7 modi per imparare a tollerare l'incertezza

Per tollerare l'incertezza dobbiamo accettare che esista. In questo modo siamo orientati a pensare in termini di risorse e non di carenze.
7 modi per imparare a tollerare l'incertezza

Ultimo aggiornamento: 05 agosto, 2022

Succederà o no? E se succede? Ecco come appare la situazione concreta in cui non possiamo tollerare l’incertezza. Facendoci domande sul futuro, immaginando scenari remoti che ci disorientano.

Tuttavia, questa preoccupazione eccessiva non fa altro che sollevare paure e preoccupazioni.

Inoltre, funziona nella direzione opposta: invece di farci trovare delle soluzioni, ci blocca in un vicolo cieco. Per imparare a tollerare l’incertezza, la cosa migliore da fare è accettare che esista.

Si tratta di indagare su una situazione per differenziare quegli aspetti che sono sotto il nostro controllo da quelli che non lo sono. Un atteggiamento del genere ci aiuterà anche a tollerare meglio la frustrazione.

Leggete anche: Sentimenti contrastanti: cosa sono e come gestirli

Ecco alcuni modi per tollerare e gestire l’incertezza.

1. Non preoccuparsi

Una raccomandazione per tollerare l’incertezza è quella di concentrare i propri sforzi su quegli aspetti che possiamo prevedere e anticipare. In questo modo attiriamo l’attenzione da quelle situazioni probabili, che generano solo ansia e preoccupazione.

Questo atteggiamento ci rende proattivi. La preoccupazione, invece, ci lascia bloccati e angosciati.

ansia da incertezza
L’ansia dell’incertezza ci paralizza e alimenta un circolo vizioso.

2. Immaginare la scena temuta e associarla alle proprie risorse

Sicuramente la situazione che ci provoca ansia è già sfilata più e più volte nella vostra mente, provocando angoscia e una sensazione di perdita di controllo. Ora dovreste fare un passo avanti e chiedervi quali risorse e quali punti di forza avete a disposizione per affrontarla.

Immaginare una risoluzione positiva è un modo per ridurre il disagio. A sua volta, si apre la porta per proporre delle soluzioni al problema.

3. Imparare a identificare le emozioni e ad accettarle

È necessario sapere come ci sentiamo riguardo a determinati problemi, quali cose causano determinate emozioni in noi. Non è essenziale mostrarci forti di fronte agli altri, quando ciò di cui abbiamo bisogno è il contenimento.

Imparare ad esprimere e padroneggiare le emozioni, invece di evitarle o fuggire da loro, ci permette di arrivare più preparati ed essere più padroni di noi stessi.

4. Evitare i gesti compulsivi

Un esempio molto chiaro è stato quello che è successo durante la pandemia. Improvvisamente, il mondo si è trovato in una situazione avversa e senza precedenti di cui si sapeva poco.

Era logico che le prime reazioni fossero di incertezza e angoscia. Ma avere la televisione accesa tutto il giorno per controllare il numero dei contagi era controproducente: generava più ansia e più angoscia.

Per questo motivo è importante evitare i comportamenti compulsivi che provocano un effetto rimbalzo. A sua volta, è necessario scegliere molto bene le fonti che ci informano.

5. I punti di appoggio per tollerare l’incertezza

Molte volte possiamo diventare ciechi su un sentiero o quando prendiamo una decisione. Ma è possibile cercare basi che fungono da supporto:

  • Famiglia.
  • Gli amici.
  • Passione per quello che facciamo.
  • Vocazione.

Tutti dovrebbero sapere cosa è importante e dove trovare un rifugio quando appare l’incertezza.

6. Praticare la meditazione

Ad esempio, attraverso esercizi di respirazione che ci aiutano a mantenere la calma. Contribuisce anche la pratica della mindfulness, con il suo slogan “qui e ora”.

7. Discutere con i propri pensieri

Dobbiamo essere consapevoli che i nostri pensieri non sono la realtà, ma una costruzione. Per questo dobbiamo anche osare discuterle, soppesare la presunta verità sotto la quale si nascondono queste affermazioni e relativizzare ciò che viene presentato come minaccioso.

Molte volte ingrandiamo alcuni aspetti e ne sopravvalutiamo l’utilità e la probabilità. Un’altra strada possibile è chiederci cosa ci manca o cosa stiamo lasciando da parte per pensare così tanto a un determinato argomento.

Esamina i pensieri per tollerare l'incertezza.
Imparare a meditare e osservare i pensieri è una buona pratica continua che riduce l’ansia.

Le conseguenze del non riuscire a tollerare l’incertezza

Vivere alla ricerca della certezza non solo ci impedisce di goderci il presente, ma trasforma anche il futuro in qualcosa di spaventoso. Ci sottopone a stati di stress cronico e può portarci a situazioni complesse:

Ci sono alcune questioni che non hanno risposte conclusive, in cui non sempre potremo avere il finale che vogliamo. Più cerchiamo e ossessioniamo qualcosa, più ci sentiremo insicuri, perché ci lasceremo trasportare dai pregiudizi cognitivi.

Infine, come sottolinea Rebecca Solnit nel suo libro L’arte di perdersi, il fatto di non conoscere e di muoversi in un terreno sconosciuto può essere la punta del filo per trovare una via d’uscita diversa, per imparare a guardare le cose con occhi diversi, per ritrovare noi stessi. In questo modo, l’incertezza può essere la spinta per sviluppare la nostra creatività.

Potrebbe interessarti ...
Quello che verrà dopo sarà sempre meglio
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Quello che verrà dopo sarà sempre meglio

I cambiamenti sono faticosi ma occorre uscire dalla zona di comfort e pensare che quello che verrà dopo sarà sempre meglio.



  • Moscoso, M. S. (2010). El estrés crónico y la Terapia Cognitiva Centrada en Mindfulness: Una nueva dimensión en psiconeuroinmunología. Persona: Revista de la Facultad de Psicología, (13), 11-29.
  • García-Diex, Gustavo, & García-De-Silva, Rafael, & Moñivas, Agustín (2012). MINDFULNESS (ATENCIÓN PLENA): CONCEPTO Y TEORÍA. Portularia, XII( ),83-89.[fecha de Consulta 3 de Julio de 2022]. ISSN: 1578-0236. Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=161024437009