictus, ma nelle donne l'incidenza subisce un forte incremento con l'invecchiamento. Vediamo alcune abitudini fondamentali per prevenirlo.

L’accidente cerebrovascolare, o ictus, si verifica in seguito a uno scarso o nullo afflusso di sangue al cervello. Come conseguenza di questo fenomeno, i neuroni possono risultare danneggiati o perfino morire. È tuttavia possibile adottare le seguenti misure preventive contro l’ictus.

Secondo uno studio pubblicato sulla Revista de Neurología, gli uomini rappresentano la categoria più a rischio, ma nelle donne questa propensione aumenta notevolmente con l’avanzare dell’età.

Secondo i dati pubblicati dalla Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa, in Italia questa malattia rappresenta la terza o la seconda causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie e costituisce la prima causa di invalidità. Come possiamo ridurre il rischio di esserne colpiti? Ne parliamo in questo articolo.

Che cos’è l’ictus?

L’ictus è una patologia cerebrovascolare che colpisce i vasi sanguigni che forniscono sangue al cervello. Un ictus si verifica quando un vaso sanguigno si rompe o è ostruito da un coagulo o da un’altra formazione.

Come riferisce un articolo del Manuale MSD, a causa di questo blocco o rottura, parte del cervello non riceve più il necessario afflusso di sangue, ossigeno e glucosio. In seguito a ciò, le cellule nervose dell’area interessata muoiono dopo alcuni minuti. 

Quali sono i fattori di rischio?

Il tabagismo è un fattore di rischio di essere colpiti da ictus.

Prevenire la maggior parte dei casi di ictus è possibile. A tale scopo, bisogna adottare abitudini di vita che riducano al minimo i fattori di rischio. Secondo l’articolo del manuale MSD precedentemente citato, i fattori di rischio più comuni sono i seguenti:

  • Tabagismo: secondo quanto spiegato dalla Federación Española de Daño Cerebral, numerosi studi indicano la nicotina, i gas ossidanti e il monossido di carbonio presenti nelle sigarette come i colpevoli della relazione diretta tra il fumo e un rischio maggiore di ictus.
  • Diabete: questa malattia provoca un incremento del rischio di ictus, soprattutto se di tipo 2.
  • Pressione arteriosa alta: l’ipertensione arteriosa è il principale fattore di rischio di ictus.
  • Consumo eccessivo di alcol.
  • Eredità genetica e gruppo etnico di appartenenza: il rischio di ictus è maggiore se un membro della famiglia ne è già stato colpito in precedenza.

Misure preventive contro l’ictus

Tenendo conto dei fattori di rischio coinvolti, è importante concentrarsi su quelli che è possibile modificare. Vediamo a seguire le principali misure preventive contro l’ictus.

1. Seguire una dieta sana

Dieta sana tra le misure preventive contro lo ictus.

Come sostiene l’Organizzazione Mondiale della Sanità, un’alimentazione sana e varia, costituita soprattutto da pasti a basso contenuto di sale e di grassi, aiuta a prevenire il diabete e le cardiopatie, ma anche altre patologie.

Frutta, verdura, cereali integrali e pesce non possono mancare in un piano alimentare equilibrato. Per scoprire la dieta specifica per ogni persona, si consiglia di consultare un nutrizionista.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Ridurre il rischio di infarto e ictus cambiando dieta

2. Fare sport

Uno studio pubblicato nel 2012 sulla rivista Neurología sostiene che è importante svolgere regolarmente attività fisica per ridurre i rischi di ictus. È sufficiente dedicarsi a un’attività moderata, come camminare per un’ora al giorno. L’esercizio intenso o la pratica di un qualche sport potrebbero potenziare questi benefici.

3. Controllare la pressione tra le misure preventive contro l’ictus

La pressione arteriosa deve essere mantenuta entro i limiti considerati sani. L’ipertensione, infatti, è uno dei principali fattori di rischio che possono portare all’insorgenza di un accidente cerebrovascolare.

Vi consigliamo di leggere anche: Ictus cerebrale: procedure di primo soccorso

4. Tenere sotto controllo il colesterolo

Test per il colesterolo.

