Natto, il cibo giapponese colloso che fornisce probiotici

Il natto è un alimento tradizionale giapponese con molteplici benefici per la salute. Uno di questi è il suo effetto probiotico. Vi diciamo di più a riguardo.
Natto, il cibo giapponese colloso che fornisce probiotici
Maria Patricia Pinero Corredor

Scritto e verificato da la nutrizionista Maria Patricia Pinero Corredor.

Ultimo aggiornamento: 23 dicembre, 2022

Il natto è un alimento giapponese a base di soia fermentata e con caratteristiche uniche. Ha un odore simile all’ammoniaca, consistenza viscosa e un sapore apprezzato solo dal 62% dei giapponesi. Tuttavia, essendo fermentato, ha benefici riconosciuti per la salute.

Esistono tre tipi di natto:

  1. Hamanatto.
  2. Itohiki.
  3. Daitokujinatto.

L’hamanatto e il daitokuji vengono preparati aggiungendo un tipo di muffa per 24 ore. All’itohiki vengono aggiunti batteri, messi in coltura per 24 ore senza aggiungere sale.

Il suo principale vantaggio, come sempre, è che è un probiotico. In questo articolo analizzeremo il natto come alimento funzionale. Continuate a leggere.

Cos’è il natto?

Il natto è un alimento tradizionale giapponese a base di semi di soia fermentati. Non viene prodotto con un qualunque batterio. Viene utilizzato il Bacillus natto, che dà il nome al prodotto. I semi di soia acquistano caratteristiche sensoriali insolite, che hanno reso questo alimento controverso.

La sua consistenza gelatinosa e filosa non è molto allettante. L’odore è di ammoniaca e di solito viene servito separatamente nei ristoranti, per non disturbare il resto dei commensali.

Sebbene il gusto sia leggermente più gradevole dell’odore, a pochi piace davvero. Tuttavia, poiché è considerato un alimento benefico, sono in molti a consumarlo.

Una porzione da 100 grammi di natto fornisce quanto segue:

  • Calorie: 211.
  • Proteine: 19 grammi.
  • Grassi: 11 grammi.
  • Zucchero: 13 grammi.
  • Fibre: 5,4 grammi.
  • Carboidrati complessi: 4,9 grammi.
  • Grassi saturi: 1,6 grammi.
  • Vitamina C: 13 milligrammi.
  • Ferro: 8,6 milligrammi.
  • Potassio: 729 milligrammi.
  • Calcio: 217 milligrammi.
natto giapponese.
Le caratteristiche organolettiche di questo piatto non sono tollerate da tutti.

Potrebbe interessarvi anche: Proteine della soia: fanno bene alla salute?

Un probiotico giapponese

Durante la produzione del natto, i semi di soia interi vengono lavati e messi a bagno per una notte in acqua calda. Vengono poi cotti per 20-30 minuti in una pentola a pressione.

I semi cotti vengono conservati a 45 gradi Celsius prima di essere inoculati con il ceppo batterico probiotico. Quindi vengono lasciati fermentare per 18-20 ore.

Nel corso di studi condotti sugli animali il Bacillus natto ha dimostrato di avere proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, enzimatiche e immunomodulatorie. Inoltre, in un trattamento per topi obesi, il batterio è riuscito a diversificare la flora intestinale dei soggetti indagati.

Ma non solo, ha ridotto significativamente il peso corporeo degli animali. Inoltre, ha abbassato i trigliceridi e il colesterolo totale.

D’altra parte, la scienza ha scoperto che questo bacillo ha funzionato come probiotico nell’alimentazione dei suini per 28 giorni. Per confermare la teoria, 90 maiali sono stati nutriti per 35 e 40 giorni con Bacillus natto. Gli autori della pubblicazione sottolineano il potenziale antibiotico, poiché la presenza del bacillo ha contrastato l’Escherichia coli.

Ma non tutti gli studi sono stati fatti sugli animali. Un altro studio più recente ha analizzato gli effetti sul microbiota intestinale umano durante il consumo di capsule di natto.

È stato riscontrato un aumento significativo dei bifidobatteri nelle persone studiate. I bifidobatteri sono microrganismi che abitano la flora intestinale e sono associati a una buona salute generale. Possono decomporre il cibo e combattere i microrganismi patogeni.

Altri vantaggi del natto

Il natto ha anche altri vantaggi: è considerato un super alimento. Vediamo in dettaglio.

Potrebbe inibire le infezioni virali

Studi scientifici hanno scoperto che nei pazienti trattati con un estratto di natto si sono inibite le infezioni virali, come la sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus (SARS-CoV-2) e l’herpesvirus bovino 1 (BHV-1). Come spiegano gli autori, ciò si ottiene attraverso la scomposizione delle particelle virali.

Un altro studio ha dimostrato come l’enzima nattokinase sia in grado di distruggere la proteina S del coronavirus. Questa proteina è essenziale per l’ingresso del virus nelle cellule. L’analisi ha mostrato che la proteina S sulla superficie cellulare è stata degradata grazie all’aggiunta di nattokinase al terreno di coltura.

Potrebbe essere un’alternativa per affrontare le malattie cardiovascolari

La nattochina, l’ingrediente più attivo del natto, ha dimostrato nella ricerca di avere attività fibrinolitica, effetti antiipertensivi, ipolipemizzanti, antiaterosclerotici, antipiastrinici e neuroprotettivi.

I primi studi hanno indicato che la nattochina ha potenziato le attività trombolitiche. Si suggerisce che sia dovuto ai suoi effetti antitrombotici, anticoagulanti, antiossidanti e ipolipemizzanti. Un altro studio ha descritto come l’integrazione di nattochina, 9 volte al giorno, sia stata efficace nel bloccare la progressione dell’aterosclerosi nei pazienti con placche aterosclerotiche. Il trattamento con il composto è durato 26 settimane.

I ricercatori hanno anche analizzato l’effetto della nattochina sull’ipertensione arteriosa. L’integrazione è stata applicata a pazienti con pressione sanguigna alta per 8 settimane e si è concluso che la pressione sanguigna sistolica e diastolica sono state ridotte.

Misurazione della pressione sanguigna dopo aver mangiato il natto.
L’effetto cardiovascolare del cibo non ha nulla a che fare con le sue proprietà probiotiche. Agirebbe attraverso altri meccanismi.

Come fare il natto in casa?

Nella preparazione del natto dovrete utilizzare il ceppo Bacillus subtilis natto, perché è quello che produce la fermentazione unica e caratteristica del prodotto. Avrete bisogno di questi ingredienti:

  • Acqua.
  • 500 grammi di semi di soia.
  • 1 grammo di spore di Bacillus subtillis natto (o anche 50 grammi di natto già preparato).

Per iniziare, dovrete bollire tutti gli strumenti da utilizzare per evitare la contaminazione incrociata. Fatto ciò, mettete i semi di soia a bagno per 12 ore, anche se molti consigliano di lasciarli fino a un’intera giornata.

Finita la fase di ammorbidimento, cuoceteli per 15 minuti in pentola a pressione o a fuoco medio per 6 ore. A cottura ultimata toglieteli dal fuoco, scolate e lasciate raffreddare a temperatura ambiente. Successivamente, li riporrete in un luogo caldo, fino a quando non acquisiscono una temperatura di circa 50 gradi centigradi. Avrete bisogno di un termometro.

Raggiunta questa temperatura, potete aggiungere i batteri. Se non avete il Bacillus natto in polvere, potete mettere 50 grammi di natto pronto. Mescolate in modo che i batteri si integrino bene con i semi di soia cotti.

Lasciate fermentare alla temperatura costante di 40 gradi Celsius per 24 ore. Potete metterli in forno o in una yogurtiera per ottenere la fermentazione ideale.

Una volta ottenuta la fermentazione, il prodotto è adatto al consumo. Molti, tuttavia lo fanno macerare in frigorifero per altri 1-3 giorni.

Potrebbe interessarti ...
Alimenti fermentati, perché fanno bene?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Alimenti fermentati, perché fanno bene?

Sebbene vengano consumati da secoli, ultimamente è diventata una moda. Perché fa bene mangiare gli alimenti fermentati? Ve lo diciamo in questo art...



  • Hongjie Chen y col. Nattokinase: A Promising Alternative in Prevention and Treatment of Cardiovascular Diseases. Biomark Insights. 2018; doi: 10.1177/1177271918785130
  • Ji Young Kim. Effects of nattokinase on blood pressure: a randomized, controlled trial. Hypertens Res
    . 2008 Aug;31(8):1583-8. doi: 10.1291/hypres.31.1583.
  • Kanako Kono y col. Fluctuations in Intestinal Microbiota Following Ingestion of Natto Powder Containing Bacillus subtilis var. natto SONOMONO Spores: Considerations Using a Large-Scale Intestinal Microflora Database. Nutrients 2022, 14(18), 3839; https://doi.org/10.3390/nu14183839
  • Mami Oba. Natto extract, a Japanese fermented soybean food, directly inhibits viral infections including SARS-CoV-2 in vitro. Biochem Biophys Res Commun. 2021 Sep 17; 570: 21–25.
  • Medline. Bifidobacterium animalis subsp. lactis. https://medlineplus.gov/spanish/druginfo/natural/891.html
  • N N Ren y col. [A clinical study on the effect of nattokinase on carotid artery atherosclerosis and hyperlipidaemia]. Zhonghua Yi Xue Za Zhi. 2017 Jul 11;97(26):2038-2042. doi: 10.3760/cma.j.issn.0376-2491.2017.26.005.
  • Pinggui Wang. Bacillus natto regulates gut microbiota and adipose tissue accumulation in a high-fat diet mouse model of obesity. 27 March 2020. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S175646462030147X
  • Sandra R B Ruiz Sella. Bacillus subtilis natto as a potential probiotic in animal nutrition. Crit Rev Biotechnol. 2021 May;41(3):355-369. doi: 10.1080/07388551.2020.1858019. Epub 2021 Feb 9.
  • Takashi Tanikawa. Degradative Effect of Nattokinase on Spike Protein of SARS-CoV-2. Molecules 2022, 27(17), 5405; https://doi.org/10.3390/molecules27175405
  • Xiaohua Guo. Screening of Bacillus strains as potential probiotics and subsequent confirmation of the in vivo effectiveness of Bacillus subtilis MA139 in pigs. Antonie Van Leeuwenhoek. 2006 Aug;90(2):139-46. doi: 10.1007/s10482-006-9067-9. Epub 2006 Jul 4. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16820971/

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.