Anche regolare i livelli di colesterolo è fondamentale per prevenire un ictus. Si parla di ipercolesterolemia, ovvero alti livelli di colesterolo, al di sopra dei 200 mg/dl.

Secondo un articolo della Mayo Clinc, in presenza di colesterolo alto bisogna ricorrere a dieta e sport; in alcuni casi, bisognerà assumere dei medicinali. Quest’ultimo aspetto, naturalmente, dovrà essere valutato dal medico.

5. Regolare i livelli di zucchero tra le misure preventive contro l’ictus

Anche la quantità di zucchero presente nel sangue deve essere mantenuta a livelli sani, ovveri indicati dalle autorità sanitarie. I soggetti diabetici dovranno seguire un trattamento per prevenire eventuali picchi glicemici.

6. Ridurre il consumo di alcol

Il consumo di alcol deve essere moderato se non del tutto evitato quando presenti uno o più fattori di rischio di ictus.

7. Smettere di fumare

Abbandonare il fumo è indispensabile per prevenire un ictus. Anche se per molte persone si tratta di una vera e propria sfida, diversi siti, come Smokefree che dipende dai National Institutes of Health, offrono consigli molto validi e forniscono assistenza per riuscire a raggiungere questo scopo.

Misure preventive contro l’ictus: le abitudini sono fondamentali

Ricordate che uno stile di vita sano riduce significativamente i fattori di rischio di ictus. Una dieta sana, sport frequente e ridurre o eliminare fumo e alcool aumentano sensibilmente le probabilità di prevenire un ictus.

Tutte queste azioni richiedono un impegno quotidiano. Al di là di qualunque farmaco che il medico possa prescrivere, i nostri sforzi al fine di condurre una vita più sana fanno la differenza.

  • Gállego J., Herrera M., Jericó I., Muñoz R., Aymerich N., Martínez-Vila E.. El ictus en el siglo XXI: Tratamiento de urgencia. Anales Sis San Navarra  [Internet]. 2008;  31( Suppl 1 ): 15-29. Disponible en: http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1137-66272008000200003&lng=es.
  • Martínez-Vila, E., & Irimia, P. (2000). Factores de riesgo del ictus. In Anales del sistema sanitario de Navarra (Vol. 23, pp. 25-31).
  • Ustrell-Roig, X., & Serena-Leal, J. (2007). Ictus. Diagnóstico y tratamiento de las enfermedades cerebrovasculares. Revista Española de Cardiología60(7), 753-769.
  • Cómo seguir sin fumar. Smokefree – National Institute of Health. https://espanol.smokefree.gov/deje-de-fumar/como-seguir-sin-fumar
  • Autores varios. 2012. Guía para el tratamiento preventivo del ictus isquémico y AIT (I). Actuación sobre los factores de riesgo y estilo de vida. Neurología. https://www.elsevier.es/es-revista-neurologia-295-articulo-guia-el-tratamiento-preventivo-del-S0213485311002611
  • Alimentación sana. 2018. Organización Mundial de la Salud. https://www.who.int/es/news-room/fact-sheets/detail/healthy-diet
  • El tabaco representa uno de los mayores riesgos para sufrir un ictus entre millones de fumadores. 2017. Federación Española de Daño Cerebral. https://fedace.org/index.php?&PHPSESSID=72k4puqeefb0459rnec21qa142&V_dir=MSC&V_idmod=62&idn=1678
  • Accidente cerebrovascular (ictus). 2017. Manual MSD. https://www.msdmanuals.com/es/hogar/breve-informaci%C3%B3n-trastornos-cerebrales,-medulares-y-nerviosos/accidente-cerebrovascular-acv/accidente-cerebrovascular-ictus
  • Vila-Corcoles Á, Satue-Gracia E, Ochoa-Gondar O, et al. Incidencia y letalidad del ictus isquemico en la poblacion mayor de 60 años del area de Tarragona, España (2008-2011) [Incidence and lethality of ischaemic stroke among people 60 years or older in the region of Tarragona (Spain), 2008-2011]. Rev Neurol. 2014;59(11):490-496.
  • Nivel de colesterol alto. Mayo Clinic. https://www.mayoclinic.org/es-es/diseases-conditions/high-blood-cholesterol/symptoms-causes/syc-20350800